Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Raffaella Frese

Poetessa e scrittrice, nato domenica 27 febbraio 1977 a Basilea (Svizzera)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Raffaella Frese

Lascia che sia

Lascia che sia la notte piena di stelle
l'ebrezza di un cuore malato.
Lascia che il vento accarezzi
le note perenni di un brivido
che non ha saggezza
che non ha domani.
Lascia fiorir la vita
nell'onda capricciosa dell'esistenza.
Lascia che rifletta i suoi nuovi traguardi
lascia che quell'equilibrio precario
induca la ragione a riflettere.
Lascia le cose alle cose,
il tempo al tempo
e l'amore all'amore.
Lascia che sia la speranza a fiorir
nel grigio limbo di questo deserto,
chiamato vita.
Lascia che sia il cuore a seguir la scia
di quelle note che incalzano senza respiro
il silenzio dell'amore.
Raffaella Frese
Composta domenica 5 giugno 2005
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Raffaella Frese

    Quante parole

    Quante parole incise nella memoria del tempo
    Quante nenie che non sanno esitare nel dire
    le emozioni del cuore.
    Quanti pensieri Intrecciano melodie nel canto della vita.
    Sanno che immense nell'ardire dei loro mutamenti, incalzano momenti e tormenti.
    E dovunque e ovunque le conduca il vento
    indelebili incidono la memoria dei ricordi.
    Parole che non sanno esitare nel donare amore
    compongono versi e rime nell'eternità dell'anima.
    Dove il nulla avvolge il tutto
    e silenziosi assonnati sentieri
    conducono
    tra silenti e variopinti arcobaleni
    nel sentiero dell'attesa
    dove tutto tace
    nei respiri del domani.
    Raffaella Frese
    Composta domenica 17 ottobre 2004
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Raffaella Frese

      A te tempo

      A te, tempo che indugi senza esitare
      porgo la mia mano coscché
      riduca il tuo andare
      verso confini sempre più lontani.
      A te, tempo, che hai il sole come amico
      e la notte come confidente,
      affido le mie parole
      sperando che tu un giorno possa
      lasciarle libere nel vento.
      A te, tempo,
      che dipingi quadri con l'orizzonte
      deposito nel tuo atrio
      la tela della mia vita
      cosicché un giorno tu possa
      finalmente colorarla con i colori della felicità.
      Raffaella Frese
      Composta sabato 19 novembre 2005
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Raffaella Frese

        Istante dopo istante

        Instante dopo istante
        senza dare troppa importanza né giudizio
        al nostro vissuto,
        lasciamo scorrere,
        senza lucidità ciò che domani sarà rimpianto.
        Istante dopo istante,
        lasciamo che il destino, il nostro comportamento,
        la nostra superficialità ci allontani
        dai valori davvero importanti per noi.
        Lasciamo che il tempo passi
        senza curarci di ciò che procurerà
        dopo alla nostra vita,
        alla nostra quotidianità.
        Istanti dopo istanti,
        senza curarci né del quando,
        né del come, né del dove...
        scompariamo del tutto, quasi soddisfatti
        nel labirinto delle nostre paure più profonde.
        Raffaella Frese
        Composta lunedì 16 settembre 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Raffaella Frese

          Avrei voluto

          Avrei voluto,
          cancellare la tristezza che
          a volte si accumula nei momenti di sconforto.
          Avrei voluto non deludere la stima che mi porto dentro.
          Avrei voluto sostenere i miei pensieri
          che fiduciosi aspettavano all'imbocco della vita.
          Avrei voluto, si, in qualche modo tenere fede
          alla speranza che porto nel cuore,
          "avrei voluto" si che avrei voluto...
          ma qualche volta, i giorni grigi ricoprono quelli assolati
          e a nulla vale la forza che ho dentro,
          a nulla vale la determinazione per evitare di pensare.
          A nulla vale essere una guerriera
          se poi in fondo all'anima sei una fragile bambina.
          Raffaella Frese
          Composta martedì 2 aprile 2002
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Raffaella Frese

