Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: GENNY CAIAZZO

Un piccolo gesto

La lontananza non uccide un sentimento,
forse da prima quel rapporto si era spento,
non ci vuole nulla di complicato o speciale,
basta un piccolo gesto, un misero segnale,
solo se si ama si può essere presente,
ti tolgo dalla mia vita se di te non so più niente,
all'amore bisogna darci la giusta importanza,
a porre fine a tutto non è affatto la distanza,
c'è chi finge o vigliaccamente nega,
ma se non si fa sentire di te non se ne frega.
Composta lunedì 2 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Se in mezzo al petto
    mi nascesse stalagmite di fuoco
    e in lacrime calcaree
    librassi in passi di cielo,
    una preghiera diverrebbe tetto
    e nevicherei tutti gli schiaffi dell'aria dolorosa

    Se la pelle mi diventasse d'amianto
    e il gelo scrostasse patine di paura
    precipiterei acqua
    per risalire e svaporare
    fumogena
    pellicola rarefatta
    rifratta
    per gioco di luce
    tra cristalli fragili

    Se fossi stagione
    mieterei
    adesso
    per sfamarmi di pane
    e farmi scorta e formica
    piccola
    nera
    così lontana dai cicalecci

    Anima granulare
    brina e germe freddo
    con la secchezza del peso verso il suolo
    e il terrore del gelicidio
    sarei gragnola
    e muterei il nome in Siberia.
    Vota la poesia: Commenta

      Mango

      Caro compaesano,
      oggi gli occhi "sanno un po' di mare",
      s'inumidiscono di acqua e sale,
      mentre le immagini d'un tiepido tramonto scorrono in video,
      donando al mondo..., note di poesia.
      Ammiri il mare, gli ulivi, i chiari paesaggi
      proiettati nell'azzurro cielo e nel riflesso d'acqua,
      di quel Tirreno che annebbia gli occhi dei villeggianti
      intenti a discender deliziose stradine
      che conducono ai lidi...
      e poi, Maratea, la perla del Sud;
      e poi Lagonegro; la tua bella Città,
      con la casa bianca e la ferrovia...
      e lì, dove anche io ebbi i natali,
      sosta, immersa nel verde, Lauria.
      Luoghi d'incanto che ispirano passioni mai finite,
      tenute nel cuore ed offerte al mondo, con grazia e garbo.
      Arrivederci, caro compaesano...
      Dio ti protegga col suo infinito abbraccio,
      mostrando ai tuoi occhi quel mare luccicante,
      chiaro, pieno di beltà e di sole.
      Composta mercoledì 10 dicembre 2014
      Vota la poesia: Commenta