Quello che ci attraeva così tanto,
che ci faceva stare a letto per ore
adesso ci fa quasi schifo.
Le nostre mani,
le labbra,
gli occhi.
Quel sudore
che ci incollava i corpi,
tutto è diventato quasi imbarazzo.
Quell'essere estranei
che ci fa voltare ognuno dall'altra parte nel letto,
per non farci pensare
che c'è molto del noi da scordare.
Per non vedere l'altro
e ciò che resta dell'altro.
E forse entrambi ci chiediamo cosa ci ha attratto,
come erano i nostri occhi di allora.
Come ci vedevano.
Come ci sentivamo,
chissà.
Alexandre Cuissardes
Composta lunedì 7 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta

    150, nuovi colori italiani

    La bandiera

    il rosso è quello della nostra vergogna per come siamo ridotti
    il verde quello delle nostre tasche vuotate da incoscienti
    il bianco quello del nostro viso impaurito  da come ci stanno massacrando

    la politica

    la destra ci ha lasciato un umore che non è dei migliori, è molto nero.  
    La sinistra ci ha lasciato i segni delle frustate sul culo, è molto rosso .
    Alexandre Cuissardes
    Composta martedì 8 maggio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di