Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

In media viviamo 70 anni, ossia 25.550 giorni, quindi 613.200 ore, ma di queste ore 204.400 sono dedicate al sonno, ne rimangono 408.800 da cui ne vengono sottratte 141.960 per il lavoro, ammesso che ne abbiamo uno. Per noi rimangono in effetti 266.840 ore di vita senza sonno e lavoro, togliendo a queste stesse ore circa la metà per faccende dedicate alla quotidianità come tv, faccende domestiche, burocrazia, traffico ecc ecc, la nostra vita il nostro tempo reale risulta essere di circa 100.000 ore. Adesso pensateci bene prima di sprecare tempo per le cose inutili!
Claudio Visconti De Padua
Composto lunedì 18 gennaio 2016
Vota il post: Commenta
    Il superfluo è un ostacolo alla tanta bramata serenità. Vivere per dipendere dal possesso, dal desiderio, dall'amore, della ricchezza, non è vivere, ma morire nelle cose che ci fanno vegetare. Solo rinunciando a ciò che non è essenziale, ognuno di noi capirà il valore di ciò che effettivamente siamo.
    Claudio Visconti De Padua
    Composto sabato 26 dicembre 2015
    Vota il post: Commenta
      Vi racconto una storia che mi è capitata due anni fa mentre percorrevo l'autostrada Pescara-Bari. Mi fermai quando vidi una macchina che aveva perso il controllo e aveva sbattuto contro il guardrail. C'era un uomo che piangeva come un bambino e sua figlia era rimasta immobilizzata sul sedile grazie alle cinture di sicurezza. Quest'uomo era partito da Parigi con la sua figlioletta per recarsi a Bari, dove l'attendeva sua moglie. L'uomo non parlava italiano, nemmeno sua figlia, comunque mi apprestai a dare i primi soccorsi. Prelevai la bambina dalla macchina e la misi in sicuro nella mia. Confortai quell'uomo, insieme ad un altro soccorritore gli trovammo un posto per dormire e concedemmo l'auto incidentata ad un carro attrezzi. Passò un'ora e fui felice di aver aiutato questa famiglia. Arrivò l'ora della ripartenza e lui mi abbracciò e mi ringraziò con le lacrime! Questa sera gli ho telefonato, mi ha risposto la moglie, mi ha detto che sua madre abita a poche decine di metri dal posto dell'attentato e sono rimasti chiusi in appartamento tutta la giornata. Mi ha riferito che andranno via dalla Francia perché la vita è costosissima. Mi ha promesso di passare a trovarmi, per stare una giornata insieme. Così avrò il privilegio di incontrare persone che nonostante tutto manifestano segnali di riconoscimento in un mondo ingrato!
      Claudio Visconti De Padua
      Composto domenica 15 novembre 2015
      Vota il post: Commenta
        Viscidi come larve che strisciano sui pendii dell'inganno! Il loro Dio è la menzogna, idoleggian la lussuria! Essi dimentican la morte che spietata non fa sconti nemmeno alle tangenti. Tutto vi abbonda in questa vita dell'inganno, scrofa che rotola sulle proprie feci così i vostri corpi gonfi di abominio. Cani che tornano al vomito così rigurgitate le frodi e le rimangiate. Vermi putridi su carcasse fetide sono i peccati vostri indigesti i vostri nomi saranno all'inferno ripudiati!
        Claudio Visconti De Padua
        Composto martedì 3 novembre 2015
        Vota il post: Commenta
          Quello che io cercavo, era un mondo dove mi sarei sentito bene; dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Quello che io cercavo mentre gli anni deputavano la mia fanciullezza, era un mondo privo di odio ed egoismo, di uguaglianza e di benessere per tutti! Quello che io cercavo mentre il mio corpo indossava la sua maturità era un mondo di occhi gioiosi, di pianti come ricordi, di dolori dimenticati. Quello che io cercavo, quello che io speravo, non l'ho visto! Quelle cose in cui la mia anima mirava, si rivelò un miraggio.
          Claudio Visconti De Padua
          Composto lunedì 17 agosto 2015
          Vota il post: Commenta
            Ci sono incontri inaspettati che si trasformano in appuntamenti! Accade che a unire due anime, cementare due cuori, comprendersi senza essersi mai conosciuti, leggersi negli occhi e ascoltare una musica piacevole interiore, sfiorarsi l'anima senza mai essersi sfiorati, lo chiamano fato! Forse quello che unisce due persone non è il fato ma arcana aspettazione, qualche angelo da qualche parte del cielo c'indirizza all'anima gemella.
            Claudio Visconti De Padua
            Composto domenica 16 agosto 2015
            Vota il post: Commenta