Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Ogni giorno ognuno di noi infila un vestito

Ogni giorno ognuno di noi infila un vestito.
Mai lo stesso
c'è chi infila l'abito della felicità
c'è chi infila l'abito del rancore
c'è chi infila l'abito dell'amore
c'è chi infila l'abito dell'orrore
c'è chi infila l'abito del sorriso
c'è chi infila l'abito del dolore
c'è chi infila l'abito della falsità
c'è chi infila l'abito della bontà
c'è chi infila l'abito del raggiro
c'è chi infila l'abito del pianto
c'è chi infila l'abito del truffatore
c'è chi infila l'abito della tolleranza
c'è chi infila l'abito della guerra
c'è chi infila l'abito della pace
c'è chi infila l'abito dell'odio
c'è chi infila l'abito del perdono
c'è chi infila l'abito dell'avarizia
c'è chi infila l'abito della giustizia
c'è chi infila l'abito del terrorista
c'è chi infila l'abito della conquista
c'è chi infila l'abito dell'offesa
c'è chi infila l'abito dell'intesa
c'è chi infila l'abito della pazienza
c'è chi infila l'abito dell'ignoranza
c'è chi infila l'abito della vita
c'è chi infila l'abito della pace
c'è chi infila l'abito dell'assasino
c'è chi infila l'abito del sognatore
c'è chi infila l'abito del lottatore
c'è chi infila l'abito della rassegnazione.
C'è chi infila l'abito dell'illusione

tra il bene e il male la nostra anima ha un gran da fare.
Scegliere l'abito più bello, tra il bene e il male.
L'abito preferito!...
molto spesso si sbaglia il vestito.
Ada Roggio
Composta venerdì 27 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Quando nasce un amore

    Quando nasce un amore,
    è favola.
    Quando vivi l'amore,
    è passione.
    Quando sussurri all'amore,
    è complicità.
    Quando nasce, non ti accorgi nemmeno.
    Tutto all'improvviso.
    Entra in punta di piedi, prendendosi tutto.
    Corpo e anima,
    passione travolgente.
    È come l'acqua, ti disseta.
    È come il sole, ti riscalda.
    È come la terra, ti accarezza.
    È come il mare, ti coccola.
    È come il cielo, ti avvolge.
    È come le stelle, ti illumina.
    Mille carezze, mille baci.
    Senza parole.
    Gli sguardi s'incrociano.
    Un nodo in gola.
    Un pugno nello stomaco.
    Brividi lungo la schiena.
    Gambe tremanti.
    Mano nella mano.
    Ti amo.
    Ada Roggio
    Composta mercoledì 25 settembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio
      Credevo nelle favole.
      Le favole non sono più le stesse,
      hanno smesso di essere belle.
      Non hanno più il lieto fine.
      Non c'è più scritto e vissero felici e contenti.
      Cerchiamo di sopravvivere alle insidie della Vita rottambolesca.
      Molte favole finiscono con un'atroce drammaticità.
      Lo stile di vita è cambiato, sono cambiate le abitudini, tutto forzatamente.
      Tutto e solo tutto per colpa del mancato lavoro, e delle tasse sempre in aumento.
      Ma se lo stipendio è venuto a mancare, mi dite come si potrà mai pagare?
      Saremo indebitati a vita, finché non sarà finita.
      Saremo perseguitati, trascinati nel baratro della povertà.
      Ognuno di noi,
      una spina dorsale spezzata.
      Ognuno di noi scriverà alla fine della sua favola.
      E vissero perseguitati, trascinati in povertà.
      Ada Roggio
      Composta sabato 31 agosto 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Il mare

        Il mare
        mi piace il mare
        bello, maestoso.
        Azzurro, sfumato.
        A volte schiumoso ondeggiante.
        A volte calmo e trasparente.
        Mi piace il mare.
        Scoprirne le sue ricchezze.
        Toccare con mano gli scogli
        mi piace il mare
        mi lascio accarezzare dalle onde del mare.
        Mi piace il mare
        sedermi sulla sabbia guardare il cielo,
        e se in alto vi è un gabbiano,
        be,
        un giorno tornerò
        vestita di sole piume,
        quel gabbiano sono io.
        Ada Roggio
        Composta sabato 3 agosto 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Donna guerriero

          Tu facevi parte di un gruppo.
          Un giorno ti fu chiesto, di ricoprire la carica di presidente, di li a poco accettasti
          Impacciata, impaurita dianzi all'enorme impegno richiesto, all'improvviso... Lei.
          Lei già presidente di un altro gruppo, ti tese la mano.
          Lei donna d'incanto, donna guerriero, invincibile, sfidava le avversità, irrinunciabile appuntamento con la vita, la rendeva ammagliante.
          La sua
          per te
          fu grande ammirazione, la voglia di raggiungere la sua forza, la sua caparbietà.
          Il vostro percorso, divenne ricco di impegni, di sfide.
          Le cattiverie vi scivolavano come burro
          Insieme due orme incancellabili.
          Raggiungeste la vetta, la meta stabilita.
          Ti insegnò a crescere, ti insegnò a camminare.
          Insieme invincibili
          Poi un giorno, un maledetto giorno, uno squillo, uno dei tanti come sempre.
          Lei ti chiese di incontrarti, ti mise davanti ad un'atroce verità.
          Lei donna guerriero messa a dura prova dalla Vita
          Tutto si chiuse intorno a te, tutto assunse un sapore amaro.
          Apparve la notte senza luna buia e tempestosa.
          Il cielo senza stelle.
          Avevi paura, andasti via
          Dopo un po' tornasti ad incontrarla, era irriconoscibile, si intravedeva la sua bellezza spenta dall'enorme nemico che l'aveva insidiata, il suo sorriso continuava a sfidare il suo unico nemico
          La donna guerriero aveva smesso di combattere,
          presa dalla rabbia decidesti di sfidare insieme a Lei quel nemico silenzioso,
          ma... aimè.
          Il nemico era più insidioso che mai
          La donna guerriero lasciò cadere le mani, si arrese.
          Lei
          Salutò te che nel frattempo eri diventata la donna che volevi somigliare.
          Lei
          Salutò la Vita con un sorriso
          E per sempre si addormentò
          Oggi tu
          il suo specchio riflesso
          di Donna guerriero.
          Ada Roggio
          Composta venerdì 26 luglio 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di