Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Il percorso che facciamo, la vita, le esperienze ed ogni cosa che viviamo ci porta a nascondere molte cose di noi. Ci porta a sotterrare quei lati con cui troppo spesso le persone hanno giocato. Sotterriamo nel posto più nascosto di noi tutto ciò che potrebbe diventare gioco e arma nelle mani di chi abbiamo di fronte. Malgrado quella parte di te ti manca e ti manca in modo pesante, la lasci là... in quell'angolo perché adesso per te "proteggerti" sentirti al sicuro è più importante. Poi... un giorno qualcuno ti guarda in un modo un po diverso, sorride in un modo unico e quel qualcosa comincia a ballarti di nuovo dentro, ma tendi a non ascoltarlo. La verità è che solo chi davvero sa guadagnarsi ciò "che eri" potrà goderne, facendo in modo che "ciò che eri" possa tornare ad essere "ciò che sei"!
Silvia Nelli
Composto martedì 8 agosto 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Sì! Io sono una di quelle persone che si arrabbia. Non posso farci nulla. Quando qualcosa mi tocca dentro e mi ferisce io lo dico. Non penso ai modi e ai toni, semplicemente esce! La vera natura di una persona, nel bene e nel male è bene vederla subito. Io amo sapere con chi ho a che fare, per questo cerco la stessa cosa in chi ho di fronte!
    Silvia Nelli
    Composto giovedì 3 agosto 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Sono la prima a piangere per una cazzata, ad isolarmi se non capita o ad arrabbiarmi per una sciocchezza. Sono la prima a sentire rabbia per un gesto mancato, per una parola di troppo e sono sempre pronta ad alzare muri e stati d'animo difensivi. Sono la prima ad avere un carattere difficile e spesso incomprensibile. Ma c'è una cosa di me che non cambierei mai ed è quella mia capacità di capire i modi "sbagliati" di altri. A cercare di capire da dove nascono e ad andare loro incontro. Fino a quando il mio "comprendere" loro non diventa un "dimenticarmi" di me.
      Silvia Nelli
      Composto giovedì 3 agosto 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Invece di "pregare" inizia a "praticare", non serve lamentarsi delle cattiverie che ci vengano fatte se poi siamo i primi a vivere regalando cattiveria. A niente serve accusare li altri delle proprie lacrime se poi siamo responsabili di quelle altrui. Non serve pretendere una lealtà che mai abbiamo messo in pratica. Non ci rende migliori puntare il dito su qualcosa che abbiamo messo in pratica per primi. Non ci aiuta a crescere rendere il resto del mondo responsabile dei nostri fallimenti. Non si diventa grandi con gli insulti, ma con l'umiltà. Non resto più a guardare determinati atteggiamenti, non mi fermo più di fronte a parole di troppo di chi è "poco". Non interrompo il mio cammino per chi non ha avuto la forza di intraprendere a pieno il suo! Io non prego... pratico! E se prego non ho bisogno di dirlo, la preghiera è qualcosa che appartiene all'anima, all'intimo... essa è sostanza e mai apparenza. Io vivo serena e lo faccio nella piena consapevolezza che prima o poi "ciò che si semina si raccoglie" sempre! Il tempo passa, ma certe cose non le cancella e quando è il momento le restituisce, nel bene o nel male... e questo dipende solo da te.
        Silvia Nelli
        Composto mercoledì 2 agosto 2017
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Non guardarmi in quel modo, non sono un essere stupido, sono dotato di una notevole intelligenza. Una di quelle intelligenze che non sentono il bisogno di essere dimostrate in ogni modo, sanno di esserci e gli è sufficiente! Non viaggio con la testa, è la testa a viaggiare con me. Sono una creativa, ma estremamente realista! Non mi si può comprare e nemmeno azzittire. Una persona che cammina da sola perché consapevole che la sua presenza e la sua compagnia te la devi meritare. Stronza, indurita dalla vita, dotata di altissimi muri. Non mi racconto lascio fare al fato, chi è dotato della mia stessa intelligenza coglierà l'essenza che c'è oltre la corazza, chi non sa farlo è bene che resti nella sua superficialità ovattata di cavolate!
