Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Il grattacielo dell'amore

Avvolto per anni
in carta da regalo
e chiuso da quel nastro
col fiocco arrotolato
un po' dimenticato
a volte stropicciato
da queste stesse mani
che andavano a cercarlo,
col desiderio immane
di farlo liberare
e dare inizio all'opera
di un sogno accantonato.
Adesso è lì davanti
è giunto il suo momento
l'inizio di un amore
che si alzerà nel cielo
toccando l'infinito
e che farà da base
al varo confermato,
la posa di un mattone
intriso di poesia
e un mondo di dolcezza,
per la costruzione
di questo grattacielo.
Marco Bartiromo
Composta lunedì 24 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    La partita della vita (1° Tempo)

    Il fischio d'inizio
    di un evento sentito
    momenti di studio
    e lanci programmati.
    La prima occasione
    arriva inaspettata
    e lascia solo teneri sorrisi,
    il gioco si fà bello
    l'estro si consuma,
    tocchi di fino
    e lampi di magia.
    Metto in rete
    con un colpo di testa,
    l'allegria divampa
    tra certezze e desideri
    ma solo nove minuti
    ed arriva il pareggio,
    gli occhi bassi ed alquanto delusi
    si và avanti con dura tenacia
    tra passaggi e lunghe discese,
    scivolate disperate
    e contrasti senza danni
    ma la pioggia arriva decisa
    e c'è il fischio che segna la fine,
    di un tempo,
    che lascia giudizi.
    Marco Bartiromo
    Composta mercoledì 2 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      Pensieri, parole e... baci

      Non uso... carta e penna
      per scrivere poesie
      ma i tasti consumati
      di questo mio pensiero
      che con la sua memoria
      è in grado di sentire
      ogni mia più piccola emozione
      e così, con tocco dolce e leggero
      sfioro la tastiera
      ed ecco, nascere le parole,
      come sulle note
      di una dolce melodia.
      Muovo le mie dita
      nel vano tentativo
      di trovare la tua pelle
      e mentre mi avventuro
      in un volo
      libero e soave
      arrivo alle tue labbra
      mi fermo
      premo il tasto off
      ... e parto con i baci...
      Marco Bartiromo
      Composta martedì 8 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Aspettann' 'o sole (In attesa del sole)

        Pe cagnà l'umore
        'e 'na jurnata scura
        allor' chiur' l'uocchie
        'e part' 'co pensier'
        nun serven' doje scelle
        nemmanc' l'apparecchio
        'ce pens' 'a fantasia
        'a 'te 'fa 'i luntan'
        vulann' 'ncopp 'a l'onna
        'ca sbatt' 'e 'nun 'te nfonn'
        dint' 'a stu mare bell'
        'ca 'te 'fa cunsulà
        'o post' 'e 'nu gabbian
        'ca nun ten' paur'
        arriv' 'a tuccà 'o ciel'
        'cu 'na mana sola
        fin' quann' all'orizzont'
        nun vir' 'e spuntà 'o sole
        'ca 'te cagna 'a linfa
        'e stu mument' nir.


        Per cambiare l'umore
        di una giornata buia
        allora chiudi gli occhi
        e vola con il pensiero
        non servono due ali
        nemmeno l'aereoplano
        basta la fantasia
        per farti andare lontano
        planando sull'onda
        che s'infrange ma non ti bagna
        in questo bellissimo mare
        che ti rallegra
        al posto di un gabbiano
        che non ha paura
        cerca di arrivare fino al cielo
        con una mano sola
        fino a quando, all'orizzonte
        non vedrai spuntare il sole
        che ti cambierà l'umore
        di questo momento nero.
        Marco Bartiromo
        Composta mercoledì 14 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Lacrime di pioggia

          Goccia
          soltanto una goccia
          lenta, ritmata
          scende decisa
          picchia sulla pietra
          e segue il destino
          cedendo al dovere
          e alla fedeltà
          legata alla sorgente
          da un filo di speranza
          che sgorghi sempre acqua
          da questa terra arsa
          che lascia solo piaghe
          sulla roccia nuda
          scavando nel profondo
          di anime deluse
          da anni di sgomenti
          e lacrime di pioggia.
          Marco Bartiromo
          Composta venerdì 16 aprile 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Bartiromo

