Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Dario Pautasso

Nato lunedì 19 settembre 1983 a Moncalieri
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Dario Pautasso

Sei Donna

Già m'avvolgevi,
ch'ancora sconoscevo i colori
e tutto il mondo,
con allegro vibrar materno,
ed ora che ogni cosa pur scopro e sondo,
sei il mio vital perno,
ancor...

Ma non solo la mamma
che allor fu il fuoco
e la gemma.
Sei l'amante e l'amica,
la sorella di gioco
o d'amor compagna
e di vita: sei la donna.

Antica d'orgoglio
e di cuor, la tua mente
eppur non cede all'inganno
dei sensi più vivi,
e se soffri più forte
più forte riparti,
ché l'aspre salite
annuncian più dolci declivi...

Più presto il tuo viso
s'è spoglio
dell'infantil leggerezza,
più lesta dell'uomo, di corpo
sbocciavi,
e di testa;
eppur ora, col volto sporto
alla novella brezza
marzolina,
ancor nutri negli occhi
di bambina
lo sguardo e la fiamma
d'immortal giovinezza:
sei donna.
Dario Pautasso
Composta venerdì 8 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dario Pautasso

    Temporale estivo

    Da lontano s'insinua
    con piede veloce;
    soltanto più giace, sull'orizzonte,
    ancor
    un abbaglio di luce,

    un tumulto!
    poi delle foglie
    un frusciare,
    un fremer di fronde.
    Dall'alto risponde
    una coltre di scuri colori:
    si scuote la sera.

    Con piede veloce s'insinua:
    in un attimo non c'era,
    poi c'è,
    ansimando forte,
    poi subito quieto,
    fremendo piano
    riparte.
    Sfrega le corde del cielo
    il rigido vento
    con suono di tetro
    lamento.

    S'è spento l'ultimo baglior.

    Una goccia improvvisa
    ne annuncia altre cento:
    s'annacquan i campi
    e le vie
    tra i lampi
    s'incendian fugaci:
    verdi rovi di luce rovente;
    qui uno schianto
    violento,
    là un tonfo più fioco
    altrove spaventa.

    Il pianto si sfoga
    s'accende
    cade
    riprende...

    Poi già è un bruire
    più lieve,
    l'aria greve s'assesta
    si placa la sferza,
    la forza
    del cielo s'appiana.

    La pioggia è lontana:
    schiarisce il penisero,
    ma tutt'attono, più sordo,
    un fremer leggero
    al di là della piana
    n'è il fiero
    ricordo.
    Dario Pautasso
    Composta venerdì 15 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dario Pautasso
      Ogni tanto sorge il sole
      E mi trova ancora sgomento
      S'insinua nelle palpebre
      Mi abbaglia mentre è ancora notte
      Dentro.

      Sarà un sole pallido
      Ma c'è,
      Ed è come scivolare nella meraviglia
      Come portare in seno dei fiori
      Freschi
      Di campo
      Da donare a chi vuoi bene.

      Ogni tanto sorge il sole
      Quando è ancora notte
      Ed io piango di commozione
      Nel vapore di quei fiori
      Odorosi
      Di campo.

      Ecco: la notte celere
      Fa ritorno
      Ricompare quando il sole è ancora alto
      Giunge senza parola
      Meschina
      Fredda
      Ammaliatrice.

      Fa ritorno mentre il sole mi fissa
      Mi avverte "adesso fermati"
      Mi osserva, la notte,
      Severa e forte
      Ed io mi fermo
      Col sole dritto in faccia.
      Taccio.
      Dario Pautasso
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dario Pautasso

        Sei una poesia che ho già scritto

        Se fosse la prima volta
        avrei dolci parole
        per narrarti sogni a lieto fine,
        porterei tra le mani una margherita
        fresca di campo
        ed avrei occhi di meraviglia
        nei tuoi occhi.

        Se fosse la prima volta
        avrei mani calde
        per stringerti
        e un fiato dolce di campagna
        per congratularmi del tuo sorriso
        così giovane,
        così vero.

        Ma sei una poesia che ho già scritto
        quando ero troppo giovane
        e troppo arrogante per guardare
        oltre il mio sguardo;
        sei una poesia che ho già scritto
        con mani impastate dei colori
        dell'inesperienza.
        con grazia dinoccolata d'immaturo,
        con voce fredda d'incuranza.

