Post di Silvia Nelli

Disccupata, nato giovedì 14 giugno 1973 a Pisa (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Silvia Nelli
Dovremmo ricordarci più spesso quanto sia breve la vita. Di quanto poco sia il tempo che ci viene veramente concesso. Spesso ci perdiamo, ci fermiamo inutilmente dietro a cose assurde e inverosimili, scoraggiandoci e affliggendoci per fatti spesso inesistenti, rincorrendo qualcosa che non c'è e che non ha mai guardato dalla nostra parte. E poi... In un attimo... Puff... Tutto finisce, svanisce e non ci siamo più. E allora per cosa è valsa davvero la pena il tempo che abbiamo vissuto... Dovremmo vivere sempre veramente come fosse l'unico giorno a disposizione!? Incoscientemente, solo per se stessi e per essere felici? Non so... Però ho conosciuto il sapore del tempo che stringe la gola, del tempo che potresti non avere più davanti a te. Ho conosciuto persone che il giorno prima erano sedute di fronte a me, ridevano, parlavano con un'energia da fare invidia e il giorno seguente erano sparite travolte dal vento di un destino che non si aspettavano. Guardarmi a volte mi fa paura, il tempo che passa, spesso inerme e silenzioso ed io lì... Come se non mi fossi mossa, come se fossi sempre al solito posto, nel solito punto, ma è veramente così? Forse nella vita molte cose non sembrano cambiare in apparenza, ma dentro di noi molte di esse finiscono per trovare un loro posto, ammucchiandosi e annullandosi a vicenda. Dentro di noi sono molte le cose che cambiano, noi stessi cambiamo e anche se restiamo più o meno fermi quello che abbiamo attorno prende continuamente nuove forme e prospettive, dando nuove possibilità e nuove strade. Diamo troppa importanza a molte cose, spesso sciocche, finendo per sottovalutare quella principale... La vita stessa e il tempo a disposizione. Dovremmo metterci in testa che la vita non torna, non si riavvolge, non replica e non da modo di ripassare da dove ha già svolto il suo ruolo. Per questo è importantissimo che ogni singolo giorno abbia qualcosa di speciale da aggiungere al nostro percorso e questo lo possiamo fare solo noi. Basta arrabbiarsi, basta guerre, terrorismo, razzismo, odio e rancore... Basta! Guardiamoci negli occhi, stringiamoci la mano e capiremo che nessuno di noi, in fondo è poi così diverso. Basta correre dietro a quei sogni che non ci hanno mai nemmeno sfiorato... Quelli non si chiamano sogni, ma illusioni e le illusioni sono perdite di tempo ed energie sprecate, sono positività e vitalità buttata per sempre. Afferriamo le certezze che abbiamo, che seppur poche è da li che dobbiamo partire e la prima vera certezza siamo proprio noi. Avanziamo con importanza e con passo consapevole, voltando lo sguardo a ciò che è stato per farne esperienza di cammino. Un ultimo sguardo anche a ciò che non è stato per po i lasciarlo là dov'è, perché se non è stato è proprio li che probabilmente doveva restare. Fate della vostra vita qualcosa di semplice e di umile, ma di grandezza inestimabile a livello interiore. Oggi credo che il percorso dei miei ultimi tre o quattro anni abbia saputo darmi il bagaglio necessario per essere una persona nuova e quella persona... Mi piace. Sono ancora certa che non tutto si può perdonare, ma una cosa l'ho imparata... Il rancore, la rabbia fa male solo a chi lo prova. Riuscire a non odiare nemmeno chi mi ferisce, augurare loro, nonostante tutto, il bene, fa di me una persona serena e priva di rabbia e sentimenti negativi. Non perché io sia superiore, ma semplicemente so passare oltre. Mi dispiace, io non perdono il male gratuito a quello se vuole provvederà Dio, ho semplicemente scelto di vivere vivere senza sentire il bisogno di ricambiare.
Silvia Nelli
Composto venerdì 10 novembre 2017
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Silvia Nelli
    Il sorriso più bello che ho donato al mondo è quello della mia rinascita. Quel sorriso che sa di donna che torna a vivere e a sentirsi una persona nuova. Il sorriso che apre un nuovo mondo di fronte a lei, pieno di possibilità e di nuovi colori. Il sorriso più bello che ho donato al mondo è quello che nasce sul volto di chi si ritrova e i motivi per cui si è perso sono ormai lontanissimi. Il sorriso più bello che ho regalato al mondo è quello che è impresso oggi sul mio viso. Un sorriso pieno di consapevolezza, esperienza e saggezza. Un sorriso di donna... una donna che oggi, corre incontro alla vita come qualcuno che non ha più niente da perdere. Una donna che dopo aver vissuto a lungo sotto la pioggia, adesso sorride fiera perché riassapora la meravigliosa sensazione che il sole dona.
