Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Gino Cesetti

il mio matrimonio

Mò va ricconto de quanno me sò sposato
e de come Cristo ma ampiamente illuminato
infatti qua matina mi madre apri le braccia
e me disse a Gi a me pare na fregnaccia

ma io vestito bene assai elegante
je disse a ma e basta naj dette tante
e lei porella senza più fiatare
me accompagnò mogia fino art'artare

da quer momento cominciarono i problemi
robba da diventacce scemi
le luci che erano accese fino a quel momento
de corpo se spensero senza avvertimento

er prete ormai vista la ragione
cominciò de corpo la funzione
tutto ciò che era stato preparato
se ridusse a un canto un po' stonato

ma tutto questo è gnente
e infatti appena uscito tra la gente
na vecchietta me tira li confetti
che me so arrivati in fronte stretti stretti

infatti la poretta
me la tirati co tutta la sacchetta
un po' intontito e in pò'ntronato
ho rivisto l'artare illuminato

partimo e annamo a fà e fotografie
qui artre peripezie
me dicono prenda la sposa in braccio
er vestito je se apre come no straccio

la sposa faccia la modella
e in quer momento a scarpa je se scolla
vestito e scarpe pagate mijoni
me cominciavano a girà un po' li cojoni

ancora nun capivo er segnale
che sto matrimonio sarebbe finito male
ma io pignolo e assai costante
ho mollato dopo avenne viste tante.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Gino Cesetti

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti