Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Gino Cesetti

la fede

Quanno mi madre me mise ar mondo
p f vede e lieto evento misero un coso tondo
infatti ar portone venne messo er fiocco azzuro
mi madre disse leva quer coso che mi fijo romano puro

ar portone venne levato quer coso da dosso
e venne messo er fiocco giallorosso
quei colori come d'incanto
trasformarono quello che prima era n'pianto

da allora s segnato nella lista
quella de granne romanista
la Roma come mamma
a vorte me f n'cazz e a vorte m'enfiamma

nun che io ce l'ho cor laziale
che solo er pensiero me f st male
proprio nun c'ariva la ragione
me sentirei come se stassi in prigione

io rispetto l'ideale
ma nun me d de diventa laziale
perch te risponnerei ce divento solo se moro e poi...
mejo che more un laziale che uno de noi.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Gino Cesetti

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti