Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Io ti amo

Così invano mastico il tempo
privo di sapore
con la bocca asciutta
arsa come deserto
terra senza pioggia
labbra senza baci!
Oh vorrei
incatenarmi a te
portare i tuoi pesi
i tuoi dolori
le tue ansie!
Sono anche mie,
sono tutte nell'anima
sono fluido vivo
brividi che percorrono il corpo
nei miei tessuti
i tuoi vissuti
nelle mie vene
il tuo sangue
linfa del mio corpo
sei!
Finché sarai lì
in quel posto non tuo
non mio,
io vivrò a metà
diviso dalla distanza
accarezzato dalla speranza!
Io ti amo.
Claudio Visconti De Padua
Composta venerdì 22 agosto 2014
Vota la poesia: Commenta

    adagio lo sguardo per vederti

    Osservo quella sottile linea
    c'è l'infinito,
    come immense sono le acque
    del mare fatte di onde
    che vezzeggian la riva.
    Adagio lo sguardo
    sul tuo corpo e la brezza
    del crepuscolo soffia il tuo
    profumo;
    mi inebrio immobile,
    t'ammiro mentre sollevi
    le tue gambe come dolce gazzella,
    la tua pelle fatta di luna
    l'amarti è più profondo del mare
    bramo accarezzarti
    ripetutamente
    come le acque sugli statici scogli!
    Nel dolce crepuscolo
    tiepidi raggi di sole
    a velare l'infinito
    come infinito il nostro amore!
    Claudio Visconti De Padua
    Composta mercoledì 11 giugno 2014
    Vota la poesia: Commenta

      Così vorrei, cosi farei, così sarei

      Come edera
      che si avvolge
      su ogni lato
      di un ciliegio
      così vorrei
      stringerti
      al corpo
      e nutrirmi
      dei tuoi frutti.
      Le mani
      piccole api
      sui fiori
      dei tuoi occhi
      a nutrirmi
      del tuo nettare.
      Dei tuoi profumi
      di fiori selvaggi
      m'inebrirei
      e gelosamente
      come ombra fitta
      di un sottobosco
      impedirei
      a chiunque di scoprirti!
      Come brezza
      nella sera
      verrei a soffiarti
      l'anima
      dal caldo della noia!
      Sarei rugiada
      a dissetare
      le tue labbra,
      sarei le cose che fanno vivere
      e vivrei per le cose
      che ti danno amore!
      Claudio Visconti De Padua
      Composta mercoledì 21 maggio 2014
      Vota la poesia: Commenta

        Tu nettare della vita

        I pensieri per te sono come api
        che aleggiano sul mio cuore,
        gelosi del miele
        dell'anima tua
        infinita dolcezza.
        Sulle labbra
        ancora il sapore
        del tuo bacio
        è nettare
        alla mia vita
        fonte di ogni grazia,
        il tuo corpo
        un favo imbevuto
        di pappa reale
        stille portentose di passione
        il tuo silenzio
        il tuo distacco
        punciglione
        del dolore!
        Claudio Visconti De Padua
        Composta domenica 18 maggio 2014
        Vota la poesia: Commenta

          Tu porti via parte di me

          Polvere soffiato dal vento
          è il tempo che scorre
          quando sei lontana!
          Invano addomestico
          i sensi,
          indocili e ribelli
          sfuggono
          a te!
          Il cuore palpita
          e il petto
          scuote
          per il fibrillare dell'anima!
          Tu porti via
          parte di me,
          in tua assenza
          io vivo a metà!
          Se solo potessi
          strappare il mio cuore ferito
          portelo nel tuo petto
          capiresti quanto
          amore e quanto strazio
          quanta gioia e disperazione
          tu misceli il tutto
          in questo corpo assuefatto!
          Volgi il passo
          corri e vivi
          tu che vita sei per me!
          Luce all'ombra
          caldo al freddo
          gioia al pianto
          tu divina metamorfosi
          del mio umore,
          irradia e accendi
          questo amore!
          Claudio Visconti De Padua
          Composta sabato 17 maggio 2014
          Vota la poesia: Commenta

            Tra veglia e sonno

            Tra veglia e sonno
            nell'oscura ombra
            la mia triste calma
            scossa dai tuoi sospiri
            vento dei tuoi profumi,
            dimmi: anima della mia anima,
            sei tu che mi svegli
            e mi parli d'amore?
            Al mio tenero tocco
            ti svegli e al guardarti
            i tuoi lucidi occhi
            rispecchiano
            come onde di mare,
            i cui raggi di sole
            si perdono nelle sue acque!
            Parli con voce tenue
            sibili il mio nome
            e richiudi le palpebre
            con palmo di mani
            sfioro le tue gote,
            accarezzo le tue labbra
            con la mia bocca!
            Dormi amore dormi!
            Oso vederti, vegliarti
            mentre tu dormi.
            Claudio Visconti De Padua
            Composta domenica 11 maggio 2014
            Vota la poesia: Commenta

              La tua foto un placebo in mezzo al petto

              Invano attenuo il dolore del tuo distacco,
              placebo la tua foto in mezzo al petto
              umida del sudore del silenzio
              sgualcita dalle dita,
              sul mio cuore una ferita!
              M'invento cento cose
              per distrarmi
              inutile mi riaffiori
              prepotente!
              Se smetto di pensarti
              sono un folle
              in mente tu ci viene
              dolcemente!
              Allora invoco il tuo
              nome nella mente
              odo un eco
              rimbombare
              follemente
              il mio cuore
              lo hai legato
              lo hai stregato!
              Sono qui che t'aspetto
              nella notte
              fosse anche un sogno
              io lo aspetto
              nel mio letto!
              Claudio Visconti De Padua
              Composta domenica 4 maggio 2014
              Vota la poesia: Commenta

                Tediose sere

                Son tediose le sere
                quando sei via.
                C'è in me una grigia nebbia
                oscura la mia vita
                benché le stelle faccian luce.
                Il tempo sembra trattenersi
                in odiosi rituali
                scocca l'ora lentamente
                come un giorno, un mese un anno.
                Son qui seduto e penso
                la distanza
                un crudel silenzio!
                L'anima sembra imbottigliata
                annaspa il tuo
                profumo spento!
                Stretto al petto
                il tuo rossetto
                le tue labbra su di esso
                le assaporo ingenuamente
                per l'inedia del tuo corpo!
                Claudio Visconti De Padua
                Composta domenica 27 aprile 2014
                Vota la poesia: Commenta

                  Sei il dolce ticchettio

                  Non sono vuote
                  le ore
                  gli attimi!

                  Dall'alba
                  al tramonto
                  senza intervalli
                  scandisci il mio tempo!

                  Sei il dolce ticchettio
                  di un pendolo
                  risuoni in me perpetua
                  nella distanza
                  con la tua essenza!

                  Tocchi il mio triste cuore
                  chissà forse la tua anima
                  che io adoro,
                  portentosa come un angelo
                  da vigore al mio corpo!

                  Nò non sono vuote
                  le ore, o gli attimi;
                  la tua assenza
                  come il vento invisibile
                  bussa alle porte del
                  mio cuore,
                  da lontano
                  l'amore non ha barriere,
                  non teme il tempo!
                  Claudio Visconti De Padua
                  Composta lunedì 21 aprile 2014
                  Vota la poesia: Commenta