Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Ci definiscono: "anime sensibili". Io non so quali vocaboli siano più appropriati. Allora descrivo quello che sento dentro l'anima: noi siamo dei guerrieri privi di ogni armatura, dove il dolore e l'afflizione corteggiano il nostro corpo e trafiggono il nostro cuore che marcia scoperto in un mondo di frecce avvelenate! Ad ogni colpo siamo abbattuti, ma nella fragilità risorge un miracoloso temperamento che ci risolleva per immetterci di nuovo in marcia, la marcia della vita, pronti a combattere di nuovo, pronti a cadere di nuovo.
Claudio Visconti De Padua
Composto domenica 8 marzo 2015
Vota il post: Commenta
    Illudendomi di averla dimenticata, lei riemergeva prepotentemente nei meandri dei ricordi, e in me nella mia anima a rinnovarsi come fiori di primavera innumerevoli sensazioni, e il mio corpo come un vasto campo è trafitto da mille germogli d'amore. Il suo affetto aveva sparso semi in quel campo arido del cuore e dalle sue labbra attingevo la dolce rugiada, piccola sorgente zampillante dove l'anima si disseta.
    Claudio Visconti De Padua
    Composto lunedì 2 marzo 2015
    Vota il post: Commenta
      Ho sempre con dovizia cercato risposte alle domande della vita, ho sempre esplorato nuovi orizzonti per scoprirne l'infinito, quando scalavo la vetta del mistero ricadevo giù a valle, c'era sempre qualcosa che impediva la mia salita, il mio successo, la mia meta. Alla fine mi sono arreso, ho compreso che la scalata mai finita, l'obbiettivo mai raggiunto e l'infinito mai capito era la mia vita.
      Claudio Visconti De Padua
      Composto domenica 22 febbraio 2015
      Vota il post: Commenta
        Ho capito per esperienza diretta che noi ci preoccupiamo troppo dell'opinione altrui. Crediamo che gli altri ci pensino più del dovuto, ma non sempre così. Tutti sono afflitti dalle proprie preoccupazioni. Quando gli altri osano pensar male di noi lo fanno a loro danno, perché oltre a sostenere il peso delle ansie, sparlando di noi. Non fanno altro che aggiungere le nostre alle loro, e da questo torbido miscuglio molti saranno destinati a penare e a cadere dal peso dei vani pregiudizi.
        Claudio Visconti De Padua
        Composto mercoledì 18 febbraio 2015
        Vota il post: Commenta