Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gino Cesetti

il mio matrimonio

Mò va ricconto de quanno me sò sposato
e de come Cristo ma ampiamente illuminato
infatti qua matina mi madre apri le braccia
e me disse a Gi a me pare na fregnaccia

ma io vestito bene assai elegante
je disse a ma e basta naj dette tante
e lei porella senza più fiatare
me accompagnò mogia fino art'artare

da quer momento cominciarono i problemi
robba da diventacce scemi
le luci che erano accese fino a quel momento
de corpo se spensero senza avvertimento

er prete ormai vista la ragione
cominciò de corpo la funzione
tutto ciò che era stato preparato
se ridusse a un canto un po' stonato

ma tutto questo è gnente
e infatti appena uscito tra la gente
na vecchietta me tira li confetti
che me so arrivati in fronte stretti stretti

infatti la poretta
me la tirati co tutta la sacchetta
un po' intontito e in pò'ntronato
ho rivisto l'artare illuminato

partimo e annamo a fà e fotografie
qui artre peripezie
me dicono prenda la sposa in braccio
er vestito je se apre come no straccio

la sposa faccia la modella
e in quer momento a scarpa je se scolla
vestito e scarpe pagate mijoni
me cominciavano a girà un po' li cojoni

ancora nun capivo er segnale
che sto matrimonio sarebbe finito male
ma io pignolo e assai costante
ho mollato dopo avenne viste tante.
Gino Cesetti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gino Cesetti

    Er giorno der giudizio

    Ariverò a quer giorno
    trovannome davanti er padre eterno
    che dovrà decide
    tra er paradiso e l'inferno

    e mentre Lui sulla poltrona siede
    me domanda se nella vita ho avuto fede
    je risponnerò o mio Signore dalla lunga chioma
    l'unica fede mia è stata pè la As Roma

    e Lui allora lo vedrò commosso
    facennome vedè er core giallorosso
    comincerà a sventola a bandiera
    da la mattina fino a tarda sera

    io gli diro Signore ho peccato
    perché lazziale nun sò diventato
    Lui dirà a te t'he cancello dalla lista
    forse nun te sei accorto che io sò romanista.
    Gino Cesetti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gino Cesetti

      I nonni d'oggi

      Siamo qui uniti virtualmente
      senza capi effettivamente
      che i nostri ricordi e la nostra lealtà
      fanno parte di un'altra realtà

      Infatti i ricordi e le foto
      fanno parte di un passato ormai remoto
      i bambini e le bambine di ieri
      oggi sò divenuti nonni veri

      se danno da fà coi nipotini
      tornanno ad esse regazzini
      con la voja e la speranza
      li accudiscono cò pazienza

      e se sentono addolarati
      se da fij rimproverati
      ma rimangono loro uniti
      anche se rincojoniti.
      Gino Cesetti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gino Cesetti

        Il mio amico cane

        Vedo il suo viso
        che accenna un sorriso
        una lacrima solca il suo volto
        e mi lascia sconvolto

        la sua malinconia è contagiosa
        mi blocca e non riesco a far ogni cosa
        il suo fare sofferente
        mi annebbia la mente

        lui per gli altri trova conforto
        ma anche se vive è dentro morto
        l'unica sua ragione di vita
        è la casa dove lui l'ha servita

        adesso vecchio e zoppicante
        con gli anni né ha passate tante
        vuole come ultima emozione
        una carezza dal suo padrone.
        Gino Cesetti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gino Cesetti

          la fede

          Quanno mi madre me mise ar mondo
          pè fà vede e lieto evento misero un coso tondo
          infatti ar portone venne messo er fiocco azzuro
          mi madre disse leva quer coso che mi fijo è romano puro

          ar portone venne levato quer coso da dosso
          e venne messo er fiocco giallorosso
          quei colori come d'incanto
          trasformarono quello che prima era n'pianto

          da allora sò segnato nella lista
          quella de granne romanista
          la Roma è come mamma
          a vorte me fà n'cazzà e a vorte m'enfiamma

          nun è che io ce l'ho cor laziale
          è che solo er pensiero me fà stà male
          proprio nun c'ariva la ragione
          me sentirei come se stassi in prigione

          io rispetto l'ideale
          ma nun me dì de diventa laziale
          perché te risponnerei ce divento solo se moro e poi...
          è mejo che more un laziale che uno de noi.
          Gino Cesetti
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gino Cesetti

            a francesco

            Què regazzino biondo, un frugoletto
            giocava a pallone lì pè strada o ar campetto
            lì a porta Metronia a scola annava senza fà obiezione
            l'unica materia dove annava forte era a ricreazione

