Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Amare...

Felicità intravista
sognata in lontananza
su labbra sorridenti
ed occhi ingannatori,
dall'alto di un terrazzo
che fà da mediatore,
ispiratore intrinseco
di un facile desio,
amare da lontano
qualcuno che non c'è
che non potrà mai esserci
ma è chiuso dentro te,
non bastano le onde
i baci e le carezze,
per cancellare il morbo
racchiuso nella mente
ma è bastato amarti
per perdere anche te.
Marco Bartiromo
Composta venerdì 27 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    N' attimo dd'ammore (Un attimo d'amore)

    Suspire 'e vas'
    carezz' appassiunat'
    'a mente nun ragion'
    'e nun vò cchiù pensà
    'o tiemp' sè fermat'
    è tutt' nu' silenzio
    me nfong' dint' 'a l'acque
    'e chistu mare blu
    'e bbraccie sò macign'
    ca' scavan' cu' forza
    pè scennere cchiù n'funn'
    fin' 'a ll'immensità
    'a frennesia me piglia
    respir' 'a mallappena
    ma nun me perd' nient'
    'e st' attimo dd'ammore.

    Sospiri e baci
    carezze appassionate
    la mente non ragiona
    e non vuole più pensare
    il tempo si è fermato
    intorno solo silenzio
    mi bagno in queste acque
    di questo mare blu
    le braccia sono forti
    e scavano con forza
    per scendere più in fondo
    fino all'immensità
    mi prende la smania
    respiro a malapena
    per non perdere niente
    di questo attimo d'amore.
    Marco Bartiromo
    Composta domenica 9 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      'O ffuoc' dint' 'e ven' (Il fuoco nelle vene)

      Pe' pute' apprezza'
      'e mument' cchiù bbell'
      ca' chesta vita te da'
      'o core s' adda sciogliere,
      comm' 'a na' cannela
      ca' se' squaglie
      'a poco.....'a poco
      co' calore 'e chistu ffuoc'
      ca' bbrucia dint' 'e vene.

      Per poter apprezzare
      i momenti più belli
      che la vita ti regala
      il cuore si deve sciogliere
      come una candela
      che si consuma
      piano, piano
      con il calore di questo fuoco
      che brucia nelle vene.
      Marco Bartiromo
      Composta sabato 29 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Senza pagare

        Il freddo mi prende questa sera
        la pioggia che batte, sui vetri del tram
        poche persone sono salite
        col viso triste, di chi non gradisce
        l'andazzo continuo di questo grigiore.
        La tipa mi guarda, lanciando un sorriso
        rispondo cortese ma giro la testa
        non ho tanta voglia di fare amicizia
        la noia mi prende e mi sento depresso.
        Appoggio la testa e chiudo un po' gli occhi
        e mentre il rollio mi culla deciso
        vengo sorpreso da un sonno leggero.
        Lo stridere secco del freno motore
        mi fà sobbalzare, mi sveglio impaurito
        e resto abbagliato dai raggi del sole
        che splende nel cielo, con fare altezzoso.
        L'aria è cambiata, fà un caldo bestiale
        la gente in costume che scende veloce
        rimango perplesso e guardo dal vetro
        un mare stupendo mi appare davanti
        non sò cosa fare, rimango seduto
        e guardo la tipa che ride gioiosa
        mi viene vicino, mi prende per mano
        mi guarda negli occhi e sussurra piano:
        "siamo arrivati nel posto fatato
        dove la mente ha un grande potere
        viaggiare sognando, senza pagare".
        Marco Bartiromo
        Composta mercoledì 5 maggio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Il tuo ritorno

          I giorni passano veloci
          gesti normali, solite manie
          la sveglia, la tracolla e corri via
          un timbro che ti dice che sei vivo
          e aspetti l'ora per tornare a casa
          una catena di monotonia
          con regole dettate e orari fissi
          che prima non mi davano pensieri
          quando mi svegliavi col sorriso
          e mi portavo il tuo profumo addosso.
          Adesso non rimane che il ricordo
          di quell'amore chiuso nel cassetto
          ma a volte, penso al tuo ritorno
          agli occhi tuoi che chiedono perdono
          spiegandomi di come possa chiudersi la mente
          quando la gelosia si fà presente
          di come non si guardi più al futuro
          se un chiodo ti comprime nella testa,
          fermarsi dentro l'aria di parcheggio
          piantare le radici nell'asfalto
          e credere di essere persuasa
          su piccoli dettagli inesistenti.
          In questo caso cerco di capire
          di come reagirei a tutto questo
          e non trovo risposta prematura
          ma sò che se tu fossi qui davanti
          e lacrime vedrei dentro i tuoi occhi
          ti butterei le braccia al collo
          e tornerei a sognare come prima.
          Marco Bartiromo
          Composta venerdì 7 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Bartiromo

