Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

La vita senza amore è...

La vita senza amore è, aspettare che passi un altro giorno
La vita senza amore è, non avere più sole
La vita senza amore è, fingere al mondo di essere felici
La vita senza amore è, la solitudine tua padrona
La vita senza amore è, non avere nessuno al tuo fianco
La vita senza amore è, nascondersi sotto le coperte abbracciasi al cuscino e piangere la solitudine
La vita senza amore è, la completa solitudine
La vita senza amore è, infilarsi la maschera della felicità
La vita senza amore è, dire al mondo che va tutto bene
La vita senza amore è, non avere più carezze, baci, abbracci
La vita senza amore è, la completa disperazione dell'essere umano
La vita senza amore è, cercare rifugio su di un foglio e scriverci i tuoi pensieri
La vita senza amore è, aspettare l'ultimo respiro
La vita senza amore è, sentirsi un morto che cammina
La vita senza amore è la consapevolezza di aver vissuto cercando invano l'amore rubato dal tempo.
Ada Roggio
Composta lunedì 31 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Figlio non rinnegare tua madre

    Lacrime.
    Lacrime di una madre.
    Figlio non rinnegare tua madre.
    Non rinnegare il tuo stesso sangue.
    Lei che ti ha donato la vita a costo della sua stessa vita
    Non rinnegare l'amore che ti ha donato
    Rinnegando lei, rinneghi te stesso
    Lei madre di chi lo ha rinnegato
    Non sarà così liberata la tua anima
    Rinnegando lei, rinneghi la tua stessa vita
    Ama tua madre come lui ama la sua
    Non rinnegare tua madre, lei che ti ha insegnato a camminare a vivere bene
    Rinnegare tua madre, una menzogna sulle tue labbra
    Il Comandamento "Onora tuo padre e tua madre"
    Figlio non rinnegare tua madre
    Tu che vorresti ritornare nel suo grembo e nascere una seconda volta
    Non rinnegare quanto tu hai vissuto, le tue paure, le tue gioie.
    Tua madre è li che aspetta, non si potrà mai arrendere a questo immenso dolore
    Non aspettare che lei un giorno muoia, per gettare le braccia intorno al collo, e gridarle il tuo amore
    Figlio ama tua madre.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Figli di genitori separati, quasi sempre schierati

      Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
      Con la convinzione di riportare l'unione
      Inconsapevoli dell'errore che porta il loro schieramento
      Dell'inabissarsi di chi viene messo in disparte
      Della maledetta solitudine
      Della morte del cuore dell'anima
      Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
      Difficile per loro capire, non fanno altro che soffrire
      Come faranno a capire, non capiranno mai!.
      Figli di genitori separati.
      Amate entrambi i genitori non create altri dolori, nei vostri cuori
      La separazione è un tormento, affligge tutti per un lungo tempo
      Figli di genitori separati, entrambi i genitori se saranno amati
      dal vostro amore può riaffiorare tra loro l'amore
      Spalancate a entrambi le braccia al collo
      Figli di genitori separati, non sentitevi abbandonati
      l'amore resta indissolubile, indivisibile
      Sempre.
      Ada Roggio
      Composta venerdì 28 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Per te, io bugiarda!

        Per te, io bugiarda!...
        Le tue orecchie non vogliono sentire!
        Quello che il mio cuore ha da dire
        Per te bugie, bugie
        Solo inesorabili bugie
        Ma un giorno; quando sarai seduta, anzianotta, stanca
        Quando avrai tanto tempo per ripensare
        Avrai milioni di cose da ricordare.
        Tu oggi hai detto la tua
        Io ho detto la mia.
        Mi hai aperto la porta sono andata via.
        Mandando giù il magone.
        Portandomi un altro peso sul groppone.
        Porto con me la malinconia
        Lascio a te la simulata, l'allegria
        Non aspettare domani per pensare.
        Possiamo ancora ricominciare.
        La verità che continui a negare.
        Non la vuoi ascoltare.
        Perché ti portano a pensare.
        Ricordare.
        Ada Roggio
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Ester

          Ester
          Bambina dai lunghi capelli neri
          Occhioni scuri, dolci sinceri
          Viveva in un paesino tanto lontano
          accompagnata a scuola da chi le dava la mano
          Un giorno la mamma!
          Un giorno un amica
          Arrivava all'autobus e saliva
          Tanti erano i bambini a lei intorno
          vi erano anche adolescenti che le stavano intorno
          Uno in particolare scuro, alto, moro, da non dover dimenticare
          Lui quell'adolescente le fece tanto male
          La teneva sempre seduta sulle sue ginocchia, anche se lei voleva correre e giocare
          Lui la teneva stretta non la faceva andare
          Un giorno così all'improvviso, le strappo dal viso il sorriso
          Ester non capiva niente, scappava via dalla gente
          Divenne irritante, irrequieta
          a nessuno riuscì a raccontare, ciò che lei aveva dovuto sopportare
          Solo il diario poteva parlare
          Lei li era riuscita a confidare che per un lungo anno non poteva scappare
          Ester poi andò via, lasciò il paesino
          Portò con se il ricordo, mai più li fece ritorno.
          Ada Roggio
          Composta giovedì 20 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Disturbo!

            Disturbo!
            Scusa se disturbo
            Sono la mamma
            Si la mamma, colei che ti cantava la ninna nanna
            Ti teneva stretta al cuore, ti dava tutto l'amore
            Ti raccontava la filastrocca, carina, e sciocca
            Oggi sei grande
            Sei uomo, sei donna, e io già nonna
            Scusa se per me resti il mio bambino
            Vorrei tenerti ancora a me vicino
            Vicino come un tempo, ancora un po
            Per il tempo che resta, il mio cuore fa festa
            Per me tu l'amore più grande che c'è
            Insostituibile, incorruttibile
            Amore di una madre.
            Ada Roggio
            Composta domenica 16 maggio 2010
            Vota la poesia: Commenta