Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Salvatore Coppola

*Se ami per amore*

*Se ami per amore*
Quante volte hai amato.
Quante volte hai raccolto un fiore.
Quante volte hai vissuto.
Quante volte hai detto amore.
*Se ami per amore*
Quante volte hai toccato la luna.
Quante volte hai baciato le stelle.
Quante volte hai pregato il sole.
Quante volte hai vissuto i sogni.
*Se ami per amore*
Quante volte le hai sfiorato il viso.
Quante volte le hai stretto la mano.
Quante volte le hai parlato.
Quante volte hai sussurrato il suo nome.
*Se ami per amore*
Svegliati da questo sogno,
falle percorrere la tua strada,
mostrale il sorgere dell'alba.
E quella strada porterà il suo nome!
Composta martedì 29 marzo 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Quando sentirai

    Quando sentirai,
    il respiro sfuggire
    dal tuo petto, vai,
    non ti perdere.
    Quando sentirai,
    gli occhi inumidirsi
    non asciugarli,
    lascia scorrere le lacrime.
    Quando sentirai,
    un nodo stringerti la gola,
    guarda in cielo
    grida la tua sconfitta.
    Quando sentirai,
    il cuore spezzarsi
    e lo spirito morire,
    urla la tua disperazione.
    Quando sentirai,
    il rumore del mare
    segui i suoi movimenti
    scarica la tua rabbia.
    Quando sentirai,
    la mia voce come un'eco
    sperduta fra le onde, chinati!
    Accarezza la sabbia.
    In quel punto io son passato,
    è dopo aver un cuore disegnato,
    mi son perso negli oscuri abissi,
    dimentico che un tempo in terra io vissi.
    Composta domenica 27 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      Come un passero

      Come un passero
      perso nel bosco,
      ti sei chiusa in silenzio
      in un angolo stretto.
      Non riuscivi a capire l'inganno,
      che qualcuno tramava nell'ombra,
      un miserabile uomo malvagio
      ha beffato i tuoi sensi innocenti.
      Come può una persona sommaria
      calpestar la figura di donna
      maledetto quel giorno cresposo,
      che scalfì la dolcezza di un cuore.
      Ora dico a te lurido verme,
      non andare oltre il limite onesto,
      hai distrutto pensieri illibati
      di quel cuore di donna sincero.
      Composta mercoledì 23 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Il mio supplizio

        Fuori dalla mia realtà,
        il mondo chiuda le porte.
        Lontano dai miei ricordi,
        il cielo spenga le stelle.
        Sul piano di una buia strada,
        affondo i miei passi esitanti.
        Al calar della pioggia,
        si confondono le mie idee.
        Fuori da una porta chiusa,
        prono il capo alla disfatta
        di una passione snaturata,
        dispersa oltre il limite della vita.
        Fuori dalla mia verità
        accolgo la speranza infame,
        di un supplizio alla ragione
        è mi arrendo alla morte,
        mia eterna prigione.
        Composta domenica 20 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          La mia aria

          Quante volte
          hai respirato la mia aria.
          Quante volte
          hai goduto del mio sorriso.
          Quante volte
          hai asciugato le mie lacrime.
          Quante volte
          hai sfiorato
          le mie mani con le tue labbra.
          Quante volte
          ti sei rispecchiata
          nelle mie rime.
          Quante volte
          hai seguito la mia ombra
          riflessa sui muri.
          Quante volte
          sei entrata nel mio cuore.
          Quante volte
          nella tua vita
          hai cercato rifugio
          nel mio amore.
          Adesso non fermarti a pensare.
          Prima di darti
          una risposta affrettata,
          leggi attentamente
          dentro il mio cuore,
          fattene una ragione.
          Devi semplicemente convincerti,
          che il sole non potrà mai
          baciare la luna è che,
          le cose della vita spesso,
          non sono come sembrano.
          Composta domenica 20 marzo 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            Un posto dentro il cuore

            Ho tanta voglia di lei
            ho voglia di amarla, gloriarla,
            tenerla su di un fulcro,
            luce di un'anima gentile.
            Ho voglia di sfiorarla
            carezzare i suoi sogni,
            vigilare i suoi pensieri.
            Ho voglia di addormentarmi
            nei suoi occhi scintillanti,
            proteggerla, viverla,
            offrirle la mia vita,
            è con lei viaggiare
            in un mondo di passione,
            vestirmi del suo sorriso.
            È quando il mio amore
            avrà raggiunto l'estremo,
            donerò a lei, la certezza
            di un posto dentro il cuore.
            Composta lunedì 21 marzo 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              21 marzo

              Un timido sole
              si affaccia giocondo
              trascorre il suo tempo
              scaldando e giocando.

              Dorati i suoi raggi,
              son mani fatate
              accarezzano i boschi
              coloran le foglie.

              Un cuore felice
              saltella di gioia
              invita alla pace
              riaccende il suo amore.

              La terra sorride,
              già pronta e feconda
              germoglia frizzante
              da vita alla vita.
              Composta lunedì 21 marzo 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                Lo specchio della verità

                Non credere di essere unico;
                e non dire mai, io sono indispensabile,
                ancor meno puoi pensare alla perfezione,
                lascia chiusa la finestra e rifletti.
                Se pensi all'assolutezza del tuo Io,
                siediti. Annulla la classificazione delle tue idee,
                rilassati. Scomponi la tua presunzione.
                E quando avrai raggiunto la pace dei sensi,
                riapri la finestra. Guardati intorno.
                Chiedi perdono al Mondo e a chi ti è vicino.
                La modestia è lo specchio della verità!
                Composta giovedì 17 marzo 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  L'inganno

                  Illuso tu fosti già primo,
                  che stupido uomo,
                  fuggisti da colli
                  difformi alle valli.
                  Speranza dipinse
                  la vita in contrasto,
                  pensier cupo strinse
                  se pur tutto a posto.
                  Ò mente contorta,
                  si, vile tradisti,
                  frammenti di cuore
                  di uomo infelice.
                  Si perde nell'aere
                  la Brama d'amare,
                  illuso fingesti
                  qual donna ti avvalse.
                  Vivesti nel tempo
                  dei tempi incrinati,
                  tradisti il pur Fido
                  nel buio, l'inganno.
                  Su pagine e righe
                  imprimesti il tuo stile
                  fuggisti la vita
                  macchiata di rime.
                  Or legger nel Tempio
                  suo cuor furba donna,
                  dall'aspro pensier
                  tradì spudorata, quest'uomo.
                  Si dura condanna,
                  vigliacca tu fosti,
                  l'esilio c'attende
                  nei sensi l'blio.
                  Spergiuro il destino,
                  di altero signor tu vissuto
                  disgrazia, sgomento fatale,
                  di un uomo distrutto e tradito.
                  Composta domenica 13 marzo 2011
                  Vota la poesia: Commenta