Questo sito contribuisce alla audience di

Lacrima di Pierrot

Sono rimasta lì ad assaporare il silenzio
e quel vuoto assoluto di una mancanza che diventava presenza assordante
mentre il viso si bagnata di una singola lacrima
Una lacrima di Pierrot che ferma rimaneva lì unica e densa
Forse in attesa di qualcosa che riportasse un lieve sorriso.
Immacolata Sciarretta
Composta mercoledì 14 agosto 2019
Vota la poesia: Commenta

    Scrivo per ricordare

    Scrivo per dimenticare
    ma sappiamo che non è così,
    scrivere serve a ricordare tutto ciò che ci appartiene
    mi illudo, ci provo
    ma in ogni parola esisti,
    vivi sempre tu
    nulla si dimentica, tutto va nel cassetto dei ricordi
    tu finirai anche tra i miei scarabocchi...
    scrivo per dimenticare ma non posso...
    balle! Io scrivo per ricordare.
    Immacolata Sciarretta
    Composta venerdì 31 maggio 2019
    Vota la poesia: Commenta

      Ti sento dentro

      Succede spesso ultimamente
      Ma io ti sento dentro
      Tutto di te mi scorre nelle vene
      La tua voce mi rimbomba dentro
      la sento nella mente
      Ti sento sorridere e mi piace
      Ascolto ogni tua parola e le risento all'improvviso
      Sì, è così ti sento dappertutto
      Accade a volte che mi ritrovo con lo sguardo fisso
      ti penso
      respiro, ti sento
      parlo, sorrido
      Sento la vita e sei Tu
      Io ti penso, ti sento.
      Immacolata Sciarretta
      Composta giovedì 30 maggio 2019
      Vota la poesia: Commenta

        Finta calma apparente

        Finta calma apparente nasconde tempeste interiori
        comprende ogni tipo di emozioni quelle che
        improvvise come fuochi d'artificio arrivano in alto
        danno luce,
        si accendono,
        chiarore infinito.
        Si spengono,
        buio assoluto
        freddo, brividi.
        Le provi, le senti, le vivi
        ma le tieni ferme, sopite
        Ferme negli occhi
        sulla pelle
        dentro il cuore
        Hai paura
        Vogliono esplodere da dentro a fuori
        Ma, niente,
        mostri la tua finta calma apparente perché le tempeste interiori non le mostri a tutti, restano lì dentro combattono con i ricordi
        con i sorrisi e le lacrime
        con il tempo inesorabile che passa
        Tutto dentro, deve star lì
        perché devi combattere e vivere.
        Immacolata Sciarretta
        Composta giovedì 30 maggio 2019
        Vota la poesia: Commenta

          Voglio un bacio

          È scesa la notte amore mio e
          sai ho voglia di...
          Ecco voglio un bacio
          magari rubato
          Un bacio bagnato di quelli appassionati
          Un bacio respirato
          sin dentro l'anima
          Sicuramente sospirato perché mi manchi da morire
          Lo vorrei dappertutto
          magari anche ruvido perché non hai fatto la barba
          un bacio di quelli magici
          che ti portano in alto
          quelli che ti accendono la pelle
          che la fanno bruciare
          Quelli che portano fuoco dentro che fanno scattare il desiderio
          Voglio un bacio
          perché ho bisogno di sentirti accanto a me
          addosso a me,
          dentro me
          È incombente è stravolgente
          è desiderio inaspettato
          di averti qui
          tanto forte,
          perché sei dentro di me con tutta la carica di te
          Desiderio di un bacio
          bisogno di te
          di averti con me qui ora
          Per abbandonarmi,
          estasiarmi in te...
          Adesso.
          Immacolata Sciarretta
          Composta giovedì 30 maggio 2019
          Vota la poesia: Commenta

            La gita sul lago

            La gita sul lago,
            la quiete infinita
            scappammo dal mondo ricordi?
            Fugace romantica prima notte insieme,
            paradiso e inferno
            dove la passione era fuoco mescolata alla dolcezza
            Quanto è stato dolce il nostro naufragare in quello che a noi sembrava un attimo
            romantico, indimenticabile,
            Il solo pensiero te lo fa rivivere
            Ora spengo la memoria,
            È tardi, tutta la dolcezza vissuta quel giorno diventa sale, tu non sei più qui
            Delusa devo lasciare andare questo randagio pensiero che continua a navigare nella memoria
            Non posso cambiare ciò che è stato. Tutto è racchiuso nel cassetto dei ricordi,
            di tanto in tanto sbuca fuori
            basta una semplice canzone,
            un colore, una specifica parola
            che può aprire, sfiorare ciò che dentro vi è racchiuso
            Ecco che il grezzo ricordo di quel giorno mi riporta là,
            sul lago in quel tempo oramai lontano
            I ricordi, la memoria strani giochi.
            Immacolata Sciarretta
            Composta domenica 26 maggio 2019
            Vota la poesia: Commenta

              L'anima che chiama

              Un lieve calore mi assale
              Sento piano le tue mani accarezzano la schiena
              Brividi sulla pelle
              Respiro che mi copre
              Corpo che si inarca
              desiderio di te
              Ti cerco
              proprio come ieri
              Oggi ancora di più
              mi manchi
              Il cuore che batte
              si dispera
              L'anima ti chiama
              Infinita voglia di averti
              In ogni momento
              Ora, per
              S(ogno)
              E(terni)
              M(omenti)
              P(rofondi)
              R(iti)
              E(mozionanti).
              Immacolata Sciarretta
              Composta lunedì 27 maggio 2019
              Vota la poesia: Commenta

                Lenta la notte

                Lenta scende la notte su di me.
                Un velo di tristezza sull'anima mia.
                Ancora una notte sdraiata su quel letto
                a sognare di te che lontano assilli
                questo mio cuore già tanto provato d'amore.
                Quanto freddo addosso
                Come faccio a scaldare questo mio corpo,
                non basta una coperta,
                non serve coprirsi di lana...
                è dentro di me il brivido, fuori il tremito.
                Potessi almeno una volta toccarti
                così come sento.
                Riuscissi almeno stavolta.
                Ancora e ancora sola,
                chiudo gli occhi e sogno
                devo abituarmi all'idea che io solo
                posso curare l'anima.
                Immacolata Sciarretta
                Composta lunedì 27 maggio 2019
                Vota la poesia: Commenta