Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: CINELLA MICCIANI

Lucciola in volo

Vestiva un abito rosso
sensuale nel colore
e nella scollatura.
Se guardavi i gesti
scompariva tutto.
Era poco più
d'una bimba impaurita.
Due occhi immensi,
guardavano ovunque,
senza vedere niente.
Dietro di lei, nascosto,
c'era un uomo
di ben altra età,
smaliziato e grintoso
nel tono e nei comandi.
L'ordine era perentorio.
Stai ferma e aspetta.
Si rimetteva in attesa
ma il cuore disperato
traboccava di paura.
Un'angoscia straripante
scorreva lungo le gote.
Veloce s'asciugava
senza farsi notare.
Di sicuro dall'alto
Qualcuno ebbe pietà.
Arrivò una macchina.
La caricò al volo
e via per sempre.
Non ricordo il nome
di quel sacerdote.
Oggi lei racconta felice
la sua storia speciale.
L'anima pura risplende
nello sguardo limpido
nel sorriso radioso.
È la favola magica
d'una lucciola spenta
che ha ritrovato le ali
e ha ripreso a volare
serena nel cuore,
in pace nell'anima.
Composta mercoledì 14 dicembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Corrimi incontro

    Mi capita spesso
    di passeggiare per ore
    lungo la spiaggia,
    proprio sulla battigia
    tra l'acqua fresca
    e il calore della sabbia.
    Inizio a correre
    avanti e indietro,
    ridendo spensierata
    felice come una bimba
    col cuore sgombro
    da nuvole e tempeste.
    Tu che sei nell'anima
    ridi e giochi con me.
    Guardo l'acqua, grido.
    Corrimi incontro, dai
    corrimi incontro.
    Ogni tanto arriva
    inaspettata e fiera
    un'onda gigante
    birba e giocherellona.
    Gli spruzzi bagnano
    ogni cosa intorno
    e me per prima.
    È tale il divertimento,
    che sento il cuore
    scoppiarmi nel petto.
    Imperterrita, inizio
    a rincorrere le onde.
    Corrimi incontro, dai
    corrimi incontro.
    L'onda arriva veloce
    ed io a scappare.
    Corrimi incontro, dai
    corrimi incontro.
    In breve sono bagnata
    dalla testa ai piedi,
    ma sono così felice
    che sento le campane
    squillare dentro me.
    Leggera come piuma
    m'alzo lieve in volo.
    Il cuore è una musica
    l'anima è colma di luce.
    Composta mercoledì 14 dicembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosa Maria Gargano

      Amore mio

      Amore mio, per sempre, edera ammaliante e pungente. Ti aggrovigli al cuore d'ignara gente, velocemente, fino a coprirlo pienamente. Vorresti strapparlo, ma a niente serve, con le tue radici riemergi sempre. Pungi, fai male, resisti nel tempo di chi scioccamente crede nell'amore mio per sempre.
      Composta lunedì 12 dicembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luca Zecca

        In questa beatitudine ti ho cercato

        In questa beatitudine ti ho cercato,
        lì dove nel mare ti sei gettato.
        Pensier mio ardente di peregrinare,
        ora qui non mi puoi più ingannare.

        In questa dolce terra montagna incontra mare,
        ove fin anche il cielo vi si vuole tuffare.
        Che pace e dolcezza per il mio spirito,
        per l'anima riposo che ha rinvigorito!

        Io ti pensavo mentitore e fuggiasco,
        ma tu solo in altra guisa mi stavi guidando.
        Qui dove mente non mi avrebbe portato,
        ma con cuore e sentimento ci sono arrivato.
        Composta venerdì 2 dicembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cristina Leo

          Per te

          Gioiosa mi rende,
          il risuonare insieme a te,
          come due campane
          che all'unisono scoccano
          pur senza essersi sfiorate...
          amata mi sento,
          da te custodita,
          come soggetto prezioso
          in una parte del tuo cuore
          preclusa a molti,
          ma che per me diventa spiraglio...
          protetto
          vorrei farti sentire,
          stretto fra le mie braccia di speranza,
          scaldato dal seno della mia accoglienza,
          sfiorato dalle mie labbra
          che, oramai, bramano solo te,
          di te,
          per te!
          Composta martedì 13 dicembre 2016
          Vota la poesia: Commenta