Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Cuori nel Blog

Un cuore
quattro tasti
e tanti amici veri
un punto di partenza
sul quale confidare
lasciare i tuoi pensieri
e farli commentare
sfrenare quella voglia
per dare sfogo ai sogni
riflettere gli umori
di tanti giorni scuri
saziare il tuo bisogno
esprimere opinioni
trasmettere emozioni
che parlano d'amore
per poi selezionarle
e farne un novelliere
racchiuse dentro un libro
assieme a gente vera
connessi come me
dall'onda del piacere
che bagna tutti i lidi
di chi non ha frontiere.
Marco Bartiromo
Composta mercoledì 24 marzo 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    Falso d'autore

    Nel mondo che viviamo
    ipocrita e meschino
    in questa società, complessa e articolata
    c'è solo un sentimento, su cui poter contare
    libero da fini, da utili ed affari
    con fare percettivo e un po' di riflessione
    sei pronto ad accettare, l'invito di un amico
    per stendere la mano e cedere all'impulso
    lo stato emozionale, che nasce dal confronto
    dettato dal legame e dalle affinità
    che molta gente ancora, riesce a provocare
    in un rapporto serio, senza iniquità
    basato sul rispetto e stima verso gli altri
    la disponibilità, che hai sempre ricercato.
    Nei nostri sogni onirici, è sempre ricorrente
    l'immagine altruista, di una persona cara
    ma devi dare un senso al suo significato
    bisogna riconoscere l'originalità
    ci sono tanti falsi, nel mondo consumato
    tra chi cerca l'amore e chi, solo calore
    ci trovi il disonesto, l'ingiusto ed il violento
    che gode del pensiero, di farti solo male
    Non sei alla ricerca di un marchio registrato
    tu cerchi solamente, una persona vera
    che sappia dimostrare, tutto il suo splendore
    tra tanti volti nuovi, che trovi nel virtuale.
    Marco Bartiromo
    Composta martedì 30 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      Nuvole

      Batuffoli ovattati, si stendono nell'aria
      ricoprono l'azzurro, di un cielo addormentato
      cuscini di conforto a un mondo che si appresta
      a cogliere nell'ombra, l'ira del Signore.
      Infuria la tempesta, la rabbia sta crescendo
      tra lampi più contorti e tuoni rumorosi
      un carico di lacrime, si abbatte sul selciato
      lavando quei peccati, che abbiamo accumulato.
      Ma poi all'improvviso, tutto si schiarisce
      ritorna quella luce, che illumina il sorriso
      un volo di colombe, annuncia quella pace
      l'eterna primavera che porta il suo profumo
      Un grande arcobaleno, un arco di colori
      si stanzia fino al sole, donandoci il sereno
      quella benedizione, che illumina il cammino
      la quiete tanto attesa, dopo lo squallore.
      Marco Bartiromo
      Composta giovedì 1 aprile 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        Una luce di speranza

        Campane a lutto
        un giorno di passione
        che vede il Suo dolore, sui pali insanguinati
        un simbolo supremo di tanta sofferenza
        la croce del supplizio, portata sulle spalle
        per immolare l'uomo, da tutte le sue colpe
        per riscattarlo dalla corruzione.
        Corone di spine, cingevano il capo
        il sangue colava sul viso sereno
        un danno che viene da un bacio tradito
        si arriva sul monte che dona la morte
        un male dovuto, per Sua volontà
        per dare la vita, al seme marcito
        che solo se soffre, rinasce pulito.
        Un corpo stremato, chiuso nella roccia
        avvolto nel lenzuolo, che porta il suo patema
        risorge a nuova vita, donandoci dolcezza
        la luce di speranza, che ci dà la gioia
        per vivere felici in questo grande abbraccio
        che stringe tutto il mondo
        nel segno dell'amore.
        Marco Bartiromo
        Composta sabato 3 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          'O surris' (Il sorriso)

          Luonghe, arricciate e nire stì capille
          nù ricciulillo 'nfronte cà sbarea
          annascunnenno l'uocchie tuoie
          cà sò faville

          Doje perle luccicante
          cà si e guarde
          me lasciano allibito
          'mpressionato

          Vulessa addiventà nù raggio e sole
          p'accarezzà stà pella vellutata
          pe m'estasià, annanze a stù surris'
          ca sulo a vocca toia, me pò dà.


