Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Gino Cesetti

Ancora casa mia

Ve vojo fa na confidenza
de quanno a tiburtino ero na lenza
me ricordo già da piccoletto
i materazzi de fori perché pisciavamo a letto

anche questo fa parte della nostra storia
anche se adesso non c'è memoria
adesso c'è so i termosifoni
ma prima se scallavamo co li cartoni

pe nun parla del bagno e la tinozza
dei tu fratelli e dell'acqua zozza
i sapori che te dava tiburtino
te li sognavi la notte fino al mattino

e poi gli odori da a marana
che pe noi è robba nostrana
er prato e li pozzi
per ritorna la sera a casa tutti zozzi

chi se scordato la cucchiarella
che tu madre usava a manovella
le partite, i frati e la parrocchia
i campi e quanno magnavamo la pannocchia

nun cambierei co niente quei ricordi
nemmeno se me dessero li sordi
ve vojo di a tutti amici mia
che io me sento ancora a casa mia.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Gino Cesetti

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:5.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti