Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Salvatore Coppola

Piccolo Topolino

Sorridi caro piccolo Topolino.
In quel sorriso smagliante
il pubblico attento applaude
la tua voglia e gioia di vivere.
Eppure nessun si accorge
nessuno capisce
che dietro quel sorriso
tanta tristezza si nasconde,
o forse, infelicità ed amarezza.
Il mondo corre in sala, attende
che alla fine tu compaia
sulla scena del grande schermo,
si stupisce, ride e si diverte.
Ma nel "grande" piccolo cuore,
e nelle tue pupille nere
si celan tristezza e solitudine.
E quando il sipario si chiude,
rifletti ti fermi ad immaginare
un mondo diverso, colorato.
libero da tristezze ed oppressioni.
Ti chiedi; Cosa può un Topolino
dinanzi a così tanta ipocrisia
se non sedersi su una sedia
chinarsi su un tarlato tavolino,
aprire il suo libretto e penna fra le dita
scrivere il suo prossimo copione
una nuova e divertente storia
la parte che lo vede primo attore
la scena che racconta la sua vita.
Composta venerdì 12 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Io sono come tanti

    Perché la gente pensa,
    di me che son speciale.
    Sono forse un sognatore,
    idealista, un pensatore.

    Per ciò la gente pensa
    di me che son speciale
    ha visto le mie lacrime?
    nascoste sofferenze?

    Io sono come tanti
    tranquillo e trasparente.
    Io sono come il cielo
    d'azzurro concepito.

    La mia genialità
    è frutto dell'amore
    ho voglia di trasmettere
    la gioia che ho nel cuore.

    Non sono certo Eroe
    perché sono scrittore
    so solo trasformare
    i miei sogni in Poesie.
    Composta domenica 14 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      Mio piccolo Fiore

      Non cancellare le mie parole
      tienile con te, nel tuo cuore
      fa si che non volino mai via
      e non si dissolvano tristemente nell'aria.
      Non cancellarmi dai tuoi pensieri
      ti serviranno nei momenti di sconforto
      nei momenti in cui ti sentirai sola
      non dimenticare la mia figura
      porta sempre con te il mio ricordo.
      Per mio conto, in quel momento
      avrò la percezione, una forte sensazione
      per un'istante, che qualcuno mi stia pensando.
      chiuderò gli occhi è sorridendo
      navigherò nel mare dei ricordi.
      Mio piccolo fiore. Ancora oggi penso
      a quei momenti con te vissuti
      in assoluta felicità, e al modo intenso
      con cui guardavo i tuoi occhi scintillanti
      di dorata angelica luce solare
      luce che m'infiammava l'anima
      e che al mio palpitante ardente cuore
      infondeva giovinezza e fiero amore.
      Tanto tempo da allora e passato
      mi guardo in giro e penso...
      dove tu possa essere in questo momento,
      perché ho avuto questa sensazione
      come se tu... come se tu mi eri accanto.
      Ecco! D'improvviso tutto svanisce,
      il sorriso, i ricordi, una amara emozione...
      rimane il mio pianto, disperato e affranto,
      al ricordo del tempo e l'amore perduto.
      Composta martedì 2 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Lei... La donna ideale

        Non so se sopravviverò ai miei sogni
        e se riuscirò a realizzare i miei progetti.
        Non so se la mia strada sarà piana
        o se il mio cammino troverà ostacoli.
        È se riuscissi a realizzare i miei sogni,
        quali soddisfazioni avrò avuto dalla vita.
        È se quei progetti non si realizzassero,
        potrei pensare, di esser nato in epoca sbagliata.
        È ancora; Se la strada da percorrere
        fosse tutta in salita, e le mie gambe
        non riuscissero a reggermi lungo il percorso,
        potrei pensare che le forze,
        per superare tutti gli ostacoli,
        mi abbiano decisamente abbandonato.
        E se avessi incontrato la donna ideale,
        capace di darmi tutta la forza e il coraggio
        di cui ho bisogno, in grado di guidarmi
        di seguirmi amorevolmente e con pazienza.
        Sostenermi nelle più ardite delle difficoltà,
        dal canto mio, cosa avrei potuto darle in cambio?
        potrei riuscire ad amarla? riuscirei a farla felice?
        saprei dirle che per me esiste solo Lei?
        farla sentire davvero importante? e che,
        senza di Lei la mia vita non avrebbe avuto alcun senso?
        Ora mi chiedo. Come è possibile
        che mi sia posto tutte queste domande,
        senza riuscire a darmi una plausibile risposta.
        Ecco! Dopo aver spremuto il mio cervello,
        e messo a piano le mie incomprensibili preoccupazioni,
        credo di aver compreso senza ombra di dubbio
        che la forza è il merito per avermi aiutato
        a superare tutti i miei illogici quesiti vada riconosciuto
        a Lei. La donna ideale, la mia donna. A Lei vada
        tutto il mio rispetto e, con il cuore, tutto il mio amore.
        Composta sabato 30 ottobre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          Così mi piace...

