Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Catalfamo

Ana, per gli amici

Trovandomi per Giosc ad omaggiare gli amici di Pensieri Parole
potrei far le fusa come un Gatto, decantando i Valii dei vari
De Luca, Crispoldi, Giusva, potrei sorridere alla simpatia
di Donatella, del Luciano, od osannare il mio preferito Jo Black.

Ma un Eclissi nella mente Scheggia di porpora i ricordi.
Un Toffali nel candido Marimare nel mio cuore
ed ecco il desiderio di rivivere una vera amica.
Complice nella vita, che da qualche Valle, alle Stremiz del cielo
certamente mi guarda e sorride.

Ana, per gli amici.

Incommensurabile Dana nella mia vita.
Pronunciarlo mi fà sentire un Prencipe,
d'altronde mi hai sempre eletto gran Cavalera.
Brunason i tuoi Capelli
Che Rubini e Ametista i tuoi occhi.
Hai vissuto in un 'mondò Di Pinto da Baron e pirati,
Valli D'Urso, molti carnefici, nessun Salvatore.
Pensare che per esser felice ti bastava un cuore, Panizza e farinata.

Nonostante il tuo Cannistra fosse colmo d'orpelli di gioia,
neanche il tuo santo Patruno poté alcunché.
Il tuo non esser mai Barbara ti ha riservato il destino di San Giorgio.

Dalla prima volta che il tuo sorriso incontrò la sua maschera,
lo eleggesti a tuo Davide di Donatello.
In realtà altro non era che un Kagib di Kabul.
Fantasticavi sulla tua vita immaginandoti attrice accanto a lui,
uomo famoso fra i 'pollicì del 'casalingò in scatola.
In realtà non era Gassman ancor meno Mastroianni,
più o Mehis un triste, squallido pollicino da tele Novelli senza Grazia.

Ti ricordo con le labbra unte e verdi
quando con l'immancabile radioso sorriso
divoravi il pesto di mia madre.
Tengo sempre un vasetto nel frigo,
è lì per te dolce Ana.
Giuseppe Catalfamo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Catalfamo

    Ma chi... age?

    Quante cose dicevi di fare per me, amore mio.

    Dicevi che per ridurre la sensibilità "putanea"
    ti davi l'idrante' per aver la pelle morbida.
    Che per donarmi capelli fluidi allo sguardo usavi "Enea".
    Che pensavi a me accarezzandoti fino all'inguine mettendo i "collanti".
    Che ti piace quando guardo l'"autoreagente".
    Giocavi col riflesso dei tuoi occhi usando il "sorbetto".
    Che la "scoglionatura" era per omaggiarmi i tuoi seni.

    Amore, se vuoi far qualcosa per me vai a scuola d'italiano
    che dici un sacco di cazzate.
    Giuseppe Catalfamo
    Composta mercoledì 14 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Catalfamo

      Vitaccia

      Un pianto.
      Lo schiaffo.
      Il sorriso.

      I profumi.
      Gli ardori.
      L'immortalità.

      Il primo bacio.
      La passione.
      Che uomo.

      L'incidente.
      L'amico.
      Che muore.

      La vendetta.
      Sul mondo.
      Le manette.

      L'aurora.
      L'amore.
      Mio figlio.

      L'amico tradisce.
      L'amore scompare.
      Un funerale.

      Avanti, combatti.
      Il tumore.
      Che muori.

      Il cono di luce.
      Se in fondo c'è Lui.
      Non lo voglio vedere.
      Giuseppe Catalfamo
      Composta lunedì 6 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Catalfamo

        Babbo Natale

        Una notte da Babbo Natale
        per poter dal camino entrare.

        Vedere quell'uomo che scalcia il suo cane
        e dello stronzo, per gioco, farne un tizzone

        Una notte da Babbo Natale
        per poter dal camino passare.

        La mano serpente sul bimbo fermare
        portarla col resto, nel camino, a bruciare

        Una notte da Babbo Natale
        per narrare un solo finale.

        Cuccioli e infanti accarezzati da bimbi
        Genitori ed anziani tornati un po' acerbi.

        Albeggiare sornione da Babbo Natale
        per poter nel caveau, della Banca d'Italia, entrare

        Sacchi riempire di soldi, monili e gioielli
        per lustrarmi la casa, non più con semplici orpelli.

        Va bhè che sò "babbo"
        è Natale, mi battezzo Gabibbo.
        Giuseppe Catalfamo
        Composta venerdì 17 dicembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe Catalfamo

          Ho visto

          Ho visto
          e sentito respirare le colonne granitiche e marmoree
          di piazza De Ferrari.

          Ho visto
          una mano con tre dita affusolate
          che girava il mio cervello con un mulinello.

          Ho visto
          strade sterrate e buie di periferia
          illuminarsi ai lati con fasci di colorate luci.

          Ho visto
          cose più vere nelle falsità ipnotiche
          che incrociando occhi di tutti i giorni.
          Giuseppe Catalfamo
          Composta giovedì 30 giugno 2011
          Vota la poesia: Commenta