Scritta da: Celeste Fiore

Amarti

Amarti come forse non ho mai saputo fare,
di un amore grande e infinito come il mare.
Amarti senza fine,
in ogni attimo della mia vita...
con tutto il cuore,
con tutta l'anima
che di te si è ormai invaghita.
Amarti senza più liti,
senza silenzi,
senza più orgoglio,
perché tu,
mio solo amore
sei tutto ciò che voglio.
Amarti senza limiti,
senza problemi,
senza peccato,
di un amore semplice,
puro e sconfinato.
Amarti oltre vita,
perché senza te...
la mia stessa, sarebbe finita!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Celeste Fiore
    Da domani sarò triste,
    da domani.
    Ma oggi sarò contenta:
    a che serve essere tristi,
    a che serve?
    Perché soffia un vento cattivo?
    Perché dovrei dolermi oggi,
    del domani?
    Forse il domani è buono,
    forse il domani è chiaro,
    forse domani splenderà ancora il sole.
    E non vi sarà ragione di tristezza.
    Da domani sarò triste,
    da domani.
    Ma oggi,
    oggi sarò contenta;
    e ad ogni amaro giorno dirò:
    da domani sarò triste.
    Oggi no!
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta

      Cara terra mia

      Cara terra mia,
      sono dovuta allontanarmi dalle tue braccia, dal tuo calore,
      e sai perché? Perché purtroppo non hai avuto i mezzi, per mantenermi,
      ma io sono forte sai? Sono tua figlia e come tale sono "capa tosta"
      non mi lascio abbattere, mi sono rimboccata le maniche a 16 anni,
      Noi, figli d'emigrati,
      partiamo da quella loro amata terra d'origine!
      Prendiamo il treno e via di nuovo,
      alla vita di tutti i giorni...
      Pensiamo ai belli ed ai brutti
      momenti trascorsi
      scende qualche lacrima ma
      d'altronde è normale
      Piangere ci aiuta a sfogarci,
      ma in realtà non serve
      perché soltanto il treno ci riporterà
      in quella nostra amata terra!
      Guardare le foto stringe
      il cuore dal dolore,
      vorremmo qualcosa d'impossibile,
      ma, prima o poi tutto, ritornerà
      al suo posto e, prima o poi,
      anche noi torneremo nella nostra terra.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta

        Mia madre

        Ricordo quel giorno in cui sono partito,
        solo adesso ho capito che là ti ho perduto.
        Conto i giorni che ho passato senza di te
        in questo paese che adesso vedo triste come me,
        ti ho lasciato piangendo seduta in una sedia
        senza pensare che stavo andando in una gabbia,
        il tempo è passato senza pensare
        che mi sarebbe piaciuto vederti invecchiare.
        In questo passato avrei voluto starti più vicino
        per farmi abbracciare, baciare, e tenerti la mano,
        le stesse mani che quando ero bambino
        dal freddo mi coprivano, e dalle malattie mi curavano.
        Non esistono parole per raccontare la lontananza
        di una mamma che vive con la stessa speranza.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Simona Iemmiro
          Gelida aria immobile
          luna piena stagliata nel mezzo di un cielo sereno
          Non una nuvola
          né un alito di vento.
          Gelida aria di un pomeriggio d'autunno.
          Ascolto il silenzio del mondo
          dalla mia finestra.
          Questo, come gli altri, un futuro ricordo
          lontano
          ma ancora chiaro limpido e netto.
          Vivere di ricordi
          nel disperato tentativo
          di passate certezze.
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di