        Se fosse la prima volta,
        ma sei una poesia che ho già scritto
        nel momento sbagliato
        quando le parole scorrevano
        frettolose ed imprecise
        come un canto stonato
        nella notte.

        sei una poesia che ho già scritto
        e ora, guardami,
        le mie labbra sono mute
        come terre
        desolate.
        Dario Pautasso
        Composta lunedì 20 gennaio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Dario Pautasso

          La canzone del ritorno

          Certe sere raggiungiamo la casa
          Come da lunghi viaggi
          Mai intrapresi.
          Ci pare estranea la collocazione degli oggetti.
          Alcuni mai li abbiamo conosciuti.
          Rincorriamo ritagli di luce sulle pareti
          O la solida tangibilità delle cose note.
          Invano.

          Il gatto che ci cerca
          Nel suo brontolio di tenerezza
          Ha sfumature che non ricordiamo.
          Una nostalgia di parole immaginate
          Satura lo spazio
          Come una saudade antica
          Una miope nostalgia.

          Ora la luna riaccende uno sguardo
          Mai scambiato con alcuno
          Ora le stelle disegnano spazi
          Di tempi mai esistiti
          Ora la memoria ringiovanisce
          Passioni congelate in ere differenti.

          Così viviamo due vite
          Mano nella mano con noi stessi
          I pensieri altrove
          Lontani
          Scompigliati da uno stesso vento.
          Dario Pautasso
          Composta giovedì 21 aprile 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Dario Pautasso

            Daccapo

            Occhi d'un cielo d'inverno,
            iridi smeraldine, ghirlande lucenti:
            m'avvolgono.
            Accasciarmi e risalire
            al loro scintillio
            è un po' la mia vita.
            Così mi geli
            infinito ghiacciaio di pace.
            Così m'accendi
            sole verde, basso,
            sole d'alba.

            Labbra vermiglie, labbra di carne viva
            attendono silenziose, vibranti
            come un taglio di luna rossa.
            Aspettano labbra più sciatte
            ma più coraggiose nel venirgli appresso.
            Le accolgono.
            Labbra di lampone, ruvide
            vellutate,
            scelte da mano d'artista.
            Labbra nere di cera intiepidita.
            Labbra che odorano di vento
            e di ciliegia scura.
            Le cerco tra le trame del viso.
            Le prendo. Le assumo.
            Medicina dell'animo, veleno
            del mio cuore
            frettoloso.

            Alle volte ti cerco tutta intera
            e la tua espressione volubile,
            mutevole di volta in volta,
            mi rende cieco.
            Sono qui – mi dici.
            Eppur dev'essere un altro amore
            che sto avvicinando.
            Una forma nuova,
            un pensiero del tutto diverso.

            È bellezza – mi dice qualcuno
            - vive di metamorfosi.
            Va bene, di nuovo m'accascio
            e risalgo.
            Come daccapo.
            E tu sei la stessa.
            Dario Pautasso
            Composta giovedì 29 gennaio 2015
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Dario Pautasso

              Sono un uomo

              Io sono la luce che ti spoglia,
              il fiato freddo del cielo,
              sono l'albero che muore
              nella foresta.
              Sono il canto della pioggia
              e lo scuro scorrere del tempo.
              Sono un passo traballante
              nel buio di una notte immensa
              poco prima di un nuovo giorno.
              Sono Dio che rimira oltre la collina
              sono la freccia scagliata nel vuoto,
              il turbinio delle vostre parole,
              il gioco matto di un bambino
              nel sorriso della madre.

              Sono la cera che fa illuminare
              il cammino oltre un orizzonte
              che non porta a nulla.
              Sono la mano calda del padre
              nel ricordo di mille placidi errori.
              Sono l'abisso oltre le nuvole,
              il sasso del sentiero
              e l'immota grandezza del cielo.

              Sono un uomo.
              Dario Pautasso
              Composta martedì 19 marzo 2013
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Dario Pautasso

                La mia tristezza

                Prova a chiedere ad un bambino
                cosa non vada,
                perché stia piangendo:
                allargherà le braccia,
                scuoterà la testa,
                piangerà, dirà: "non lo so",
                "ho paura".

                È la tristezza.

                Io talvolta mi aggiro
                muto come una tomba,
                le gambi tremanti.
                "Cosa c'è che non va?".
                "Sono un bambino", vorrei dire.
                Ma allargo le braccia,
                e sussurro "ho paura".

                È la mia tristezza.
                Dario Pautasso
                Composta giovedì 16 luglio 2015
                Vota la poesia: Commenta