Scritta da: milanoteca

Al mio cuore

Gioia, ti sei chiuso ancora
e mi guardi da dentro
facendo finta di essere grande
che non ti sia fatto male
ma sei grande ugualmente, e sai perché?
Perché hai imparato a ragionare da solo
e a ritirarti senza paura
e in barba a quel "boss"
che dentro la testa
si sente superiore
che in nome tuo crede di "sapere"
abituato com'è a manipolarti
a dirti sempre ciò che è meglio per te
ma tu non l'hai ascoltato
rendendo puro il tuo sentire
il tuo vivere te stesso
e hai fatto bene. È una conquista, sai?
E adesso piangi, gioia mia
piangi forte.
Walter Di Gemma
Composta giovedì 3 settembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: milanoteca

    Sentire

    Sentire come se qualcuno volesse
    che il mio cuore perisse
    e si liberasse da ciò che sente e desidera.
    Sentire come se qualcuno
    volesse la sua fine
    per sollevarsi in tempo
    dal peso di una colpa.
    Sentire un altro cuore
    in forte ritirata,
    mentre sotterra tutto
    lasciandomi la mano
    quasi volesse dirmi:
    perdona il mio pudore
    perciò ora soffri e taci
    accetto il tuo rancore
    e scusami davvero
    per tutti i miei "ti amo",
    i baci, i nostri sguardi
    per aver fatto l'amore.
    E lacerarsi ancora
    strappare via ogni rosa
    da terra, con dolore
    distruggere ogni cosa.
    Walter Di Gemma
    Composta mercoledì 10 maggio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: milanoteca

      Il sesso

      Il sesso è proprio bello
      ma c'è chi si vergogna
      di dire: voglio quello...
      e lo mettono alla gogna...
      sostengono di farlo
      soltanto se c'è amore
      perché a giustificarlo
      non basta mai il pudore
      e l'innamoramento
      fiorisce a suon di baci
      tant'è che i piccioncini
      si mostrano capaci
      ma dopo che l'amore
      si è alfine consumato
      c'è un cuore che tentenna
      e si è presto ritirato
      dicendo: mi dispiace
      non è quel che pensavo
      e insiste: neanche sesso,
      altrimenti non osavo!
      Ma adesso chi ci crede
      in onore alla memoria
      che sia la buona fede
      a salvare questa storia?
      Che c'è di male a dire:
      "io voglio sesso, monta!"
      Invece di inventare
      un amore che non conta?
      Saranno le persone
      così "moralizzate"
      che a dire: "solo sesso"
      si senton giudicate?
      Non vogliono accettare
      per dirla pane al pane
      di essere tacciate
      per facili o puttane?
      Ma il sesso è sempre bello
      e lo è anche senza amore
      perché tirarlo in ballo
      mortificando il cuore?
      Lasciamolo all'amore...
      che nel suo nome esulti!
      ... e noi un po' meno ipocriti
      e speriamo un po' più adulti!
      Walter Di Gemma
      Composta mercoledì 10 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: milanoteca
        È il sorriso che accenno piano
        quando il tuo viso mi giunge lieve
        tra una canzone e un pensiero umano
        che mi fa accorgere del tuo bene
        Non so perché mi succede questo
        nel mio deserto di sensazioni
        lasciate in terra da alcuni cuori
        troppo impegnati a contar stagioni
        Sento il tuo brivido in ogni cenno
        di luce calda come nessuna
        è il cuore lucido col suo senno
        che batte forte a ogni chiar di luna.
        Walter Di Gemma
        Composta martedì 2 agosto 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di