Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Catalfamo
Lamento d'una mente satura che dai profumi trae sensazioni
dal quale percepisce la realtà dove cerca disperatamente
illusioni portandolo a sognare nel buio.
Cercando vita aliena trovo me stesso, indigeno.
Lamento rassegnato, ancora stupito,
per non vivere più le stagioni odorandone le fragranze,
ma subendone le loro essenze.
Giuseppe Catalfamo
Composta venerdì 4 settembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Catalfamo

    Società

    Vestito di colori esco dalla tela.

    Siedo al desco imbellettato nel salone
    commensali squali divorano il mio ardore.

    Come fosse consuetudine strappano denti dal sorriso
    comprendo l'esser fratello non compreso.

    Miro la tavolozza dei miei colori, tutti pastello
    ritirandomi nel quadro di nero dipingo un ombrello.
    Giuseppe Catalfamo
    Composta lunedì 16 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Catalfamo

      La settima arte

      Il tuo Cantare è eterea melodia.
      Il tuo Danzare è sinuosamente ammiccante.
      Il tuo Suonare l'arpa rapisce i sensi.
      Le tue Sculture sembrano vivere.
      I tuoi Dipinti dan gioia e colore.
      Le tue Poesie carpiscono anime.
      Ma il meglio della tua essenza lo dai quando lo succhi nei Film porno.
      Giuseppe Catalfamo
      Composta mercoledì 4 agosto 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Catalfamo

        Man machine

        Nuovo mattino, macchina uomo accende i fanali.
        Ottani di caffè, incontro a soliti voli.

        Stondate finestre per tanti son chiuse, climatizzato è l'uomo fiero.
        Imponenti altri, gomito al vento, intonano tronfi - Un italiano vero-

        Chi poggia posteriori ruote in claustrofobici uffici.
        Chi, ghignando, stantuffa pistoni arrugginiti.

        Tramonto, è finita, ascensore, garage, che bella è la vita.
        Altri milioni sfumano benza-Non esce un buco, Madonna che sfiga-

        Ecco ch'è sera, via l'abito d'auto, l'uomo "normale" vuol fare l'amore.
        I più integrati, ancorché consumati, aggiungono olio, si fan tamponare.
        Giuseppe Catalfamo
        Composta giovedì 4 marzo 1943
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe Catalfamo

          Oh,Capitano.

          Oh, Capitano, mio Capitano
          la nave fila sul mare tosco,
          ma tu non sei lontano
          dal tremendo scoglio fosco.

          Vicina la Costa si staglia.
          Nella notturna baldoria
          la festa è fuoco di paglia,
          come fugace è la gloria.

          Improvviso lo schianto fatale
          -calma signori, è un'avaria
          nessuna paura, l'ansia fa male! -
          Ma rapido il sogno và via.

          Il rumore dell'onda sovrasta
          nell'irreale terribile fuga
          il marino profumo di pasta
          il sapore prezioso d'acciuga.

          Oh Capitano mio Capitano
          dove sono le luci del porto?
          Sulle scialuppe si va piano piano...
          chi non sale è già quasi morto.

          Oh Capitano mio Capitano...
          Capitano...

          Capitano?
          Capitano?
          Capitano?
          CapitanOOOOHOO!
          Giuseppe Catalfamo
          Composta giovedì 5 aprile 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Giuseppe Catalfamo

            I 33 giorni di Albino

            Mai avrei potuto profetizzare l'imminente pericolo,
            se il Signore darà un peso concederà piglio per condurlo.

            Non sento d'aver preparazione né sapienza,
            l'immane segreto che Lucia volle fosse mio darà giusta forza.

            Nessuno, mai, nei secoli volle due nomi,
            eppur non posso escludere né Paolo né Giovanni.

            Fedeli, sostenetemi per esser di Cristo in terra buon Vicario.
            Incoronazione, Tiara, no Colleghi, non è merce per il popolo.

            Non ostenterò l'esser Re con Sedia Gestatoria né Troni,
            celebrerò Messa guardando dritto negli occhi tutti gli uomini.

            Morbidezza ai poveri ed alla povertà, non ludibrio.
            Redistribuzione dei beni clericali sarebbe Verbo di Dio.

            Dio è Padre, anche Madre... e da Madre accarezza.
            Maternità di Dio non contempla opulenza.

            Clemente amorevole Madre di lucente anima,
            sa che sovrapopolazione e contraccezione fan rima.

            Ho tempra dell'uomo del nord-est e sorrido umile,
            non basta, servo di Dio non so insegnarvi la divina morale civile.

            Voi avete la stessa potenza della mia fede, ma servite Satana.

            Scelgo le vie del cielo, per voi, vado in pace col Sorriso di Dio.
            Giuseppe Catalfamo
            Composta sabato 28 novembre 2009
            Vota la poesia: Commenta