    Silvia Nelli
    Composto mercoledì 8 novembre 2017
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Silvia Nelli
      Non ci dobbiamo arrendere alla solitudine, ai vuoti o al senso di smarrimento che ogni tanto ci invade. Non serve a niente, solo a farci appoggiare a qualcuno che magari invece di prendersi cura di noi, finirà per aumentare ancora ulteriormente le nostre debolezze, rendendoci ancora più fragili. Dobbiamo imparare a prenderci cura di noi stessi in piena autonomia. Siamo i primi a sapere di cosa abbiamo bisogno e cosa cerchiamo... aspettiamo. Aspettiamo quel qualcuno che si prenda cura di noi con serenità, ma soprattutto per scelta. Qualcuno che come noi, ha bisogno di qualcosa di migliore, di più vero e certo di ciò che ha avuto fino ad oggi. Qualcuno che non sappia solo spogliarci e scaldarci la pelle, ma qualcuno che sappia "curarci" dentro, trasformando i nostri punti deboli in estremi punti di forza. Qualcuno che ci guardi in modo sincero, che ci ascolti con la voglia di capire, che ci abbracci anche senza ragioni, qualcuno che abbia voglia di esserci senza togliere niente a ciò che siamo. Imparare a prendersi cura di se stessi da soli è il primo passo per non permettere più a storie sterili e vane illusioni di metterci ancor più in difficoltà. Solo allora daremo un vero senso a ciò che siamo e in base a questo, potremmo scegliere colui che proteggerà il duro lavoro che abbiamo fatto su noi stessi fino a quel momento.
      Silvia Nelli
      Composto martedì 7 novembre 2017
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: Silvia Nelli
        Non obbedisco più agli ordini di nessuno. Da anni, da quando mi ritengo adulta seguo la mia strada, mi assumo le mie responsabilità e percorro i miei passi. Amo poco e mi apro poco. Ho imparato a trattenere, che spesso è risultato essere più producente dal donare e rimetterci. Oggi sono attenta a chi frequento, alle persone con cui parlo e soprattutto a quelle a cui dono tempo e sentimenti. Non mi carico più di ciò che gli altri pensano e non mi sento più addosso i finti abiti che la convinzione della gente vorrebbe cucirmi sulla pelle. Non mi piace dovermi giustificare per cose che non ho commesso, tanto meno con chi ha giudicato il mio percorso... praticando peggio percorrendo il proprio. La mia saggezza mi porta a dire che in base a come ti poni... ricevi. Quindi quando si riceve "merda", domandarsi se non è stata coltivata nel tempo da noi stessi sarebbe cosa giusta, ma altrettanta saggezza mi dice che guardare gli altri è più comodo che valutare se stessi, costa meno tempo, fatica e soprattutto non serve intelligenza, obiettività e buon senso. Al punto in cui sono arrivata, grazie al mio cammino interiore so che dal momento in cui sono certa di me stessa, altro ho da dire, fare e contestare. Ognuno pensi cosa vuole, tanto io continuerò a pensare per me stessa e per coloro che ho scelto di avere vicino... e credeteci quando dico che sono ben pochi. La coscienza pulita è qualcosa che fa stare sereni... per questo io lo sono. Questa per me è la vera libertà dell'essere umano!
        Silvia Nelli
        Composto lunedì 6 novembre 2017
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: Silvia Nelli
          Siano benedetti i rapporti veri. Quelli sinceri, quelli che sanno di "noi". Un noi che non conta se formato da un uomo o una donna che si amano o da persone che si stringono in segno di una vera amicizia. Siano benedetti quei momenti di spensieratezza, che sanno di estrema libertà e sincerità. Siano benedette quelle notti, passate a piangere a fianco di un amico sincero, a sfogarsi e a vomitare ogni dolore e delusione del momento. Siano benedetti gli abbracci, quelli che non hanno nessuno scopo, ma sanno solo di presenza e certezza. Quelli intrisi di affetto vero, che non muore con niente, ma persiste, resiste e resta! Siano benedetti quei legami veri che non hanno convenienze, che non puntano a nessuna meta, quelli disinteressati, ma veri e consolidati dal tempo e soprattutto dai fatti. Siano benedetti quei litigi, quelle incomprensioni che li ha resi ancora più forte permettendogli di conoscersi ancora più a fondo. Siano benedette le interferenze, le invidie e le malelingue che alle spalle hanno tramato per dividere rapporti ormai indissolubili ed hanno fallito rendendoli migliori. Siano benedette le cattiverie e le gelosie che certi legami suscitano, perché hanno fatto in modo di rendere quel "noi" ancora più forte. Siano benedetti tutti quelli che hanno conosciuto il valore di un vero legame, che hanno saputo costruirselo, mantenerselo, proteggerlo e godere a pieno dei grandi benefici che un vero legame comporta!
