Poesie


Scritta da: Marta Emme
Spesso è con i "chicchirichì"del gallettino
partiti dal pollaio del mio vicino, che mi
alzo di buon ora al mattino, mentre c'è chi
fa il polentino. La mattina ha l' oro in bocca
e allor quel che far mi tocca, lo assolvo
meglio perchè ho il vento in poppa*(piena
di energie). Penso che ogni problema
trovi meglio soluzione se lo si affronta
altrettanto presto, senza esitazione. Ma
questa intenzione spesso nel mondo non
ha applocazione, alimentando una tal
passione*(angoscia) tra le persone che
quando, a suon di trascurar e rimandar,
si forma una cancrena, allor è una gran
pena, perchè l'amputazione*(guerra) è
la sola soluzione, e non c'è discussione.
E questo dramma toglie efficacia
all' espressione*(contano solo le armi),
così tanto pesa quella menomazione.
Se penso a kim, isis, la grande
immigrazione, a queste cose soprattutto,
il senno perdo e mi arrabbio di brutto,
perchè c'è qualcosa che abbiam distrutto*
(dialogo) o forse è mancato proprio il
costrutto. Alzarsi di buon mattino è
un' azione che al fare dispone e tanto
bene quanto buona è l' intenzione; è
il miglior tempo e ha più ragione. È
infatti un segno di grande distinzione
esser solerti in ogni situazione e ha più
soddisfazione.
Composta sabato 22 aprile 2017
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di