Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maria Rosa Zangari

Nato domenica 31 ottobre 1971 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Rosetta.Z

Filastrocca d'autunno

Zitto zitto fa capolino
con il sole pigro al mattino
che fa l'occhietto da lassù
all'estate che non c'è piu.

È l'autunno che è arrivato
di, rosso e giallo si è vestito
la natura ha già spogliato
per far il suo manto colorato.

Esso è tanto laborioso
ora è lui che comanda
niente più gelato e panna
ma pan di noci e castagna
sembra quasi dispettoso
quando a scuola tutti manda.

Ma non sempre è capriccioso
e di feste è generoso
ad ottobre giorno in festa c'è ne uno,
con halloween il trentuno,
tra paure ed allegrie
con la zucca per le vie
con le maschere a far i furbetti
con dolcetti e scherzetti.
Ma al freddo si prepara
e a novembre mette i guanti
già a la festa di ogni santi.

E per chi vuole ancor brindare
e alla sera canticchiare
con gli amici e nuovo vino
c'è la festa di san martino.

Per qualche tempo ancor gli dona
sulla testa la corona
al suo amico inverno la dovrà lasciare
un po' prima di Natale.
L'autunno è già inoltrato
e tra un po' sarà tutto imbabbuccato.
Maria Rosa Zangari
Composta martedì 10 ottobre 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosetta.Z

    Remare per non cadere

    Alzo lo sguardo nel cielo notturno
    in cerca di stelle o della luna
    ma non brilla più niente lassù...
    anche il sole di giorno,
    si nasconde e si oscura.
    È tutto spento in questo momento
    il firmamento.
    C'è una "piccola barca" che vorrebbe navigare
    ormai da tempo, in cerca di orizzonti migliori.
    Ma il cielo è in tempesta
    Il vento gli soffia contro,
    l'oscurità la sta per sopraffare,
    la nebbia intorno è così fitta
    che sembra quasi la voglia soffocare.
    onde giganti sono pronte a trascinare
    questo veliero giù in fondo al mare.
    Quattro marinai intenti ad ormeggiare,
    remano essi,
    pur non sapendo dove andare
    "Remare per non cadere"
    Perché ahimè sarebbe la fine
    per chi di loro non sa nuotare.
    La tempesta è forte,
    ma sperano che li lasci andare
    e senza arrendersi mai
    continuano a remare
    aspettando "la luce dell'alba" che dovrà
    prima o poi arrivare.
    E questo "mare agitato" si dovrà pur calmare.
    Maria Rosa Zangari
    Composta domenica 2 luglio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosetta.Z

      L'inquietudine

      All'improvviso e con indole molesta,
      a indispettire il mio animo un po' assopito,
      l'inquietudine ad apparir si appresta
      ad alzar del vento in un giorno quieto.

      Crudele mi mostra il mondo di ieri,
      rapisce il mio oggi, con i suoi pensieri.
      La scaccio con forza per non dover guardare le immagini distorte che mi vuole mostrare,
      che già conosco ma non voglio vedere.

      Troppo il peso, che dovrei sostenere,
      se da essa mi facessi raggirare.
      Parla al mio viso senza vergogna
      e soffoca il mio sorriso nella sua gogna.

      Ella mi parla ma è ladra e nemica
      perché ruba il tempo e i colori, della mia vita.
      Insiste nel dirmi che la dovrei ascoltare
      ma se lo facessi, farebbe scempio del mio domani.

      Lungi da me inquietudine infame,
      porta con te l'angoscia, per mai più ritornare
      lascia il tuo posto a liete giornate
      che non hanno rimpianti per le cose ormai andate.

      Di sogni e speranze, mi voglio vestire
      guardar le stelle senza stanchi sospiri
      rivedere il cielo tornar sereno
      e ammirare ancora il suo arcobaleno.