            Poi certi giorni

            Poi certi giorni,
            guardi aventi e non vedi che nebbia.
            Nebbia fitta oltre l'orizzonte.
            Senti nel cuore quella resa
            che schiaccia la tua volontà di rialzarti
            e continuare il viaggio.
            Odi solo il silenzio
            nel frastuono dei tuoi pensieri.
            Con sguardo chino
            stringi i pugni e impaurita dal domani
            t'incammini lungo il viale dell'ignoto.
            Lo sai che anche questi giorni passano,
            e non sono giorni persi
            ma giorni malinconici che
            temprano il carattere riaprendoti alla vita.
            Sai che, anche se,
            ora la meta ti sembra lontana
            combatterai anche questa battaglia.
            Senza mollare.
            E con sorriso malinconico
            Raggrupperai tutte le battaglie
            anche quelle che hai già combattuto
            e capirai che sarai sempre tu ad essere
            l'unica risposta ai tuoi silenzi.
            Raffaella Frese
            Composta giovedì 14 novembre 2002
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Raffaella Frese

              È ciò che siamo dentro.

              È ciò che siamo dentro
              a renderci speciali,
              è l'imperfezione che ci veste
              a renderci autentici.
              Nulla più di quello che abbiamo nel cuore
              Ci rende irripetibili.
              Unicamente insostituibili.
              I nostri difetti, la nostra fragilità
              contraddistingue fra mille anime
              la nostra unicità".
              Raffaella Frese
              Composta mercoledì 18 ottobre 2000
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Raffaella Frese

                Libera

                Volerò alta ed inesorabile.
                Dove nulla giace e nulla definisce
                Il pallore dell'anima mia.
                Calzerò,
                Le ali della solitudine.
                Volerò silenziosa tra gli spartiti della vita.
                Senza nulla, senza volto, senza respiro.
                Adempirò alle scritture del tempo,
                mentre muterò ciò che ho nel cuore
                e nel silenzio dell'amore
                cucirò nell'eternità
                le parole del tempo e del mio cuore.
                Riposerò in
                Un tempo che giunge lieve
                Nel turbine inquieto di un dimenticatoio
                oramai inesistente.
                Raffaella Frese
                Composta lunedì 19 settembre 2005
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Raffaella Frese

                  Attimi

                  Attimi che tolgono il respiro
                  precedono il perdersi nella paura inespressa,
                  di un tumulto risuonante ed represso.
                  "Attimi".
                  Attimi che tolgono
                  e aggiungono il senso del tempo
                  a questo tempo, che senso sembra non averne.
                  Ode alla vita che ha presente
                  la sostanza di nuovi inizi.
                  Ode all'amore che ha come meta
                  l'infinito e oltre.
                  Ode a te tempo,
                  che con passo sicuro ti affretti senza nessuna paura.
                  Ed io,
                  alla rinfusa girovaga mi accingo
                  a sostenere il domani.
                  Ribadendo ogni di la stessa melodia;
                  che la vita non è una rete da potervi impigliare dentro.
                  La vita:
                  è solo un labirinto confuso
                  che con equilibrio e stabilità
                  può condurci alla via d'uscita.
                  Attimi, di mille sfumature.
                  Attimi che alla fine incontrano il loro orizzonte.
                  Raffaella Frese
                  Composta domenica 19 dicembre 2010
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Raffaella Frese

                    Ancora una notte

                    Ancora una notte
                    a scavare nel mio profondo
                    a cercare la risposta
                    che riaccenda la fiammella
                    della ragione d'esistere
                    nella dignità della mia anima.
                    Ancora una notte
                    imprigionata nella tela della delusione
                    sulla vetta ansimante della vita,
                    esumando ricordi perduti
                    in un lontano passato,
                    passato, che ha sconvolto i miei confini.
                    Ancora una notte, a meditare,
                    nel folle senno dell'immensità
                    dove i miei occhi si sono persi
                    nella luce impalpabile di un respiro,
                    nell'attimo fuggente
                    nell'assoluta ricerca dell'essenza d'essere,
                    ciò che non sono
                    vento che soffia vendicatore inesorabile
                    nel sentiero degli affanni
                    tra la leggera e tenue foschia dell'infinito
                    in una terra estranea
                    nella realtà inconscia ed insoluta
                    del mio esistere.
                    Ancora una notte
                    persa nell'ambra del tempo
                    nel ricordo del passato
                    col riposo dal sonno vigile
                    attendendo l'alba, al timido risveglio.
                    Raffaella Frese
                    Composta venerdì 13 giugno 2003
                    Vota la poesia: Commenta