Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Brunason

Sola

Ecco, alla fine mi hai lasciato.
Qui. Tutta sola.
Davanti alle mie paure.
Sola. Ad affrontare le mie fiere.
Sola. A fronteggiare l'infronteggiabile.
Sola a sopportare un peso smisurato.
Più grande di me.
Sola.

Eppure, se chiudo gli occhi
e mi abbandono,
sento la Tua mano forte
che, sicura, mi sostiene.
E solleva questo peso.

No. Non sono mai da sola.
Ci sei Tu con me.
Sempre.
Ada Ferrante
Composta lunedì 23 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason
    Su, dimmi: le senti?
    Risate argentine,
    Cascate gentili.

    Mormorio roboante
    di fiume montano
    che scorre a rilento.

    Son note squillanti
    gioiose e sincere,
    attraversano l'aria.

    Bizzarre magie,
    assai impertinenti,
    Graziose armonie.

    Placassero ora
    l'amaro conflitto
    tortuoso e insensato.

    Ed ora, amico:
    Chi è Il tuo nemico?
    Le armi ho gettato.

    Ascolta il sussuro,
    immenso mistero.
    Calore sicero.
    Ada Ferrante
    Composta giovedì 28 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Brunason

      L'amore è dei poeti?

      Poeta è colui che ama comunicare.
      Come un musicista, un pittore, uno scultore, un fotografo, un regista...
      La comunicazione è una forma d'arte.
      Chi comunica, può solo comunicare di sé, della sua interiorità, del suo vissuto.
      Altrimenti è solo un attore che recita sé stesso (anche se il grande Shakespeare paragona la vita stessa a una recita: "Life's but a walking shadow, a poor player, That struts and frets his hour upon the stage" ).
      Il poeta, poi, come il paroliere di stupende canzoni, svela il proprio sentire.
      Perché lo fa? Narcisismo o ansia di rivelarsi, prima di tutto a sé stesso? Ognuno ha la sua risposta.
      Ecco l'ampio bagaglio del poeta: emozioni, sensazioni, turbamenti, sentimenti, contorcimenti e, sopra-ttutto, l'amore.
      L'amore donato, l'amore ricevuto, l'amore rubato, l'amore respinto, l'amore infelice, l'amore pieno, l'amore condiviso, l'amore gioioso.
      Perché lo scopo della vita è amare.
      Amare un partner, amare un figlio, amare un amico, amare un mendicante.
      Amare un bambino, amare una nonna, amare un poeta.
      Amare un cane, amare il mare, amare una giornata di sole o una notte stellata.
      In genere, un poeta che parla d'amore, racchiude in pochi versi TUTTO il suo mondo, tutto il suo amore, andando ben oltre ai sentimenti che esprime, sublimando la stessa persona alla quale dedica i suoi versi.
      Così, se parla dell'amico, racchiude in quel sentimento anche l'amore per l'amante o per il figlio, o per la vita o per l'amore...
      Ada Ferrante
      Composta giovedì 31 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta