Scritto da: MaryRosa Amico
in Racconti (Drammatico)

Famiglia

Eravamo due corpi in un anima sola, eravamo sorelle. Amavamo entrambe il profumo del mare e il vento tra i capelli. Stavamo ore, e ore sedute su di uno scoglio con lo sguardo rivolto all'infinito, in silenzio perché sapevamo ciò che pensava, sentiva, provava l'una per l'altra. Era la metà, era... [continua a leggere »]
Composto venerdì 18 gennaio 2019
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Luce Argentea
    in Racconti (Drammatico)

    Myself

    "Non mi amalgamo alle cose, e non mi confondo fra gli altri. Preferisco essere eterogenea, integra nei valori in cui credo. Ho un sangue che mi impedisce di miscelare sostanze estranee, sconosciute alla natura che incorporo.
    L'omologazione è pericolosa. Squilibria contenuti sociali per... [continua a leggere »]
    Composto venerdì 2 marzo 2018
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marco L.
      in Racconti (Drammatico)

      Un giorno in un bar

      Ero chiuso a casa ormai da ore, il letto era sistemato e la cucina pulita, mancavano solo le valigie pronte per dire che stavo scappando in qualche altro paese sperduto, avevo il cellulare in mano da quindici minuti circa, il numero era quello, il numero era il suo.
      Chiamai.
      Pensavo onestamente... [continua a leggere »]
      Composto martedì 31 ottobre 2017
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Carlo Tracco
        in Racconti (Drammatico)

        Gente che più non ritorna

        Anni '80: Un Fifty gli comperò a Johnny il papà che stava finendo il Liceo di Cicero;
        faceva in quel pezzo di presepio del nord Italia, un freddo che sembrava di
        avere una slitta da tanto ghiaccio che c'era col brivido di cadere alla prima curva.
        Non aveva paura il nostro eroe, mentre ripassava l... [continua a leggere »]
        Composto lunedì 16 ottobre 2017
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Ejay Ivan Lac
          in Racconti (Drammatico)

          Ancora un minuto

          Ancora un minuto, prima di salutare questo mondo, un minuto, per ripensare ai sorrisi più belli, scartando quelli insignificanti e vuoti, ripercorrendo quelle strade infinite, che portavano alle mie mete, altre invece, erano più spensierate, non portavano da nessuna parte, ma non aveva importanza... [continua a leggere »]
          Composto venerdì 13 ottobre 2017
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di