          Silvia Nelli
          Composto sabato 4 novembre 2017
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: Silvia Nelli
            Malgrado tu sia stato quel qualcosa che resterà indelebile e diverso per tutta la vita, resti colui che è riuscito a farmi calpestare me stessa fino allo sfinimento. Ho distrutto chi ero per l'amore che avevo per te. Ho varcato soglie che nemmeno conoscevo solo per raggiungerti. Ho lasciato indietro la mia dignità per abbattere il tuo orgoglio. Ho soppresso la ragione per far fronte ai tuoi capricci. Malgrado tutto questo tu resti qualcosa di importante, perché un sentimento così potente io non lo avevo mai provato. Oggi, con estrema calma e serenità ti affido al tempo, a quello passato. Oggi, come una liberazione sento che non fai più parte di niente di tutto ciò che mi riguarda, sei altrove, sei ovunque non ci sia il mio cuore. Resti l'insegnamento più grande che la vita mi ha dato. Mi hai insegnato che a certi livelli l'amore non ti permette di scendere. Mi hai insegnato che amare non è soffrire, amare non è sopprimere se stessi o dimenticarsi ciò di cui abbiamo bisogno per accontentare chi si ama. Mi hai insegnato che amare è qualcosa che sanno fare in pochi e che esistono persone incapaci di farlo. Prive di ogni concetto e valore che l'amore porta dentro di sé. È si, tu mi hai insegnato molto. Hai messo un tassello in più alla mia vita, alla mia esperienza. Grazie per avermi fatto conoscere cosa sia amare in modo spaventoso, cosa voglia dire aprire gli occhi e rendersi conto che di fronte avevi in realtà tutto ciò che avevi sempre schifato ed evitato. Grazie per tutti i tuoi: "ti voglio un bene dell'anima" rimasti sempre solo parole e mai dimostrati. Grazie, per avermi insegnato il dolore, quello grande, quello che spegne l'anima, che quasi uccide, ma non sono morta... e questa è l'unica cosa per cui non devo dirti grazie! Grazie lo dico a me stessa. Per aver trovato quella forza che mai avrei pensato di avere. È grazie alla donna che sono se sono risalita dall'inferno, se ho ritrovato la mia luce interiore, se sono tornata ad amarmi e se ho ritrovato quella lucidità che mi fa dire: "vai! Vai lontano da me, perché in questo mio mondo non c'è spazio per te"! Ti ho dato una possibilità come uomo e mi hai delusa... ti ho dato una possibilità come persona e hai saputo dimostrarmi che vali ancora meno di quanto tu valessi come uomo! Non ho niente da dirti, ho solo parole per me stessa adesso. Voglio dirmi brava per aver saputo affrontare qualcosa di veramente grande, talvolta più grande di me. Brava, per non aver lasciato morire totalmente la donna che sono. Grande perché finalmente accanto a me ti vedo così piccolo che quasi mi sembra impossibile che io possa averti dato un'importanza così grande. Poco a poco ci sono arrivata. Sei arrivato nella mia vita come la cosa più bella che mi fosse mai capitata, sei scorso nel mio tempo dimostrando di essere il peggio che potesse capitarmi e finalmente ne esci come una liberazione. In qualsiasi caso sia andata... tu sei la mia più grande vittoria! Grazie, per avermi insegnato ad amarmi e anche se molte cose di me te le sei portate via con te per sempre, ora che sei fuori dalla mia testa, dal mio cuore e da qualsiasi cosa mi riguardi, arriverà qualcuno che saprà ricostruire in me quelle parti di cui mi hai privata e sappi che saranno ancora più belle di quelle che ti sei trattenuto tu, te lo prometto... ma soprattutto prometto a me stessa che non sbaglierò più.
            Silvia Nelli
            Composto giovedì 2 novembre 2017
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: Silvia Nelli
              Ti diranno che non vali molto, che sei poca cosa e che al mondo non servi a niente. Ti diranno che sei una persona come tante, banale, stupida e di poco valore. Ti diranno quanto tu sia una persona bugiarda, falsa e opportunista. Ti useranno e a volte nemmeno te ne accorgerai mentre lo fanno, lo capirai dopo, tardi e magari ci soffrirai. E quando succederà, il peggio di te uscirà per difendere la parte ferita, arrabbiata e delusa, e lì ti diranno che avevano ragione. Penso che di tutte queste cose ne potrei scrivere un libro, parlando delle mie esperienze, di quelle delle persone che amo e di ciò che spesso la vita mi ha messo di fronte. Interi capitoli dedicati a chi del giudizio e dell'ipocrisia ne fa un abito da indossare quotidianamente. Imparare da tutto questo è la cosa più difficile da fare. Richiede un lavoro su se stessi spaventoso e a volte terribilmente doloroso. Alla fine di esso capirai che molte cose che ti tolgono serenità e sorriso non esistono. Imparare a lasciare queste presenze nel loro mondo è cosa buona e giusta. Per non permettere più a loro di entrare nel vostro mondo dovete arrivare a non regalare loro la vostra serenità, permettendogli di alimentare in voi rabbia e rancore. A non regalare loro il vostro buonumore e il vostro sorriso. Sorridete con forza e convinzione per ciò che conta e fatevi inondare di serenità da parte di chi vi apprezza. Tutto il resto deve morire sulla bocca di chi non conosce altro che la superficialità e la cattiveria... perché voi non siete come loro.
