Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: Asianne Merisi
È capricciosa la vita,
che toglie le nuvole dal cielo
per farne zucchero filato.
È scorbutica questa vita
che grida se ferita e non placa il pianto
su volto che riga.
Che pagliaccia questa vita,
guance rosa e naso rosso
su sorrisi di anima infinita.
E poi è tenera questa vita,
accarezza e si lascia accarezzare
come coccole da conquistare.
Come bella questa vita,
in discesa
in scesa e lunga risalita.
Composta venerdì 24 marzo 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Asianne Merisi
    Avvolgimi di fiato e parole
    e vestimi di te.
    Imprimi le tue carezze
    sulla mia pelle,
    saziami dei tuoi occhi e
    della tua bocca.
    Per questa fame che io sento,
    ascolta tutto ciò che di me c'è d'ascoltare,
    impara tutto ciò che di me c'è da imparare,
    perché nulla possa essere solo narrato tempo.
    Stringi solo e fortemente
    il cuore e la mente.
    Composta venerdì 24 marzo 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Asianne Merisi
      E se io diventassi vento, e tu le onde?
      Chi stabilisce che il vento sbaglia
      a sospingere le onde
      invece di lasciarle calme,
      mille volte nel mio respiro
      il tuo diventa piacere.
      E se tu tramonto e io alba?
      Chi stabilisce che il sole sbaglia
      a dare luce al mondo,
      oppure la notte il buio.
      Dovrebbe il sole tenersi per se la luce?
      E la notte non lasciar brillare le stelle?
      E se io fossi, un amore puro?
      E tu, il posto dove lasciarlo giacere?
      Chi decide che io non possa
      lasciarti andare per ritrovarti
      dentro ogni goccia di vita.
      Composta giovedì 31 marzo 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Asianne Merisi
        Mi profumava ancora la pelle di lui,
        appariva all'ombra dei sensi
        e sapeva di limone e cannella.
        Ambivo ancora le sue labbra,
        come le onde su le sponde, è tutto
        era oltre gli equilibri
        che in noi non trovavano spazio.
        Era la follia la voce che narrava
        il nostro tutto,
        noi eravamo candori indecenti
        di momenti di incisa passione.
        Composta mercoledì 30 marzo 2016
        Vota la poesia: Commenta