Scritta da: NikkiPinki
E mi vedo correre
a piedi nudi
in quella distesa verde.
Sentire il bagnato sotto i piedi
e l'erba che fa il solletico.
Mi vedo vestita di colori e
stampe a fiori
e braccialetti che vanno larghi.
Correre
tra verde e blu
sentire l'acqua sulla pelle.
E di avere anni
per credere alle favole
e libri coi disegni da colorare.
Stanotte la vita scorre
credo di aver lasciato il rubinetto aperto.
Credo che domani andrò alle 3 a lavoro
e che il vicino amore è sempre più lontano.
Vorrei ali d'aliante
vorrei essere a Copacabana da Joao Paolo
vorrei che la vita continuasse a scorrere
come ora
come quando ti sento dentro.
Non sei più freneticamente nei pensieri.
Potrei provare a rimetterti.
Potrei prenderti,
incartarti con un bel fiocco
e farti entrare di nuovo in testa.
Sarebbe un'idea!
Se ti fa piacere. Lo faccio.
Tanto riappari.
Domani scommetto
in un sms.
Ma stanotte la vita scorre
sento l'adrenalina su per le vene
Ecco ti faccio contento: sei in testa
e non ho scampo.
In testa mille colori.
Tele bianche chiedono amore
chiedono mani
chiedono colori.
Io chiedo Blu intenso
Blu e Bianco
e poi insieme.
E aspettare che un dispettoso Giallo
si intrometta.
Ecco: sei intesta
e non ho scampo
stanotte la vita scorre
e un po'
fa paura!
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sognatrice88
    Svegliata da un sogno.
    Sembra assurdo un sogno che ti sveglia...
    Dovrebbe essere il contrario.
    Sono rimasto lì, nel letto con le gambe distese
    a cercare l'angolo in fondo,
    tra coperta e materasso, quello più caldo e nascosto...
    In mente, ancora le immagini del mio sogno...
    Un anno d'amore ritorna in mente quando meno te lo aspetti...
    frasi, immagini, attese, colori che sembrano ancora veri.
    Ora la radio è accesa e ho il libro davanti...
    Ma quel sogno è ancora qui.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Come posso stare bene senza te?
      Come posso stare male senza te?
      Amiche.
      Delusioni.
      Vecchi rancori che non credevo esistessero.
      Assurdi ritardi.
      Il non voler crescere.
      La voglia ora di scappare.
      La voglia di venire lì da te.
      La voglia di un tuo abbraccio.
      La voglia di raccontarti
      quella litigata fatta con l'amica
      che fino a due ore fa credevi fosse tua sorella.
      Che ci hai diviso
      tutto.
      La voglia di guardarti in faccia
      e sentirti per una volta
      una
      mio
      Vorrei vomitare
      tutto quello che ho da dirle.
      E oggi
      aspetto ancora.
      Magari domani mi telefonerà lei.
      E assurdo.
      L'amicizia è una di quelle cose in cui credevo.
      Oggi mi ha inculato.
      Ehi... la cosa assurda è che
      se mi chiami ho voglia ancora di chiarire!
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di