Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Mariella Buscemi
Dovetti addormentarmi e non ritrovarti al mio risveglio. Dovetti scoprire la tua fuga, il tuo tradimento. Furore! Gli occhi rossi di cagna mutilata. Anima bianca, ora bruciata, angelo caduto. Scelgo tinte cupe per il mio abito da sposa. Ripiegata sul mio grembo vuoto piango senza posa. Il trucco... [continua a leggere »]
Mariella Buscemi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Mariella Buscemi
    La notte. Di notte. Profili di mitica luna ispirano il mio latrato sinistro: Cerbero! Tre teste, tre pensieri, tre gole. Fame rabbiosa di vita e riscatto, artiglio che graffia e scuoia chi viene meno al patto. Cerbero! Tre teste ed un cuore e sono distruzione del tempo che mi attraversa, di un... [continua a leggere »]
    Mariella Buscemi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Mariella Buscemi
      Mesdames et messieurs benvenuti al grande ballo del tempo che passa! Ritorno all'ora legale! Tutti padroni del tempo a comandare un'ora avanti. Giriamo, giriamo, giriamo in questa danza vorticosa. Due volte all'anno mi sento davvero padrone indiscusso del mondo, un mago che domina i secondi, il... [continua a leggere »]
      Mariella Buscemi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Mariella Buscemi
        Anche le emozioni più sincere si stancano e bestemmiano e danno di matto e saltano sulla macchina farfugliando ed andando veloce per lasciarsi dietro le lacrime che se le vola via il vento. Anche le emozioni più vere s'intorpidiscono, zoppicano, balbettano, imprecano contro non si sa chi e poi... [continua a leggere »]
        Mariella Buscemi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Mariella Buscemi
          Voglio dedicarti una mia vita. Io ci credo ai passaggi esistenziali che ci tirano verso l'alto, verso il basso, che ci fanno morire e rinascere per rivivere. Tu ci credi a quest'altra possibilità? Io si! Quando penso a questo, sto bene, penso subito alla parola "riscatto" e al sole, quello che... [continua a leggere »]
          Mariella Buscemi
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Mariella Buscemi
            Ventimila leghe sotto ai tuoi occhi. Ho tanto mare attorno a me, ma nessun corso che mi scorra dentro. Mi asciugo e torno a casa mia. Un pianoforte a coda, una sottana sul letto, musica dolce che si propaga lenta e tutto questo sono io. Anche fuori piove! La natura, mesta, apre dialogo con me, e... [continua a leggere »]
            Mariella Buscemi
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Mariella Buscemi
              Cosa bisogna fare per evitare di urlare, ma farsi sentire? Come se un semplice e conciso: "ehi, sono qui, esisto anch'io" non bastasse. È necessario per forza urlare, intromettersi, rubare, assediare, infastidire, ossessionare? Non busso a casa di qualcuno senza invito. Forse sta facendo la... [continua a leggere »]
              Mariella Buscemi
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Mariella Buscemi
                Il semaforo rosso, la pubblicità in tv, la sala d'attesa di uno studio medico, la fila alla cassa del supermercato: ho qualche problema con l'attendere! Mi sono sempre immaginata ad attendere in qualche attico con la paura dello scorrere inesorabile del tempo che mi attanaglia il cuore. Aspetto... [continua a leggere »]
                Mariella Buscemi
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: Mariella Buscemi
                  Ago e memoria, oro e letame. Mi sporgo sul tempo, vedo quel che ero, quel che sono e quel che temo, gramigna che soffoca i fiori, tu: castigo e croce. Ho chiesto perdono quando più dovevo odiarti. Tolgo la polvere del deserto di emozioni, metto la polvere da sparo in un'arma che mi porto dietro... [continua a leggere »]
                  Mariella Buscemi
                  Vota il racconto: Commenta