Poesie


Scritta da: CINELLA MICCIANI

Non sei un uomo

Voglio parlare a te
e peso le parole.
Me lo impongo a fatica.
Troppo è lo sdegno.
Mi rivolgo a te, uomo
che di umano hai solo
l'aspetto e l'identità.
Deve essere devastante
per la tua mente malata
scoprire che la tua donna
si è stancata di te.
Non ti chiedi il perché,
non ti poni domande,
non ricordi le promesse
i giuramenti, le lacrime.
Quella donna è tua.
Un oggetto tra i tanti,
t'appartiene e basta.
O tua o di nessuno.
Questo è il pensiero
che ottunde la mente.
Offuscato nei sensi
privo ormai di ragione
vivi solo per annientare...
non sei un uomo.
Sei un animale ferito.
L'orgoglio di maschio
è assetato di sangue.
Con false lusinghe
l'accerchi, la segui,
la pedini, la chiami.
Un ultimo addio
è la trappola giusta.
Lei te lo concede
e firma la sua condanna.
Non conosco odio
provo solo orrore.
Ti auguro di ritrovare.
Una coscienza vigile.
Non ridarà la vita a lei
ma certo devasterà la tua.
Composta martedì 23 maggio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Amo la poesia

    Amo la poesia.
    L'amo da sempre.
    La poesia è vita,
    calore e profumo
    dell'animo umano.
    La poesia raccoglie
    una parte di me.
    Riverso su foglio
    istanti magici, radiosi
    alternati ad altri
    nebulosi, tristi
    a volte disperati
    della mia esistenza.
    In ogni mia poesia
    c'è sfogo dell'anima
    inquieta o felice,
    dubbiosa o serena,
    leggera o cupa.
    La poesia è sogno
    misto a realtà.
    Per me scrivere
    è mettere su foglio
    emozioni, pensieri,
    sentimenti veri,
    che colorano d'infinito
    la mia anima
    o la rendono disarmata,
    fragile, inquieta.
    Tutto nasce dal cuore
    e dal cuore si riversa
    come fiume in piena
    su foglio che diviene
    anima viva, parlante.
    Dialogo, condivido
    sorrido, piango,
    m'inabisso nell'oblio,
    volo alto nell'immensità.
    La poesia è vita per me.
    Amarla è bisogno interiore.
    Ogni mio verso è canto,
    un abbraccio a me stessa
    alla vita, all'amore.
    Composta martedì 23 maggio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Immensità

      Mi capita a volte
      di tuffarmi tra la gente
      in cerca di qualcosa
      che riscaldi l'anima.
      Trovo poco niente.
      Arrivano voci
      che sono solo rumori.
      Noto un'indifferenza
      che mette paura.
      Uno ti viene addosso.
      Niente scuse.
      Mi rendo conto
      che la vita corre troppo
      per chi non ha il tempo
      di godersela veramente
      assaporandola piano
      come un gelato gustoso
      o un frutto succulento.
      M'allontano in fretta.
      Pochi passi e sono lì.
      Una distesa accattivante
      d'azzurro immenso
      m'aspetta felice.
      Scalza, mi siedo
      sulla battigia bagnata
      dalle continue schiumate.
      Le narici pizzicano
      invase dalla salsedine
      e dal profumo intenso
      che viene dal mare.
      Immobile, incantata
      dipingo sogni, speranze
      con pennellate d'amore.
      Gabbiani bianchi
      volano sopra le nuvole.
      Questa è vita vera.
      L'acqua accarezza
      gli scogli brillanti.
      Tutto sa di poesia.
      Il mio cuore leggero
      si nutre d'immensità.
      Composta martedì 23 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Amici speciali

        Ho due amici speciali
        a cui voglio tanto bene.
        Un uomo e una donna.
        In verità l'amica è lei,
        unica, specialissima
        immensamente cara.
        Intelligente, capace
        ha un carattere forte
        e fragile ad un tempo.
        È buona, dolcissima
        ma anche dura, cocciuta.
        Io la tengo nel mio cuore.
        Ha mille pregi, valori seri
        slanci di amore vero.
        Bisognosa d'affetto
        d'infinita dolcezza,
        d'attenzioni continue,
        si nutre di sentimenti
        di parole colme d'amore.
        Da sempre ama il suo lui,
        giovane, buono, altruista,
        assai diverso nel carattere.
        È schivo, di poche parole,
        parco nell'esternare il bene.
        Orgogliosi, un po' testardi
        si cercano e s'allontanano
        alla velocità della luce.
        Vicini, due fiammiferi accesi
        lontani, due cani bastonati.
        Giurano e spergiurano
        di star bene da soli
        ma se lei è in difficoltà
        lui corre e si dispera.
        Se sta male lui
        il risultato è uguale.
        Insieme si completano.
        Voglio loro un gran bene.
        Che la vita sia loro benigna
        e li accompagni materna
        verso un lungo viaggio
        d'amore e felicità.
        Composta martedì 23 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Abbi pietà

          O Signore,
          abbi pietà di noi.
          Tu hai ragione.
          Siamo miseri,
          poveri nel cuore,
          troppo distratti
          dai beni materiali.
          Ci ricordiamo di Te
          quando Tu ci servi.
          Hai dato la Tua vita
          per salvare la nostra
          ma troppe volte
          lo dimentichiamo.
          C'è tanta cattiveria.
          Un male assurdo
          sconvolge il mondo.
          Ogni giorno arrivano
          da qualche parte
          di questa povera terra
          notizie di disperazione
          lutti, devastazioni.
          Ovunque attentati,
          guerre, missili, bombe
          e morti, tanti morti.
          Ti scongiuro, mio Dio,
          volgi il tuo sguardo
          verso noi miseri.
          Perdona le colpe,
          tocca il cuore di chi
          conosce solo l'odio.
          Apri le loro menti
          Illumina l'anima
          di questi esseri malvagi.
          Non rispettano la vita
          neppure dei bambini.
          Troppe le lacrime versate.
          Oggi è un giorno di festa.
          La palma sia un vessillo,
          simbolo di pace, bene,
          amore e fratellanza.
          Ferma questo sterminio.
          Signore misericordioso,
          abbi pietà di noi.
          Composta martedì 23 maggio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di