            Fotografie

            Silenziose... parlano di noi
            di come eravamo, di come siamo
            nascono con noi e raccontano per noi
            seguono gli eventi, belli o brutti che siano
            ci tengono per mano, fin da bambini.
            Alcune... ti fanno sorridere
            pensando a quei momenti
            dove, sorrisi e felicità
            si leggono ancora, sui nostri volti
            altre... gioire, se pensi all'amore
            quando rivedi le persone
            che ti hanno fatto sognare
            ma se vedi le recenti
            il cuore intenerisce
            pensando al tempo
            che corre come un treno.
            Istantanee del passato
            che aspettano le altre
            pronte a svilupparsi
            dal rullino della vita.
            Marco Bartiromo
            Composta mercoledì 21 aprile 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Bartiromo

              Sono cose mie

              Ci sono giorni che
              dovrebbero finire ieri
              o non arrivare mai.
              Ci sono giorni che
              sono passati veloci
              bolliti, insapori.
              Ci sono giorni
              piccanti.
              Che fanno male.
              Ci sono giorni
              pieni d'amore
              che vorresti non finissero mai.
              Ci sono cose
              che prendono una piega diversa
              da come dovevano andare
              e fanno la bocca amara.
              Ci sono cose
              che non ho fatto
              per mancanza di tempo
              e mi chiedo:
              Ma dove ho perso il mio?
              Dove l'ho lasciato?
              Ma poi
              penso ai momenti speciali
              che ho visto e vissuto
              che fanno bene al cuore
              ma che forse
              vedo e vivo solo io
              forse perché interessano a me
              forse solo perché
              ... sono cose mie!
              Marco Bartiromo
              Composta martedì 27 aprile 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Bartiromo

                1° Maggio

                Diritto
                un valore acquisito
                tra rivolte operaie
                e battaglie decise
                l'unità condivisa
                che conquista l'onore
                lo sviluppo nascente
                di una classe perdente
                con in testa la voglia
                di una grande speranza
                che con tanta fatica
                ha raggiunto lo scopo
                di una legge
                che ha fatto sognare
                che ha dato
                il sapore alla vita
                Ideali che han visto
                solo vittorie
                ottenute col sangue
                tra lotte e cortei
                ma che gente meschina
                salita al governo
                ha fatto di tutto
                per farne pattume.
                Oggi torna l'angoscia di sempre
                la paura di restare al di fuori
                di un diritto che più non è nostro
                quindi, china le spalle e lavora
                e se parli ti sbattono fuori
                senza scrupoli e falsi pretese
                siam tornati gli schiavi di sempre
                di un regime che non ci dà niente
                ma che presto vedrà solo guerre.
                Marco Bartiromo
                Composta venerdì 30 aprile 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marco Bartiromo

                  Questo amore

                  Ti guardo negli occhi
                  e ci vedo riflesso
                  lo specchio dell'acqua
                  di un lago incantato.
                  Il pensiero s'inoltra
                  e vago furtivo
                  tra valli e paludi
                  che fanno contorno.
                  Mi fermo sul viso
                  tra luci e bagliori
                  tra forme sgraziate
                  e linee confuse
                  create dall'ombra
                  di foglie al vento
                  filtrate dai raggi
                  che squarciano il bosco.
                  Resto turbato
                  dal muschio dei tronchi
                  che inebria l'aria
                  di un fresco profumo.
                  Mi fermo alle labbra
                  e bevo alla fonte
                  il succo vitale
                  di questo amore.
                  Marco Bartiromo
                  Composta sabato 1 maggio 2010
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Marco Bartiromo

                    'O ciore (Il fiore)

                    'A luna
                    na' terrazz'
                    'a luce 'e nu' lampion'
                    te' teng' dint' 'e braccie
                    'e nun' me' par' 'o ver'.
                    Nn' orchestra sta' sunann'
                    'a vascia 'a Margellina
                    lasciann' dint' 'a l'aria
                    na' fresca melodia
                    ma si te tocc' 'a pell'
                    me' par' nu' pianist'
                    ca' premm' ncopp' 'e tast'
                    cu' delicatezz'
                    pe' nun' sciupa' stu' ciore
                    cc' addor' 'e primmaver'.


                    La luna
                    una terrazza
                    la luce di un lampione
                    sei nelle mie braccia
                    e non mi sembra vero.
                    Un orchestra sta suonando
                    verso Mergellina
                    lasciando nell'aria
                    una dolce melodia
                    ma se tocco la tua pelle
                    assomiglio ad un pianista
                    che preme sui tasti
                    con delicatezza
                    per non sgualcire questo fiore
                    che odora di primavera.
                    Marco Bartiromo
                    Vota la poesia: Commenta