            La mia mamma

            Hai aperto le tue braccia
            come i petali di un fiore a primavera
            e come un aquilone mi hai tenuto
            legato da quel filo immateriale
            intriso di saggezza, di ansie e di paure
            di lacrime versate e non riposte
            un nodo tra le dita vellutate
            che segna con la Fede il tuo dolore
            nascosto da un sorriso un po' falsato
            un gesto che con gli anni ti fà onore
            ma chiude la tua porta ai desideri
            che rimarranno chiusi dentro al cuore
            celati di speranze non sopite,
            con deboli segnali di clamore.
            Chiudi le tue dita e stringi forte
            non lascerò che il vento mi allontani
            ne morirei se questo succedesse
            sei il dono più prezioso
            la mia mamma.
            Marco Bartiromo
            Composta sabato 8 maggio 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Bartiromo

              Parole al vento

              Si perdono,
              ... facilmente...
              confuse tra le tante
              che ogni giorno pronunciamo,
              si nascondono
              e non lasciano traccia
              nell'archivio più grande,
              ... nell'atmosfera...
              Sono le parole,
              che affollano l'infinito,
              vanno alla rinfusa
              senza logica.
              Le trascriviamo,
              riportandole su fogli bianchi
              che con il tempo ingialliscono,
              chiuse tra migliaia di pagine
              che qualcuno sfoglierà,
              anche loro hanno un destino
              anche per loro, il tempo passa,
              allora, lasciamole libere,
              facciamo che sia il vento
              a trasportarle lontano,
              affinche trovino,
              la loro giusta destinazione.
              Solo parlando,
              possiamo comunicare.
              Marco Bartiromo
              Composta domenica 16 maggio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Bartiromo

                Ti cercherò

                Ho spruzzato del tuo nome
                ogni angolo pulito
                con lo smalto rosso fuoco
                che ho sottratto dal mio cuore
                durevole nel tempo,
                indenne a corrosione,
                un marchio permanente
                scagliato nel futuro.
                Aspiro la tua aria
                dal filtro consumato,
                un fiume di tabacco,
                di foglie colorate,
                per stendere quel velo
                con l'aria del mio corpo,
                cacciare via quel fumo
                per anni mescolato,
                semplici graffiti
                che mai vedranno fine,
                sul muro solitario
                che scoprirà il tuo viso
                e scoppierà di gioia,
                vedendo il tuo sorriso.
                Vagando come un matto
                in cerca dei tuoi occhi
                colorerò le strade
                di suole consumate
                che lasciano le orme
                impresse nel selciato
                di un lupo che ha varcato
                il bosco dell'inganno
                e non si fermerà,
                se non ti avrà trovato.
                Marco Bartiromo
                Composta martedì 18 maggio 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marco Bartiromo

                  Nido d'amore

                  Un fiume di parole
                  correva sulle bici
                  lasciate lì per terra
                  per vincere i minuti,
                  la polvere copriva
                  le ruote consumate
                  da tante corse folli
                  e ripide salite
                  per giungere in quel posto
                  che ci vedeva soli
                  uniti da quel fuoco
                  che ardeva dentro noi.
                  Un viottolo nascosto
                  tra i rami aggrovigliati
                  per ricoprire il nido
                  con cura meditato
                  che vede i nostri nomi
                  incisi nel futuro.
                  Marco Bartiromo
                  Composta mercoledì 19 maggio 2010
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Marco Bartiromo

                    Energia vitale

                    A volte penso a come un'emozione
                    possa generare alterazioni
                    di forti e palpitanti batticuori
                    di brividi che rasano la pelle
                    di un'energia che cresce dentro noi.
                    È come collegare un filo a massa
                    che scarica corrente sulla terra
                    e fà scattare tutti i contatori,
                    potrebbero saltare i filamenti
                    di quella lampadina illuminata
                    ma resterà tensione dentro i fili,
                    la stessa che rimane nelle vene
                    quando si collegano due cuori
                    di pari intensità e scia vibrante
                    che parlano con frasi delicate
                    e provano le stesse sensazioni
                    un impeto speciale
                    questo è amore.
                    Marco Bartiromo
                    Composta venerdì 21 maggio 2010
                    Vota la poesia: Commenta