Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Brunason

Poeta

Poeta solare,
regalaci un timido sorriso
che infine c'illumini
dopo un diluvio di lacrime.

Poeta ridente,
donaci un raggio di sole birichino
che ammicchi
dietro le nubi spumose.

Poeta amabile,
dipingi per noi
un tramonto grandioso
che accenda
il mare maestoso.

Poeta raggiante
traccia con una pennellata divina
un ridente arcobaleno
che annunci il sospirato ritorno
del sereno.

Dolce poeta,
tratteggia una limpida notte
calda e fragrante,
luminoso ristoro
dopo tanta malinconica pioggia.

Poeta amatissimo,
offrici un magico momento,
sospeso tra terra e cielo,
un profumo di sogno,
gioia e canto.

Ecco, tra le mani
ricevo le stelle d'argento
e la luna sognante.
Poeta, mio poeta,
donaci un po' di te.
Ada Ferrante
Composta venerdì 16 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason

    Cosa rimane

    Cosa rimane
    di un attimo di paradiso?

    Un incontro fugace,
    intenso,
    sincero.

    Cosa rimane
    se vai avanti
    senza voltarti indietro?

    Passi veloci,
    furtivi
    mendaci.

    Cosa rimane
    se fuggi te stesso
    e la tua anima rinneghi?

    Non un vago rossore,
    un battito di ciglia,
    un fremito del cuore.

    Bugie, follie,
    timori spenti,
    inconfessabili.

    Muto a te stesso.
    Sordo al mio pianto.
    Indifferente al mio cuore.

    Alla tua sete incurante.
    Separato, distaccato,
    Immemore.

    Ci legava un dolce comunione.
    Tenerezza, attenzione.

    E ora
    siam divisi,
    Spezzati, sospesi.

    Và...
    e non voltarti indietro.
    Và...

    Hai chiuso il cuore.
    Non sai cos'hai davanti.
    Non posso che restare indietro.
    Ada Ferrante
    Composta mercoledì 7 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Brunason

      Un ben prezioso

      Quant'è bello
      un vero amico!
      Un tesoro,
      una rarità.

      Un amico sa parlare
      e far silenzio.
      Sa farti ridere
      o ti commuove
      fino alle lacrime.

      L'amico è con te
      anche quando non c'è...
      l'amico è un cuore
      che parla a un altro cuore.

      Presenza discreta
      nella gioia o nel dolore,
      nel riso e nel pianto,
      nel tempo e nell'eternità,
      nello spazio e nell'infinito...

      Nelle lacrime
      è un raggio di sole
      che squarcia le nuvole
      all'improvviso.
      È un sorriso,
      il paradiso.

      Ma più di tutto,
      un amico,
      è il silenzio
      dell'amore.
      Ada Ferrante
      Composta martedì 30 marzo 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Brunason

        Un Dono

        Il desiderio di parlarti è forte,
        ma più forte il desiderio di accoglierti,
        semplicemente.
        Come un dono prezioso.
        Come perla di rara bellezza.

        Shhh... Silenzio...
        E' un delitto sciupare
        un dono così grande
        con povere parole.

        Tu sei l'offerta di una confidenza,
        una familiarità
        oltre il tempo,
        aldilà dello spazio.

        Vorrei parlarti
        di mille cose,
        confidenze sussurrate,
        domande senza risposta
        serrate nel cuore,
        sulla vita, l'amicizia,
        e sul dolore.

        Vorrei dirti
        quanto è bizzarro,
        inaspettato, inconsueto,
        meraviglioso
        chiamare te amico...

        E ricevere il sole
        In una giornata
        di lacrime e vento.
        Un sorriso donato
        caldo e garbato...

        Vorrei dirti
        quanto soave
        e coinvolgente
        è il tempo passato con te.

        Sai che ti dico?
        Ringrazio il cielo...
        Ho ricevuto davvero un gran dono:
        un (vero) Amico.
        Ada Ferrante
        Composta giovedì 18 marzo 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Brunason

          Il silenzio

          Il silenzio parla.
          Si, è vero.
          Il silenzio parla.
          Questa è una grande verità.
          Un vero mistero.
          Il silenzio può essere imbarazzato, insicuro.
          O ancora timoroso.
          Il silenzio può essere delicatezza
          o riserbo.
          Può essere indignato o irato.
          Oppure arrogante.
          Il silenzio può essere empatico.
          Consolante e amante.
          Il silenzio può significare rifiuto.
          O può essere dono.
          Il silenzio può voler dire
          fare spazio all'altro.
          Il silenzio, privo di parole
          ma colmo di suoni
          che un cuore aperto e amante
          sa udire.
          Perché lo vuole.
          Non ditemi mai più che non capite il mio silenzio.
          Io parlo nel silenzio.
          Ada Ferrante
          Composta nel gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Brunason

            Il cuore

            Tengo il tuo cuore
            nella mia mano,
            delicata, attenta.

            Seguo i tuoi passi.
            Discreta, lontana,
            Cammino al tuo fianco.

            Teneramente ti accolgo.
            Libero ti rendo,
            a te sono unita.

            A te mi affido,
            appoggiandomi,
            e con amore ti sostengo.

            Ti rallegro e ti scuoto.
            Ti appassiono, sorridendo.
            Giocando, ti amo.
            Ada Ferrante
            Composta lunedì 11 gennaio 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Brunason

              Riflesso

              Ti guardo
              e in te mi rifletto,
              come in uno specchio.

              Mi assale il timore,
              un sottile disagio,
              se il tuo sguardo incupito
              mi sfiora contrariato.

              Che ho fatto?
              Che ho detto?
              Pena e tormento.

              Mi vedi?
              Mi senti?
              Ma sai cosa chiedi?

              Amato, diletto,
              pretendi anche un trono.

              Non vedi quell'oro
              che è dentro di me.
              È solo per te.
              Ada Ferrante
              Composta lunedì 11 gennaio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Brunason

                Rinnovamento

                Mi guardi? Non so.
                Mi ascolti? Lo spero.
                Ripensi forse un po',
                con nostalgia, a quei giorni lontani?
                Forse no.

                Ho voltato la testa un istante
                e il tuo volto ho contemplato.
                Ahimè! Il mio passo s'è arrestato.
                E il mio cuore ha mancato
                anche un colpo.

                Scrollo la testa, un sospiro...
                Poi il respiro ritorna al suo placido ritmo.
                Un sogno, lontano.
                Trema, traditrice, la mano.
                Poi con forza mi scuoto.

                Un sorriso soave.
                Scrollo le spalle, leggera.
                E ritrovo il mio passo
                con vigore tenace.
                Rinnovamento.
                Ada Ferrante
                Composta sabato 2 gennaio 2010
                Vota la poesia: Commenta