Poesie


Scritta da: Elena Dandini

Sono nata barocca

Sono nata barocca,
riccioli,
volute,
frondosi e lussureggianti capitelli
i miei pensieri.
Architettura
che guarda sdegnosa
la lineare freddezza
dei tempi.
Un estetico disgusto mi pervade
per linee che rubano
fantasie.
Tutto essenziale,
minimale,
senza anima,
senza amore.
Pietra tenera di Sicilia
forgiata al bello,
divento granito
allo scorgere di un martello deturpatore
di secoli di riccioli,
volute
e di frondosi lussureggianti capitelli.
Il barocco
è supremo atto d'amore.
Composta giovedì 25 maggio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Yatriko Di Vento

    Al libro nuovo

    Oh, poesia
    che non porti pani,
    incompatibile
    come la neve coi tulipani.
    Qui c'è il mio cuore
    che sempre spera
    di cogliere dolce frutto
    la prossima primavera.
    Scorre la linfa
    e spinge l'energia
    scoppiano germogli
    e rime per magia,
    assaporando con arte
    ciò che già esiste
    da un'altra parte.
    Con spunti di filosofia
    e la copertina di piquet
    a mazzo di poesia
    creato come bouquet.
    Il tutto d'indefinibile colore,
    desiderio di vita
    che vive in un fiore,
    pagine si schiudono
    come petali di carta velina,
    sono ali di farfalla cosparse
    di prodigiosa polverina,
    con essa viaggiando
    verso altri sogni d'oro
    si scioglierà la neve,
    si scoprirà un libro nuovo.
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di