      Sorridere di nuovo al mondo intero
      senza mai più dover lottare,
      felice di non dover più,
      il mio cuore ingannare.
      Maria Rosa Zangari
      Composta lunedì 31 ottobre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosetta.Z

        Ti racconto le mie stagioni

        Osservo il tuo volto, solcato ormai,
        dai segni del tempo,
        e rivivo in te la mia vita che sembra volata via
        come un soffio di vento.
        In ogni tua ruga rivedo le mie passate stagioni cercando in esse, motivate ragioni,
        dell'esser qui, ora, in questo istante,
        con lo stesso pensiero di allora
        di guardare sempre avanti.

        Mi appare breve la mia Primavera, così dolce
        spensierata e serena,
        dove il sole era tiepido e l'aria ancor leggera.
        E bastava un tuo sorriso
        ad asciugare le lacrime sul mio viso.

        Ingenui pensieri regalavo al vento
        A piedi scalzi i miei passi, correvano incontro al tempo
        sui prati fioriti, dai nitidi colori,
        Aspettando l'arrivo della nuova stagione.

        Risento il calore ancora addosso
        della tua mano che mi stringeva piano,
        portandomi sulle vie del tuo percorso,
        non era mai abbastanza stretta,
        in quel mondo senza tempo e senza fretta.

        Ecco! l'alba è ormai passata.
        la primavera se ne è appena andata,
        comincia così una nuova giornata,
        è la mia estate che è già arrivata.
        Ricordo la sua entrata con un cielo terso
        mi appariva così grande, così immenso,
        riuscivo a scorgere al di là del suo azzurro
        tutto quanto l'universo.
        Il sole, non più tiepido, riscalda il mio cuore.
        Sono giorni d'estate, i miei giorni migliori.

        Colorate fantasie che regalavo al vento
        lasciano il posto ai sogni che viaggiano lontano
        non mi accorgo neanche in qual momento
        Tu lasciavi andare piano la mia mano

        Ora i prati non mi appaiono soltanto fioriti
        ma sembrano ai miei occhi perfino dorati,
        ci cammino in mezzo, e penso,
        che siano i più belli che abbia mai incontrati.

        Il sentiero mi porta su un lungo viale,
        al mattino l'aria è fresca, sono ore soavi,
        fiori d'arancio e musica per danzare
        di petali di rose le vie cosparse
        e candidi gigli a guidare i miei passi.
        Forte e possente è la mia ragione
        Sembra non abbia alcun ché di dubbio
        in questa giovane mia stagione,
        che avanza intrepida e senza indugio,
        e non si accorge che ormai da ore,
        lassù in alto c'e il sol leone.

        Non sono neanche a metà del mio cammino
        Nell'inseguire il mio destino.
        In vari luoghi io sono già stata
        a questo punto della giornata,
        lasciando in ognuno di essi un mio pensiero
        di tanta paura ma altresì desiderio.
        ma senza distrarmi mai dal mio sentiero,
        cercavo in loro un buon riparo,
        pagando un sorso d'acqua, un prezzo assai caro.

        Ora Il caldo si fa sentire,
        sembra quasi che io non lo possa sopportare,
        penso ogni tanto che mi vorrei riposare.
        ma vedo te davanti a me, mi guardi,
        e non dici nulla,
        ma i tuoi silenzi per me, sono urla.
        gridono indietro non si può più tornare.

        Ecco! In quel momento capisco ogni cosa!
        Anche tu eri stata una giovane rosa,
        che il caldo torrido più volte ha piegata,
        ma forte e leale, non si è mai spezzata,
        aspettando ogni volta un nuovo mattino,
        che con la sua rugiada ti avrebbe rialzata.

        Ora Tutto traspare, e tutto mi è reale,
        non posso esimermi dal camminare,
        c'è il mio futuro
        che mi sta ad osservare.
        Noo! Non mi posso fermare.

        Riprendo il Cammino! Le ore non sono tutte uguali!
        Al caldo afoso si alternano, brezze di vento profumato
        che asciugano subito il mio viso, tanto sudato.

        Lungo la via, mi guardo a sinistra e a destra
        vivo ore diverse, qualcuna più triste e qualcun'altra di festa.
        Percorro il viale e guardo l'orizzonte,
        Il sole è ancora alto ma non tarderà a tramontare,
        tante sono le cose che vorrei fare
        prima che la mia giornata finisca,
        allungo il passo, ti lascio un po' in dietro,
        ancora un po', poi ti perdo di vista.

