Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Mariella Buscemi
Ci sono cose che mi stanno sullo sfondo, come figure in bassorilievo, a darmi il senso della dimensione dentro al cuore. Le chiamo: "memoria"; tessere in miniatura che mi ricamano sulle spalle un mosaico d'insolito.
Tra i vortici, fiati aerei in sussulto a segnare ellissi, a vedere il momento... [continua a leggere »]
Mariella Buscemi
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Mariella Buscemi
    Ho cristalli, dentro. Aguzzi. Cocci rotti per ogni buongiorno, respiro, ricordo che abbiano a che fare con te. Vi cammino sopra a piedi scalzi, come scalza sono io d'emozioni, fachiro inconcludente che si cimenta in uno spettacolo circense, ma non riesco ad intrattenere neppure me, figurarsi gli... [continua a leggere »]
    Mariella Buscemi
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Mariella Buscemi

      Bella di notte

      Come me. Di notte. Di giorno, con la mano a far schermo al sole ed agli altri sembra sia una sorta di saluto militare, tanto sono abituati a vedermi combattere e marciare. Ed invece no, non mi piace il sole, ché troppo si vede alla sua luce e mi si squaglia la coscienza con il suo caldo... [continua a leggere »]
      Mariella Buscemi
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Mariella Buscemi

        Cenacolo culturale

        Intanto, al suo cenacolo culturale, Mecenate accoglie ospiti illustri nel suo salotto, per disquisire ed intrattenersi su importanti tematiche. Apre il dibattito l'insigne Italo Calvino.
        - Italo Calvino: "Le generazioni si guardano torve, si parlano solo per non capirsi, per darsi a vicenda la... [continua a leggere »]
        Mariella Buscemi
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Mariella Buscemi

          Cento

          Con questo nasino arricciato, queste piccole grinze piene di carattere, queste piegoline che uniscono setto e sopracciglia, folte queste ultime, delineate e marcate a fare ombra a due pezzi grandi di vetro e, forse, riesce a vedere attraverso questi proprio perché di vetro ed il vetro è... [continua a leggere »]
          Mariella Buscemi
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Mariella Buscemi

            Come un nodo

            Io che non avevo mai, fino ad allora, fatto i conti con "cosa sarebbe stato perdere anche te". Tu che sei stata mamma di mamma. Lei che è mancata a te come la carne agli animali che vengono scuoiati al macello, ma che hai fatto finta di nulla, e non so con quanta dignità dentro a quel metro e... [continua a leggere »]
            Mariella Buscemi
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Mariella Buscemi

              Fra parecchi anni

              Adoro i tramonti di fine estate; un Dio pittore con una tavolozza variopinta rallegra lo squarcio di cielo quasi-serale, serafico, che si staglia al di sopra dei tetti dei miei vicini. Sono rannicchiata qui, sulla mia amata sedia in vimini, a godermi la frescura e lo scroscio ritmico del getto d... [continua a leggere »]
              Mariella Buscemi
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Mariella Buscemi

                Giulio e Lara

                Si sforzò di guardare con più attenzione fuori dalla finestra. Era diventato tutto grigio o i vetri erano troppo sporchi ed appannavano la visuale? E si trovò a riflettere sul fatto che anche i nostri occhi funzionano, più o meno, allo stesso modo; se l'anima è sporca, si proietta fuori il... [continua a leggere »]
                Mariella Buscemi
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: Mariella Buscemi

                  Ha preso tutto da me!

                  Fischietto sempre quando sono impegnato a fare qualcosa. Anche quel pomeriggio, appollaiato su un'improbabile scala a forbice, in tenuta da lavoro, spruzzato da colori di ogni tonalità, tamponavo con una spugna l'azzurro su una parete della stanzetta per dar vita ad un "effetto-nuvola", come l... [continua a leggere »]
                  Mariella Buscemi
                  Vota il racconto: Commenta