          Lunghi, ricci e neri, i tuoi capelli
          un ricciolo che balla sulla fronte
          nascondendo gli occhi tuoi
          che sono faville

          Due perle luccicanti
          quando le guardo
          mi lasciano allibito
          impressionato

          Vorrei diventare un raggio di sole
          per accarezzare la tua pelle vellutata
          per estasiarmi davanti al tuo sorriso
          che solo la tua bocca mi può dare.
          Marco Bartiromo
          Composta martedì 6 aprile 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marco Bartiromo

            Vorrei

            Vorrei...
            ... essere il silenzio
            che non smetterà mai
            di seguire la voce del tuo cuore
            Vorrei...
            ... essere una stella
            che non smetterà mai
            di illuminare i tuoi sogni
            Vorrei...
            ... essere una lacrima
            che non smetterà mai
            di solcare il tuo viso
            Vorrei...
            ... essere il sorriso
            che non smetterà mai
            di brillare sulle tue labbra
            Vorrei...
            ... essere me stesso
            che non smetterà mai
            di amarti come adesso.
            Marco Bartiromo
            Composta giovedì 8 aprile 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marco Bartiromo

              'A Surpres' (La sorpresa)

              Dint" a 'nu club' e 'na citta' pavese
              me 'nammuraje 'e chist' uocchie, bell'assaje
              'nu tupp' 'ncap e 'o mandesino 'ncuoll'
              curriv' miez' e tavol' a servì
              veniste 'annanze a 'mmè, comma 'nu ciore
              'cà sboccia sulo quann'è primmavera
              'a tavola 'mbandist e me diciste:

              In un club, di una città pavese
              mi innamorai di questi occhi bellissimi
              i capelli raccolti e un grembiule addosso
              correvi per i tavoli, per servire
              ti presentasti a me, come un fiore
              che sboccia quando è primavera
              apparecchiasti la tavola e mi dicesti:

              Si chest' è 'a primma 'vota 'ca venite
              ve pozz' cunsiglià 'nu menù fisso
              magnate tanto ma pavate poco
              aropp' 've sentite sazio' assaje
              've pozz' garantì 'ca 'o vin' è bbuon'
              've port' 'nu quartin' p'assaggià

              Se è la prima volta che venite
              vi posso consigliare un menù fisso
              mangiate molto ma pagate poco
              dopo vi sentirete sazio
              vi posso garantire che il vino è buono
              per adesso ve ne porto un quarto, per assaggiare.

              Dicenn' 'si 'ca capa, io scapuzziav'
              'mmobile restai, senza parlà
              a musica sunav' dinto 'o core
              'na melodia 'ca sule l'ammore te pò dà
              ma forza me facette e 'o nomme tuoie, era sapè
              e mentre tu servivi 'a tutt' quant'
              dicette: Piccerè, famme sapè...


              Gli dissi si, con il movimento della testa
              rimasi immobile, senza parlare
              una musica suonava nel cuore
              una melodia che solo l'amore può dare
              mi feci forza, ero desideroso di conoscere il tuo nome
              così, mentre tu servivi gli altri
              ti dissi: Piccola, fammi sapere di te...

              io song' n'emigrante comm'a' 'tte ma sò sincera
              'o 'vuo' sapè pecché me trova a 'cca'?
              'O nomm' e 'nu chirurg' mann' rat'
              'ca ma operat' quatt' mise fà
              me chiamm' mario ma 'mò l'aggia cagnà
              pecché na femmena ma fatto addivintà

              Anche io sono un emigrante e sono sincera
              vuoi sapere perché mi trovo quì?
              Mi hanno consigliato un chirurgo
              che mi ha operato quattro mesi fà
              il mio nome è mario ma dovrò cambiarlo
              perché adesso sono diventata una donna.
              Marco Bartiromo
              Composta sabato 10 aprile 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marco Bartiromo

