Poesie


Scritta da: Carmelo Cossa

Mamma

Ora che voli anche tu fra le stelle
in cerca del tuo pezzo di cielo
e del tuo amore che ti ha preceduto
ti prego madre mia:
abbraccia papà e illuminatemi ancora
con la vostra bontà,
scaldatemi col vostro silenzioso amore,
abbracciatemi con una carezza e guidatemi
dal cielo come facevate sulla terra
come quando,
amandomi nel vostro umile e decoroso silenzio,
m'insegnavate come vivere e come disegnare
la vita che, con il vostro amore e la vostra fede,
mi avete regalato.
Ho sempre saputo che anche dopo il vostro insegnamento
sarei stato l'unico pastello da usare per colorare
o per annerire la mia vita; ma quel pastello che,
anche nei momenti bui, conservo nel mio cuore,
lo userò solo per colorare la vita
che insieme a Dio mi avete regalato.
Composta lunedì 20 ottobre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mario Cannella

    Solo l'amore è per sempre

    Ingiustizia ancor più indifferenza son reggenza di un mondo crudele.
    Si aprono distese di fiori le spine vi crescono assieme.
    Il nero della notte emana quel tanfo: alimento il profumo d'Amore.

    Ora gente il mare attraversa con coraggio, cercando il desiderato traguardo.
    Solo sguardi scostanti e assai vuoti.
    Vergogna.

    Parole e ricerche urlando tentano invano di spiegare i folli abusi
    partoriti nel tempo da chi senza amore decide:
    il suo cuore luce più non sprigiona
    Amarezza.

    Ma amare è regola d'oro, difficile e semplice insieme.
    Complessa da vivere e sola capace di togliere abiti di tristezza.
    Da sola ridona la vita, come disse il Maestro:
    "Amatevi, così com'ho fatto" in casa e poi nelle strade del mondo.

    Son queste gocce d'Amore e sol così c'è spazio per l'altro.
    Bontà, tenerezza e coraggio chiavi per aprire un portone,
    far di tanti un unico cuore, perché:
    solo l'amore è per sempre!
    Composta martedì 26 aprile 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simone Cumbo

      Donne

      Un mondo corrotto
      insensibile alle foglie

      illuso
      dalla sua stessa agonia

      incastrato di menzogne
      volgare nella luce
      e nel buio

      nel nulla di uomini
      sconfitti
      nel loro vuoto pensiero

      ma tu insisti
      a raccontare parole
      a tratteggiare arcobaleni

      a ridere e sorridere
      all'inumano che avanza
      che ti vuole sempre in ginocchio

      grattalo via
      in questo bordello
      di anime perse
      alla follia umana.
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di