Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Corpo di donna

Una valle sconfinata
fertile e prosperosa
onde sinuose
e vallate pianeggianti
colli perfetti
si ergono impetuosi
in un'armonia di linee.
Fusione sublime
tra nuvole esasperate
in un cielo capovolto
fatto di fantasia e dolcezza.
Profumi ineguagliabili
si levano leggiadri
lasciano una scia
si perdono nei sensi.
Movimenti ritmati
battiti di passione
musica inconfondibile
per un dono d'amore.
Marco Bartiromo
Composta lunedì 30 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    O' Piccì (Il personal computer)

    Ormai si' addiventat'
    a cosa mia cchiù cara
    nu' piezz indispensabile
    dint'a vita mia
    t'allisc', te pulezz',
    a vot' t'accarezz
    dint'e pensier' miei
    ce stai sultant' tu'
    o'ppicc' tutt'e matine
    pecché t'aggia salutà
    e comm' me cunsole
    quann, all'improvvis,
    trov o' bongiorn' tuoie
    te sì memorizzat'
    tutt'e dat' miei
    e me', sai tutt' cos
    pur' e pensier'miei
    e ccos' mie chiù ccare
    essai sultant tu
    ce manc sul' a vocc'
    e pò, fosse furnut'
    io t'abbracciass' fort'
    nun te lassass cchiù.


    Ormai sei diventato
    la cosa mia più cara
    un pezzo indispensabile
    nella vita mia
    ti liscio, ti pulisco,
    a volte ti accarezzo
    nei pensieri miei
    ci sei soltanto tu
    Ti accendo, tutte le mattine
    perché ti devo salutare
    e come sono felice
    quando, all'improvviso
    trovo il tuo buongiorno
    ti sei memorizzato
    tutti i dati miei
    di me, sai proprio tutto
    anche i pensieri miei
    le cose mie più care
    le sai soltanto tu
    ti manca solo la bocca
    e poi, sarebbe finita
    io ti abbraccerei forte
    non ti lascerei più.
    Marco Bartiromo
    Composta martedì 24 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      O' specchio (Lo specchio)

      A vot me mett a pazzià
      ioca a nascundiglie
      facc' fint e no verè
      pò sottu'occhie, mo trezzè
      m'affacc chianu chiane
      o' facc' pur nu surris
      iss me guard
      o' vec ca madda ricere coccos
      se mett pur scuorn
      pò chianu chian
      me guard dint'a ll'uocchie
      e me dice
      tu si accussì

      A volte mi metto a scherzare
      gioco a nascondino
      faccio finta di non vederlo
      lo guardo con indifferenza
      mi affaccio piano piano
      gli faccio anche un sorriso
      lui mi guarda
      mi accorgo che deve dirmi qualcosa
      si mette anche vergogna
      poi piano piano
      mi guarda negli occhi
      e mi dice
      tu sei così!
      Marco Bartiromo
      Composta giovedì 19 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Il lago dei sogni

        Il sole si spegne
        il rosso accende la fantasia
        rigoli di fumo
        si specchiano sull'acqua
        si avvolgono e si ritraggono
        ... come tornadi lontani...
        formano figure strane
        disegni della mente
        onde sinuose
        ricordi lontani
        forme di oggi
        percorsi del domani
        corpi sconosciuti
        volti mai visti
        una magia di colori
        e di poesia
        con gli occhi incantati
        mi perdo
        in un quadro della mia fantasia.
        Marco Bartiromo
        Composta giovedì 19 novembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Il viaggio

          Rimango lì, immobile
          con gli occhi fissi,
          osservo incantato,
          questo video continuo,
          che non finisce mai...
          verdi distese, case, strade, ponti,
          immagini che passano veloci,
          lasciano ricordi,
          speranze, desideri,
          illuminate dal sole o dalla luna,
          bagnate dalla pioggia o...
          ingrigite dalle nuvole...
          all'improvviso,
          l'immagine si annerisce,
          piccoli tratti ma molto intensi,
          provo a collegare la mente
          e lo sguardo si abbassa,
          pensieri... solo pensieri,
          la pellicola è logorata, provata,
          un po' consumata...
          adesso riparte, torno a guardare,
          attraverso un vetro, guardo me stesso,
          la mia ombra, la mia anima.
          Marco Bartiromo
          Composta martedì 17 novembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Bartiromo

            Cù ll'uocchie... (Con gli occhi)

            Chist'uocchie
            nun te ponn'verè
            ponn'sultant immagginà
            o'mmal cà te fann'chissticcà
            sann sultant parlà
            pecché 'anna fernì e rrubbà
            stanott dint'o suonn
            t'agg'vist
            chius comm'e o mur e Berlin
            addò nisciun addà trasì
            se nun pe t'acclamà


            Questi occhi
            non possono vederti
            possono solo immaginare
            il male che ti stanno facendo queste persone
            sanno soltanto parlare
            perché devono continuare a rubare
            stanotte in un sogno
            ti ho vista
            chiusa tutt'intorno, come il muro di Berlino
            dove nessuno deve entrare
            se non solo per acclamarti.
            Marco Bartiromo
            Composta martedì 3 novembre 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Bartiromo

              À vit'è bell (La vita è bella)

              Comm'è bell' à se scetà
              guardann'o ciel'
              ò sole tras' e te coglie nfacc'
              te scarf', te rilassa, te fà suspirà

              Rimang' dint'o liett'
              e me mett'a pensà
              a chell cà sò stato
              a chell che sarraggio
              a chell ca sò mò

              Me facc' n'autocritica, all'istant'
              ma che m'porta
              che ce pens'affà
              a vit è bella
              è meglie cà stò ccà

              Come è bello svegliarsi
              guardando il cielo
              il sole entra e ti arriva sul viso
              ti scalda, ti rilassa, ti fà sospirare

              Resto a letto
              e comincio a pensare
              a quello che sono stato
              a quello che sarò
              a quello che sono adesso

              Mi faccio un'autocritica, all'istante
              ma cosa mi importa
              perché pensarci
              la vita è bella
              meglio che resto quà.
              Marco Bartiromo
              Composta mercoledì 4 novembre 2009
              Vota la poesia: Commenta