Alle prove della nuova recita

Ho visto un corpo che ti stava accanto
dentro quel letto fino a ieri nostro.
E quel lenzuolo
ci ha coperti entrambi.
Neppure il tempo di un doveroso cambio,
tanta la fretta per il consumare,
l'assaporare un corpo nuovo.
E ti ho ascoltata fare bei progetti
con le parole che ho sentito già.
Ma sono stanco
di sentirti dire
e di vederti fare.
Non vedo l'ora che vi addormentiate
per venir fuori da uno stupito armadio
strisciare piano sui tappeti
e abbandonare il set di una commedia troppe volte vista
e recitata.
Appena in strada getto via il biglietto,
quello della "prima visione con l'ultimo arrivato".
Brava l'attrice
ma non da premio.
Bravo l'attore
ma forse perché non pensava di essere un attore.
Bravo invece io,
io sì,
bravo a strisciare,
bravo a scappare.
Alexandre Cuissardes
Composta sabato 20 settembre 2014
Vota la poesia: Commenta

    la casa un pò appartata

    Salgono in coppia
    e scendono divisi.
    A salire la voglia ed i sorrisi,
    a scendere il pudore,
    l'andare via veloce,
    di chi ha pagato.
    Ha goduto.
    Per portarla su gli ha offerto anche da bere. Quando è finita neppure un bicchier d'acqua.
    Lei scende lenta
    giusto un po' più indietro.
    L'aria di chi ha finito.
    Il viso è ravversato
    per la volta dopo.
    Trucco su trucco,
    così fino a stasera,
    a stanotte,
    a domattina.
    Alexandre Cuissardes
    Composta domenica 14 settembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di