                Incubo e utopia

                Un gatto che ti graffia
                un cane che guaisce
                la corsa di un cavallo
                nel mare cristallino
                le mura di una casa
                che tu non hai mai visto
                Ti svegli la mattina
                e metti a fuoco tutto
                cercando di abbinare
                l'ambo da giocare.
                Ma devi dare un senso
                al sogno ricorrente
                seguendo la psicosi
                della realtà latente
                l'umore del momento
                può essere fatale
                si può scambiare il sogno
                all'incubo banale.
                L'incanto è un desiderio
                non quello che viviamo
                se tu lo vuoi giocare
                cerca di ricordare
                e prova a valutare
                se c'è la differenza
                l'esatta discrepanza
                tra incubo e utopia.
                Marco Bartiromo
                Composta lunedì 12 aprile 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marco Bartiromo

                  La brezza di Natale

                  Sei nato
                  sei con noi
                  ti vedo rannicchiato
                  in questa fredda grotta
                  intorno a te calore
                  preghiere e devozione
                  viandanti d'ogni parte
                  ti riempiono di doni
                  tra limpide cascate
                  e floridi giardini
                  ora che sei arrivato
                  ti chiedo riverente
                  di non andar più via
                  di non lasciarci soli.
                  Ma se ti guardo in viso
                  ti vedo rabbuiato
                  triste, desolato
                  qualcosa non ti piace
                  non ti va più giù
                  non è lo stesso mondo
                  che hai creato tu
                  ti sforzi, ti concentri
                  ma vedi solo buio
                  tu pensi che sia nebbia
                  e cerchi di spostarla
                  un senso di disgusto
                  ti provoca il contatto
                  ti stai rendendo conto
                  di come è diventato
                  un mondo travisato
                  sporco ed ammalato
                  gli avevi dato tanto
                  adesso sei arrabbiato
                  ci trovi l'arroganza
                  l'invidia, l'ignoranza
                  un mondo disperato
                  senza fratellanza
                  adesso che sei qui
                  accendi questa luce
                  illumina per sempre
                  quel che non c'è più
                  portando l'allegria
                  e un mondo di speranza
                  per chi ha penato tanto
                  e cerca un po' di pace
                  un poco di certezza
                  in questo mondo triste
                  ti guardo ancora e vedo
                  che soffi leggermente
                  una leggera brezza
                  arriva fino a noi
                  quel vento delicato
                  sposta le campane
                  e lascia per le strade
                  un suono delicato
                  si insinua lentamente
                  nei cuori della gente
                  li scalda, li ritempra
                  li fa sentir più buoni
                  luci, colori
                  tutto intorno è vivo
                  qualcosa non andava
                  adesso l'ho capito
                  quel che ci mancava
                  era soltanto amore
                  un'emozione strana
                  ma di grande effetto
                  portiamola con noi
                  ma non soltanto a letto.
                  Marco Bartiromo
                  Composta domenica 20 dicembre 2009
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Marco Bartiromo

                    Il mondo virtuale

                    In un mondo virtuale
                    dove tutto si può...
                    dove nasce l'amore
                    tra messaggi e canzoni
                    tra follie disperate
                    ed intrecci del cuore
                    tra emozioni perdute
                    che pensavi già morte
                    sensazioni nascoste
                    che rinascono forti
                    puoi trovare di tutto
                    nella valle del muto
                    tanta musica in testa
                    e la voce fà festa
                    Ma nel mondo fatato
                    puoi trovare l'amico
                    basta solo l'invito
                    ed il pranzo è servito
                    una parte di te
                    in cui tanto hai creduto
                    un amico virtuale
                    che diventa reale
                    se ci metti il rispetto
                    e l'amore che hai dentro
                    Dagli tutto il tuo cuore
                    e vedrai che la vita
                    non sarà mai finita.
                    Marco Bartiromo
                    Composta giovedì 7 gennaio 2010
                    Vota la poesia: Commenta