Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: milanoteca

Non serve

È inutile che ti ripresenti in corpi diversi, e che mi conquisti con l'incanto infinito del tuo sguardo. Non serve farmi innamorare della tua voce, dei tuoi sensi, del tuo corpo, della tua giovinezza, sapendo di vedermi crollare, ogni volta al tuo cospetto, come di fronte a un Angelo. Vederti trasformare in fuoco, riducendomi a terra, sconfitto ed esanime, mentre incontro i tuoi occhi, quelli che mi hanno fatto innamorare e che ora mi colpiscono al cuore, lacerandomi corpo e spirito. Non riuscirai a farmi odiare la bellezza, né a simulare amore per instillarmi il male. Non potrai più sottomettermi al tuo apparire, né la tua trappola d'odio m'inghiottirà. La mia sofferenza non potrà più nutrirti. Leva pure le tue vesti di luce, conosco i tuoi aneliti di tenebre. Non hai più scopo, caduto è il tuo disegno... e io ho trovato il sogno, scoperto la purezza, essenza dell'Amore, più in là della bellezza.
Walter Di Gemma
Composta sabato 4 gennaio 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: milanoteca

    Al mio cuore

    Gioia, ti sei chiuso ancora
    e mi guardi da dentro
    facendo finta di essere grande
    che non ti sia fatto male
    ma sei grande ugualmente, e sai perché?
    Perché hai imparato a ragionare da solo
    e a ritirarti senza paura
    e in barba a quel "boss"
    che dentro la testa
    si sente superiore
    che in nome tuo crede di "sapere"
    abituato com'è a manipolarti
    a dirti sempre ciò che è meglio per te
    ma tu non l'hai ascoltato
    rendendo puro il tuo sentire
    il tuo vivere te stesso
    e hai fatto bene. È una conquista, sai?
    E adesso piangi, gioia mia
    piangi forte.
    Walter Di Gemma
    Composta giovedì 3 settembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: milanoteca

      Sentire

      Sentire come se qualcuno volesse
      che il mio cuore perisse
      e si liberasse da ciò che sente e desidera.
      Sentire come se qualcuno
      volesse la sua fine
      per sollevarsi in tempo
      dal peso di una colpa.
      Sentire un altro cuore
      in forte ritirata,
      mentre sotterra tutto
      lasciandomi la mano
      quasi volesse dirmi:
      perdona il mio pudore
      perciò ora soffri e taci
      accetto il tuo rancore
      e scusami davvero
      per tutti i miei "ti amo",
      i baci, i nostri sguardi
      per aver fatto l'amore.
      E lacerarsi ancora
      strappare via ogni rosa
      da terra, con dolore
      distruggere ogni cosa.
      Walter Di Gemma
      Composta mercoledì 10 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: milanoteca

        Il sesso

        Il sesso è proprio bello
        ma c'è chi si vergogna
        di dire: voglio quello...
        e lo mettono alla gogna...
        sostengono di farlo
        soltanto se c'è amore
        perché a giustificarlo
        non basta mai il pudore
        e l'innamoramento
        fiorisce a suon di baci
        tant'è che i piccioncini
        si mostrano capaci
        ma dopo che l'amore
        si è alfine consumato
        c'è un cuore che tentenna
        e si è presto ritirato
        dicendo: mi dispiace
        non è quel che pensavo
        e insiste: neanche sesso,
        altrimenti non osavo!
        Ma adesso chi ci crede
        in onore alla memoria
        che sia la buona fede
        a salvare questa storia?
        Che c'è di male a dire:
        "io voglio sesso, monta!"
        Invece di inventare
        un amore che non conta?
        Saranno le persone
        così "moralizzate"
        che a dire: "solo sesso"
        si senton giudicate?
        Non vogliono accettare
        per dirla pane al pane
        di essere tacciate
        per facili o puttane?
        Ma il sesso è sempre bello
        e lo è anche senza amore
        perché tirarlo in ballo
        mortificando il cuore?
        Lasciamolo all'amore...
        che nel suo nome esulti!
        ... e noi un po' meno ipocriti
        e speriamo un po' più adulti!
        Walter Di Gemma
        Composta mercoledì 10 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: milanoteca
          È il sorriso che accenno piano
          quando il tuo viso mi giunge lieve
          tra una canzone e un pensiero umano
          che mi fa accorgere del tuo bene
          Non so perché mi succede questo
          nel mio deserto di sensazioni
          lasciate in terra da alcuni cuori
          troppo impegnati a contar stagioni
          Sento il tuo brivido in ogni cenno
          di luce calda come nessuna
          è il cuore lucido col suo senno
          che batte forte a ogni chiar di luna.
          Walter Di Gemma
          Composta martedì 2 agosto 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: milanoteca
            Se potessi regalarti il sentimento,
            proprio quello che io vivo e che io sento
            se potessi entrarmi dentro e farti un giro
            capiresti a quale mondo io m'ispiro
            Se potessi conquistarti al primo bacio
            mentre fuggi non sapendo cosa fare
            rincorrendo solo brividi di fuoco
            senza cuore e solo sesso da bruciare
            Se potessi cancellare il mio passato
            e tornare a quel futuro da inventare
            troverei solo il tuo sguardo liberato
            e io libero nel cuore ad aspettare.
            Walter Di Gemma
            Composta lunedì 4 aprile 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: milanoteca

              Lontana

              Lontana dal cuore abitudine vana
              passata a contare le ore dei giorni
              monotoni e vuoti
              di eterni ritorni
              che il tempo non sa come classificare
              Lontana dagli occhi di pianti nascosti
              passati a indorare di polvere il cuore
              scrigno gelato
              di ogni segreto
              che un sentimento non sa riscaldare
              Piccoli tagli
              solo dettagli
              sono le nostre parole sprecate
              senza capire
              volutamente
              che il cuore è tutto
              e la mente... mente.
              Walter Di Gemma
              Composta domenica 16 agosto 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: milanoteca
                Tu non sai quanto sia bello vederti
                sei come ossigeno per il mio cuore
                quando tutto è complicato e incerto
                non posso fare a meno di guardarti
                e di farmi illuminare da ciò che sei
                non c'è altra luce per me ora
                se non quella necessaria
                di incontrare i tuoi occhi
                e di sentirmi a mio agio
                perché tu non sai
                e forse non saprai mai
                quanto sia bello amarti.
                Walter Di Gemma
                Composta giovedì 5 novembre 2015
                Vota la poesia: Commenta