            l'unica sua vocazione
            era da dà li carci ad un pallone
            già da piccolo era altruista
            crescendo divenne un granne romanista

            in lui cresceva l'arte der pallone
            cosi che in una squadra raffinò la sua vocazione
            poi arrivò er salto dalla primavera
            passo alla squadra vera

            nun je pareva vero dè gioca nella sua Roma
            ma come Sansone se fece cresce a chioma
            difese i suoi colori
            anche con chi lo voleva fori

            mò che da anni sei er capitano
            t'encazzi se la tua Roma va piano
            ogni tanto dai tuoi piedi partono missili e botti
            nessuno è come te FRANCESCO TOTTI.
            Gino Cesetti
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Gino Cesetti

              il cambiamento

              La malattia ma’ cambiato
              ma il mio spirito non ha mai turbato
              ha tirato fuori la mia emozione
              e le cose che tenevo in prigione

              certamente la sensibilità è innata
              però in me è aumentata
              la esprimo di cuore
              scrivendo poesie d’autore

              voglio far capire alla gente
              quanto sia inutilmente
              essere egoista
              perché la vita in fonno è giusta

              nun se po’ pensa che a te nun tocca
              e te ritrovi a giudica co’la bocca
              perché all’improvviso quanno meno te l’aspetti
              colpisce anche te e ti fà capire i tuoi difetti

              però da ciò ne devi trarre forza
              e non iniziare una folle corsa
              il meglio di te devi dare
              come se dovessi farti perdonare

              chi ti conosce a malapena
              capirà la tua vena
              chi ti conosce da lontano
              capirà quanto sei diventato umano
              Gino Cesetti
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Gino Cesetti

                er papa

                Il papa si è dimesso
                pè nun fà il reo confesso
                su quanno da regazzetto
                dei nazisti portava er fazzoletto

                sul diario che il maggiordomo ja fregato
                sicuramente qualcosa era riportato
                e pè nun fà allarma la pubblica opinione
                ha preferito fà la figura der cojone

                oggi l’ultima vorta alla finestra sè affacciato
                cor viso tutto sconsolato
                mentre da sotto le persone
                le mani battevano a profusione

                io me meravijo de st’ipocrisia
                de la chiesa e la sua eucarestia
                in quanto dà nun crede
                come il papa abbia fede

                senza timori sui morti del nazismo
                e lui professa amore e altruismo
                quei morti che lui benedice
                senza sentisse nemmeno un pò carnefice

                credo che da  oggi dovrà le sue colpe espiare
                rivolgendosi a Dio per farsi perdonare
                sulle  vittime e sulle  loro dottrine
                sepolte alle Fosse Ardeatine
                Gino Cesetti
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Gino Cesetti

                  Ancora casa mia

                  Ve vojo fa na confidenza
                  de quanno a tiburtino ero na lenza
                  me ricordo già da piccoletto
                  i materazzi de fori perché pisciavamo a letto

                  anche questo fa parte della nostra storia
                  anche se adesso non c'è memoria
                  adesso c'è so i termosifoni
                  ma prima se scallavamo co li cartoni

                  pe nun parla del bagno e la tinozza
                  dei tu fratelli e dell'acqua zozza
                  i sapori che te dava tiburtino
                  te li sognavi la notte fino al mattino

                  e poi gli odori da a marana
                  che pe noi è robba nostrana
                  er prato e li pozzi
                  per ritorna la sera a casa tutti zozzi

                  chi se scordato la cucchiarella
                  che tu madre usava a manovella
                  le partite, i frati e la parrocchia
                  i campi e quanno magnavamo la pannocchia

                  nun cambierei co niente quei ricordi
                  nemmeno se me dessero li sordi
                  ve vojo di a tutti amici mia
                  che io me sento ancora a casa mia.
                  Gino Cesetti
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Gino Cesetti

                    Nun è sempre oro ciò che luccica

                    A na fattoria
                    vicino casa mia
                    dentro a un recinto c'è er maiale
                    e poco più là legato c'è stà er cane

                    li due se metteno a parla tra loro
                    sur fattore e su loro decoro
                    je fà ar cane er maiale
                    a te er padrone te tratta male

                    hai visto a me come me ama
                    invece a te te strilla e te richiama
                    a me mè dà da magnà a volontà
                    a te te fa tirà la cinta e nun sà

                    er cane der discorso è n'pò'ncazzato
                    e je risponne al maiale co l'occhio sconsolato
                    sicuramente er padrone me crea quarche affanno
                    ma tu nun pari quello de l'altr'anno.
                    Gino Cesetti
                    Vota la poesia: Commenta