Poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

La nebbia

Stamani l'aria era gelida,
poi è calata la nebbia,
e io mi ritrovai spaventata
in una bolla grigia,
parevo sola, e meditai
chi urterò che come me pensava la stessa cosa?
Chi sa, quanti eravamo là,
invisibili,
preoccupati l'uno dell'altro,
di non farci male,
che mai lo facciamo alla luce del sole.
Klara Erzsebet Bujtor
Composta lunedì 2 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta

    Vagano i miei pensieri

    Vagano i miei pensieri nella profonda noia,
    i piedi battono il ritmo del cuore
    e gli occhi vedono la quiete,
    che assomiglia ad una fitta, fitta nebbia,
    che copre ogni male del mondo.
    Ed io fuori dalle mura,
    scavalcando la noia,
    m'avvio a cercare nel mio interiore
    un'anima perduta.
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composta domenica 25 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta

      Innamorati

      Nella primavera nel pieno del suo splendore
      volteggiare nell'aria rosa tra un fiore ad altro come le farfalle,
      e sorseggiando luce così azzurra e pura,
      di vestirsi come le nuvole si vestono il cielo,
      e lavare il viso con la rugiada,
      è bello come il sole,
      con le fragole fra le labbra,
      è il dolce succo della vita
      profumato come un sogno.

      E gli angelici petali,
      che tremano nella notte,
      nel dolce lume della luna
      d'amor sospirando,
      sono gli innamorati
      della nuova primavera.
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composta venerdì 23 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta

        Vorrei costruire una strada diritta al mare

        Vorrei costruire una strada diritta al mare,
        che attraversa irti monti e estese praterie,
        e torrenti agitati e laghi tranquilli
        sorretti dall'acqua dolce caduta dal cielo,
        unendo con l'acqua salata del mare,
        insieme a me con tristi ricordi nel cuore,
        dalle ore passate rumorose,
        d'ogni giorno della settimana,
        e di mesi d'ogni stagione della mia vita,
        e finalmente tacerà lo strepitio delle mie ore
        per non far rumore nel silenzio
        del profondo azzurro di mare,
        che si fonde con il cielo
        e con tutte le stelle.
        Klara Erzsebet Bujtor
        Composta venerdì 23 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di