          Silvia Nelli
          Composto domenica 23 luglio 2017
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Se accetti qualcuno che non sia affine a te, dopo non recriminare il suo "essere". Il nero non si tramuta in bianco con il tempo, tanto meno sotto imposizione. Se sei una persona che sa ciò che vuole, quando hai piena conoscenza di chi hai di fronte, puoi scegliere di accettare e restare o rifiutare ed andartene. Se accetti e resti, andando contro a ciò che sai di volere veramente, dopo non attribuire la colpa all'altra parte che con sincerità, fin da subito, si è mostrata per ciò che è veramente... la colpa è tua che per debolezza hai scelto di scendere a "compromessi". Dopo non puoi pretendere che quel "qualcuno" cambi e ti dia ciò che tu desideravi e sognavi, perché sapevi fin dall'inizio che non sarebbe mai successo.
            Silvia Nelli
            Composto domenica 23 luglio 2017
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Capiamoci bene: io un'anima ce l'ho e sono disposta a giocarmela per chi vale e merita. Sono una buona, una persona tranquilla e socievole, però ho anch'io un lato "non buono". Quel lato così comunemente chiamato: "di merda"! Non scatenarlo e non provocarlo oltre, perché ciò che fai tu so farlo pure io e anche meglio. Io non mi limito a parlar male alle spalle. A me hanno fatto un cervello e quel cervello mi dice che le cose dette in faccia e due pedate nel sedere funzionano meglio di tanti chiacchiericci inutili!
              Silvia Nelli
              Composto sabato 22 luglio 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Indiscutibilmente molto spesso ci ho rimesso. Indiscutibilmente molte volte ci ho solo perso. Indiscutibilmente molte sono le volte che non avevo afferrato bene chi fosse colui che avevo di fronte. Indiscutibilmente sono stata stupida, assurda e poco dignitosa dei valori che mi sono sempre prefissata. Indiscutibilmente ho sbagliato, ho fallito, lottato invano o rinunciato troppo presto. Però... indiscutibilmente vado fiera di aver sbagliato usando il cuore. Perché ascoltarlo è più valoroso che "usarlo". Indiscutibilmente ho perso mantenendo alta la testa, perché giocare pulito non è cosa da tutti. Indiscutibilmente ho sbagliato a valutare persone, cose e situazioni, ma la buona fede che spesso si paga a caro prezzo, viene sempre risarcita da una coscienza pulita. Indiscutibilmente mi sono persa, mettendo me all'ultimo posto, ma sbagliare mi ha insegnato che me stessa non la devo trascurare mai più. Indiscutibilmente sia per ogni battaglia vinta, sia per ogni battaglia persa se ho lottato in modo vero, pulito e sincero io posso essere fiera della persona che sono e lasciare agli altri la vita che si sono scelti, le priorità che si sono prefissati e il loro mondo superficiale. Indiscutibilmente ho imparato tanto... indiscutibilmente restare quella che sono e non permettervi di cambiarmi è la mia vittoria. Indiscutibilmente sono disposta al miglioramento di me stessa laddove sarete un esempio migliore di quello che io stessa mostro. Un caro saluto... indiscutibilmente con affetto.
                Silvia Nelli
                Composto mercoledì 19 luglio 2017
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Meravigliosa quiete dopo la tempesta. Quella quiete che arriva così all'improvviso proprio quando stavi un bilico tra un "non ce la faccio" e un "ce l'ho fatta"! Arriva calma, silenziosa e quasi ipocrita. La riconoscerai quando ti renderai conto che non cercare chi per te era "aria" viene ormai naturale. Quando vedrai te stesso come alternativa a chi non ti ha mai considerato una priorità. Quando capirai che vivere è meglio che dipendere. Non so se questo tuo traguardo renderà altrettanto felice chi era abituato a vederti correre... ma tu sorridi pensando che non è cambiato l'affetto, ma sei cambiato tu... capisci che non soffri più, che adesso non aspetti più niente e nessuno, ma da oggi saranno gli altri ad aspettare te. Ad aspettare che tu ti riprenda tutto il tempo perso e chissà se mai ne troverai ancora per coloro che del tuo tempo hanno fatto il loro "passatempo"... ma ormai a te non interessa più perché hai spiccato di nuovo il volo e sei già lontanissimo.
                  Silvia Nelli
                  Composto martedì 18 luglio 2017
                  Vota il post: Commenta