        Ad un tratto di strada è cambiata già l'aria,
        cambiano i colori lungo il viale,
        ora il mio passo comincia a rallentare
        sono già a metà dell'anno,
        il caldo mi ha reso stanca, è ho un po' di affanno.

        Mi guardo intorno, tra gli alberi che si cominciano a spogliare,
        sono all'imbrunir del giorno,
        e mi accorgo che l'autunno sta per arrivare.

        Or non posso dir di esso di com'è che è andato
        perché non ne conosco ancor di lui il fato,
        ma voglio immaginare, i suoi prati, in morbido velluto,
        dove il mio passo possa scivolar leggero,
        in questa stagione che non ho ancor vissuto.

        Vorrei poter di esso gustarne i suoi sapori,
        e respirare a fondo i suoi soavi odori.
        poter goder del fascino dei suoi incantati colori.
        ammirar la sua natura che si prepara a mutare.

        Vorrei che lui mi mostrasse
        ogni sogno realizzato, di chi sul lungo viale,
        dal mio seno è nato.
        Che mi facesse cogliere ciò che di buono è stato seminato.
        Dividerlo con chi sul mio cammino, c'è sempre stato.
        .
        Magnifico sarebbe poter conoscere,
        chi porterà nel ventre, per poterlo amare,
        sentir le liete melodie,
        di nuova vita, che sta per cominciare.
        e ancora vorrei tornare ad ascoltare,
        la voce dell'eco, della mia gente,
        che ritorna fiera, dalla montagna al mare.

        Ecco! Questo è tutto ciò che io ho immaginato,
        del mio autunno che è appena iniziato,
        così che alla fine di esso, io possa andare,
        con le più belle meraviglie da raccontare.
        Arrivare poi a sera del mio giorno,
        con il calore dei bei ricordi,
        che mi faranno da coperta e mi sapranno scaldare.
        per non sentir così il freddo del mio inverno
        Che tacito e silenzioso mi verrà a trovare.

        Da lui con un sorriso io mi farò abbracciare,
        per lasciarmi serenamente accompagnare,
        fino alla fine del mio lungo viale.
        Dove ritroverò te, Mamma, ancora lì ad aspettare,
        Con il cuor leggero, fiera di me,
        per aver vissuto la mia vita percorrendo il mio sentiero,
        guardando sempre avanti senza mai lasciarmi andare.
        Così ché le mie stagioni, ti possa finire di raccontare.
        Maria Rosa Zangari
        Composta lunedì 8 febbraio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rosetta.Z

          Perché tu mi possa sentire

          "... quando costretta con un sorriso,
          a guardare il suo viso,
          per non fargli capire
          quanto le sue spine mi fanno soffrire..."

          Me ne sto in silenzio
          perché tu mi possa sentire,
          e saprai ascoltare,
          anche quello che non so dire,
          e senza che io debba parlare.

          Vile può sembrare il mio dolore
          che si nasconde per non mostrarsi fuori,
          dietro coriandoli di colori.
          Ma ha più importanza ora la sua allegria
          che la mia tacita vigliaccheria.

          Gli occhi innalzati al cielo
          mostrano ciò che è il vero
          raccogli le mie lacrime e toglimi questo velo,
          che copre sul mio viso
          la paura di perderla all'improvviso.
          Tramuta il mio dolore
          in giorni ancora insieme al suo amore
          e guarisci cosi il mio triste cuore.
          Maria Rosa Zangari
          Composta venerdì 22 gennaio 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Rosetta.Z

            L'albero

            C'era una volta un albero, pieno di tanti frutti,
            erano così buoni, che facevano gola a tutti.
            Tanti gli uccelli, che posarono su di lui per mangiarli,
            contento l'albero di saziarli.