              Silvia Nelli
              Composto mercoledì 1 novembre 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: Silvia Nelli
                Ci siamo negati tempo per donarlo a chi non ha saputo apprezzarlo. Ci siamo negati molti sogni per realizzare i vostri e abbiamo soppresso esigenze per appagare le vostre. Ci siamo persi e a fatica ritrovati. Ci siamo dannati per capirvi, per seguire i vostri sbalzi d'umore e tutti i vostri capricci. Ci siamo annullati per appagare il vostro ego e non ci siamo sentiti dire nemmeno una volta: "grazie"! Siamo stupidi!? No! Siamo semplicemente quelli che se amano sanno esserci. Siamo quelli che non contano le lacrime, i sacrifici o le rinunce, ma danno priorità al sentimento. Siamo quelli che troppo spesso vengono usati, feriti e spesso traditi. Quelli che poi una volta voltata pagina nemmeno te ne ricordi più, perché mai hanno contato veramente, nemmeno quando li avevi a fianco. Però ricorda... siamo anche quelli che vi torneranno in mente il giorno in cui vi sentirete soli, in cui vi sentirete persi e capirete che nella vita non avete costruito niente... e quel giorno per voi saranno caz... i amari, credetemi.
                Silvia Nelli
                Composto martedì 31 ottobre 2017
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: Silvia Nelli
                  Se l'amore parlasse solo attraverso il sesso e il piacere, non servirebbero a niente sguardi e parole sussurrate. Se l'amore fosse solo fisicità, non ci resterebbero impresse nella mente quelle risate complici che ci risanano il morale e l'animo. Se l'amore fosse solo uno scambio di piacere, non esisterebbe il sostenersi, l'ascoltarsi e il capirsi. Se l'amore fosse solo un intreccio di corpi non avrebbero senso gli abbracci, quelli che danno sicurezza, quelli che ti lasciano la sensazione di non essere sola/o. Quindi, fatemi il favore, se non conoscete niente di tutto ciò che va oltre il corpo, evitate di parlare d'amore, perché credetemi, non lo conoscete affatto. Se non conoscete niente di tutto ciò che sfiora l'anima, varca il cuore e resta, non professate amore, perché non sapete nemmeno voi di cosa state parlando. Credetemi... Tra il sesso e l'amore c'è una differenza che solo chi conosce l'uso del cuore può comprendere.
                  Silvia Nelli
                  Composto lunedì 30 ottobre 2017
                  Vota il post: Commenta
                    Scritto da: Silvia Nelli
                    No, non ho più voglia. Non ne ho più, ho solo voglia di vivere e mantenere alta quella serenità che a fatica mi sono riconquistata. Io non sono il problema di nessuno e nessuno deve essere più un mio problema. Ognuno i problemi li vive nella sua testa, quindi che ognuno si risolva i suoi. Non ho più tempo né voglia di pagare cose che non mi competono e mettere ancora a rischio la mia serenità. Ho fatto del "ci sono" una frase molto restrittiva. Ho fatto del "ti voglio bene" qualcosa di raro e ho scelto che il mio "conta su di me" è qualcosa che va meritato e guadagnato. No, non ho più voglia. Non ho più voglia di ascoltare cavolate, di vedere persone che si arrendono per poca cosa, di notare quanto sia più facile ferire che aiutare, giudicare che capire, sbirciare invece che guardare a fondo e soprattutto credere di essere nel giusto senza mai domandarsi se magari è il caso di farsi un esame di coscienza. No, basta... lasciatemi vivere come voglio, mai mi imporrò presenze che non gradisco, mai mi piaceranno tutti, mai ho preteso di piacere. Andate... e fate in modo che il mio tempo e il mio bene abbiano un senso e un valore per quei pochi che ho scelto. Non preoccupatevi di chi ho attorno... io distinguo molto bene, anche nella folla, le banali conoscenze da ciò che sono i veri legami!
                    Silvia Nelli
                    Composto domenica 29 ottobre 2017
                    Vota il post: Commenta