          Così mi piace...
          Il mio spirito darà calore
          finché nei tuoi occhi, il sole
          diffonderà la sua luce.
          Così mi piace...
          vedere il tuo sorriso
          la tua leggiadria
          trasmettere al mio cuore
          felicità e immensa gioia.
          Così mi piace...
          attraversare la mia strada
          sentire il tuo respiro
          carico di parole
          e brillante rugiada
          di micro gocce cariche d'amore.
          Così mi piace...
          il luccichio delle stelle
          l'argenteo alone della luna
          la luce dorata del sole.
          Così mi piace...
          Composta mercoledì 27 ottobre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            L'ultimo soffio di vento

            Ho tanta voglia di fermarmi
            bloccare le gambe tremanti
            i piedi sui freddi mattoni
            incrinati dal tempo dei tempi.

            Fuggire da una vita illusoria
            cavalcare i sentieri del cielo
            trovare la pace nell'anima
            scrutare nel vuoto assoluto.

            Lontano da un mondo dannato
            raggiungere l'estasi eterna.
            e qui che io nacqui, deluso
            alla vista di un mondo perverso.

            Adesso io chiedo al buon Dio
            di darmi in eterno la pace
            sperdendo tristezza e dolore
            con l'ultimo soffio di vento.
            Composta lunedì 25 ottobre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              Vento d'Autunno

              Un forte vento d'autunno
              agita le foglie penzolanti
              dai secchi rami dei platani morenti
              appese ancor ad un sottile fil di vita.
              ... Alzo gli occhi e vedo il cielo
              coperto da scure nuvole minacciose
              che implacabili corrono a versare
              lacrime morte sulla fredda terra.
              Trascorre il tempo inclemente
              dentro la mia mente colma di pensieri
              il cuore mio in frantumi
              la triste fine della sua passione.
              Mi manca tanto la tua presenza
              la gioia infinita dei tuoi occhi
              il colore brillante dei tuoi capelli
              quel delicato profumo sulla tua pelle.
              Composta sabato 16 ottobre 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                Un Mondo di Colori

                Corri verso il mare, cavalca le sue onde,
                cogli l'occasione, vivi la passione.
                Il capo volto al cielo, dritto verso il sole,
                accendile la luna, dipingile le stelle
                guardala negli occhi, stringi le sue mani
                leggi nel suo cuore, colmala d'amore
                dille che è importante, che vive nei tuoi sogni
                e lei la tua speranza. Un mondo di colori.
                Composta sabato 16 ottobre 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  Io sono così

                  "Io sono così!"...
                  So essere dolce come gli occhi di un bambino.
                  So amare come nessuno ha mai saputo amare.
                  So essere altruista e generoso.
                  so capire anche i problemi della gente.

                  "Io sono così!"...
                  Non sopporto l'ipocrisia è la cattiveria.
                  Non tollero la prevaricazione.
                  Non ammetto la stupidità e l'ignoranza.
                  Non scendo a compromessi se ho ragione.

                  "Io sono così!"...
                  So di essere me stesso e tale voglio rimanere.
                  Sono dolce amabile è corporato.
                  Sono sensibile, concreto e passionale.
                  Sono arcigno, inflessibile ed anche spietato.

                  Piaccia o no, "Io sono così!"...
                  Composta martedì 12 ottobre 2010
                  Vota la poesia: Commenta