            Ma un giorno, un vento improvviso, su di lui soffiò
            e via con sé, tutti i frutti dell'albero, si portò.
            Da allora l'albero non ebbe più niente, agli uccelli da dare.
            Così essi, volarono via, senza nulla dire,
            per posarsi su nuovi rami, a cantar le pene,
            dell'albero ormai spoglio del suo bene.

            Lunghi inverni, sul grande albero son già passati,
            e mai più quegli uccelli, da lui son tornati.
            Nel suo sconforto, lo hanno lasciato solo,
            e del loro canto, non gli fecero più dono.
            L'albero da quegli uccelli è stato ormai abbandonato,
            pensavano, che mai più frutti, esso avrebbe dato.

            Ma un giorno il sole filtrò tra i suoi rami,
            e vide che accanto a lui, crescevano dei fiori.
            Si abbassò ancora un po' per meglio vedere,
            e si accorse, che i fiori davano all'albero da bere.

            Aspettò ancora un po' nel farsi vedere
            per poter bene quei fiori osservare, e meglio capire,
            ma non tardò che il sole,
            la sua meraviglia, non nascose dal dire,
            parlate o fiori ditemi che fate,
            perché, sotto quest'albero arido, voi ancora sbocciate?
            E il grande freddo, non vi ha toccati?

            Dal gelido prato una voce, rispose:
            caro mio sole, or tu fai presto a parlare
            giacché è tanto tempo, che non passi di qui a salutare
            del lungo inverno, ne portiamo anche noi i dolori.
            E abbiamo tanto sofferto, ma senza, fare rumore.

            Il forte freddo, la nostra bocca ha dovuto tacere.
            Per non dare a quest'albero, ancor più, dispiacere.
            Egli non è sempre stato, come adesso appare.
            Grande e maestoso, era il suo fusto,
            ed è sempre stato, un albero giusto.

            E noi grande sole sempre qui, siamo stati.
            Da che l'abbiamo conosciuto quest'albero,
            non ce ne siamo mai andati.

            Con le sue foglie lui ci ha vestito
            e con i sui semi lui ci ha nutrito.
            E i suoi rami, un tempo forti, ci hanno abbracciato.
            Dalla pioggia e dal vento, ci han riparato.

            Radioso sole tu ora sai
            perché accanto a quest'albero, noi vogliamo stare.
            L'amor, che abbiam per lui è tale,
            che mai potremmo lasciarlo andare.

            Perciò mio sole non esser stupito
            se al grande gelo, non abbiam desistito
            e col sorriso, il suo tronco abbiamo abbellito.

            Or tocca a noi le sue pene curare,
            perché lui possa tornare a sperare.
            Per tutti gli inverni noi ti abbiam cercato

            or che finalmente tu da qui sei passato
            tu non fermarti, il suo aspetto, a guardare.
            La sua corteccia tu ora vedi seccare
            ma se appoggiassi il tuo orecchio, ad ascoltare,
            sentiresti che dentro il suo tronco, inaridito
            ancor gli batte un cuore ambito.

            Se i tuoi raggi lo verrebbero nuovamente a scaldare.
            Vedresti anche tu, quanto ancora quest'albero.
            È capace di dare.

            Allora il sole a sentir quelle parole, tanto si commosse,
            e avvicinandosi all'albero così a lui si rivolse.
            Oh! Vecchio mio!
            Tu sei un albero fortunato!
            Or, che ho sentito di questi fiori le loro ragioni,
            io a te darò un'altra occasione.

            Allora il sole illuminò i suoi rami
            e lo cominciò di nuovo a scaldare,
            e come d'incanto ricominciò a germogliare,
            e il prato intorno a lui riprese a fiorire
            abbagliando gli uccelli che da lontano lo stavan a guardare.
            Dei più bei frutti l'ha rivestito
            ripagandolo del gelido freddo a
            cui ha resistito.

            Or degli uccelli l'albero ne aspettava il ritorno.
            Per mostrar loro il suo nuovo risveglio.
            E cantar lui ora, con tanto orgoglio,
            non ero morto ero solo appassito,
            perché nel mio animo ero stato ferito.

            Il grande albero dal sole è stato graziato.
            Per tutto il calore, che i suoi rami,
            nel tempo hanno dato.

