Scritta da: Brunason

Er maestro

Si me gira n'antro po', amico caro
quasi quasi, t'arisponno, chiaro, chiaro.

E' 'n po' de' tempo che me frulla pe' la testa
na' domanna cattivella, pe' protesta.

"Aò, ma non c'hai artro da pensa'
Che segnatte come sto a sbaja'?"

Stai sempre co' la penna a prende' nota
Manco fossi n' avvocato d'a Sacra Rota.

Ogni giorno te sento compila'
na' gran lista: ammazza che loquacità.

"Santerella, saputella, sdorcinata,
pensa d'esse n'erudita, che scemata!

E se crede pure carra e bbona,
maa è solo na' campana che risuona".

"Si, si. E' vvero. C'hai raggione.
So' 'na bigotta, fresca, fresca de' stagione.

Meno male che pe' grazia t'ho 'ncontrato
Tu sei 'n gran maestro c' ha 'mparato.

E da bravo, dimme tu cos'ho da fa'.
Pe' esse' degna de vive in questa società".
Ada Ferrante
Composta giovedì 30 giugno 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason

    La porta

    Guardo smarrita
    questa porta
    appena socchiusa.

    La vorrei superare
    ma non è aperta,
    almeno per me.

    È triste sostare,
    imposibile andare.
    Sono fuori di te.

    Sto sulla soglia,
    appena un momento,
    osservando l'interno.

    Lieve malinconia.
    Ecco, ora è chiaro.
    Non c'è posto per me.
    Ada Ferrante
    Composta giovedì 16 giugno 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di