            L'albero di tutto ciò
            ne rimase sbalordito, ma ancora un po' turbato,
            chiese al sole, dov'era stato
            in quel lungo inverno, in cui esso sembrava perduto
            sperando ogni giorno che i suoi raggi venissero in suo aiuto.

            Ma il sole rispose
            tu sai che della terra io ne sono il capo
            e faticoso è il mio da fare
            tante sono le creature che devo scaldare
            da un luogo all'altro mi devo spostare
            il tempo che mi addormento
            mi devo presto svegliare
            però caro amico
            sempre lassù, io sono stato
            mi ero, solo un attimo assopito.

            Ma non ero del tutto assonnato
            e tutto il tuo dolore ho sentito
            e tutta l'angoscia dei fiori ho ascoltato.
            Loro la tua sventura mi han poi raccontato.
            Ma da lassù su di te, ho sempre vigilato.
            I miei raggi ti hanno sempre continuato a scaldare
            ma eri così in balia del tuo triste fato
            che il mio calore non potevi sentire.

            Avevi troppo freddo, per poter capire.
            Che mentre la furia della tempesta su di te si abbatteva,
            il mio arcobaleno al tuo fianco nasceva.

            A venire da te, ho un po' tardato, ma non ti ho mai abbandonato.
            A me, quel tempo ormai passato, mi è bastato.
            Per saper di te chi sei, e chi eri stato.

            Ma soprattutto a te stesso, è molto servito
            per capire veramente chi ti era amico.
            Tu hai conosciuto il cuor, che con te era sincero.
            Chi diceva di amarti, e chi invece ti ha amato davvero.
            Come vedi ora io son tornato
            e tutto il bosco saprà che sei rinato
            perché ora so, che grande albero sei stato.
            E che del sole non si debba mai dire:
            che una amicizia abbia mai potuto tradire.

            Or dei tuoi frutti ne terrai cura
            per non sfidare di nuovo la natura,
            lascerai andare, solo quelli, che io sole farò cadere,
            per nutrire la terra, che sta sotto i tuoi piedi

            or dimmi albero ancora una cosa
            chi eran quei fiori che per te mi han cercato
            e che ti hanno, così ben curato
            quando tu eri tanto ammalato?
            E di chi eran, le voci, che con me han parlato, in mezzo a quel prato?

            L'albero, ancor da quel risveglio, un po' intontito
            al sole rispose
            mio caro amico, mi meraviglia che tu già, non l'abbia capito.
            La voce del fiore, che tu hai sentito,
            è di una rosa!
            Ed essa, mio sole è la mia sposa.
            E i fiori che accanto a me, così alti e belli!
            Curavan le mie ferite
            eran due gigli,
            e essi sono i nostri figli.

            Allora il sole, fece un sorriso compiaciuto,
            e disse all'albero, io, l'ho sempre saputo!
            Volevo ancora, per un momento
            vedere se tu, ne eri stato attento.

            Abbine cura di questi tuoi fiori
            affinché nel tempo, mai a causa tua essi debban appassire
            nuovi semi da loro nasceranno.
            Che il tuo tronco per sempre abbelliranno
            e altri uccelli su di te poseranno
            che col loro canto i tuoi giorni allieteranno.

            E della tua rosa
            io di lei ne conosco il nome
            non c'è fiore, che si possa dire,
            più degno di stile
            di come con grazia, ed eleganza, sa portare le sue spine.

            Amico albero anche di te io ne so il nome
            tra gli alberi di pino tu ne porti gli onori
            indossi i tuoi aghi da gran signore.
            Anche quand'essi ti danno dolore.

            Nessun rimpianto avrai, per gli uccelli andati
            essi con te, sono stati ingrati
            ma anche per loro madre natura
            avrà in serbo la loro avventura.

            Da quel giorno che l'albero e il sole si son chiariti
            per sempre son rimasti dei grandi amici.

            Quel sole era Dio
            e quell'albero sono io.
            Maria Rosa Zangari
            Composta mercoledì 12 agosto 2015
            Vota la poesia: Commenta