Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: Cetty Cannatella

Il bambino e il kamikaze

E mentre tu uccidi per un Dio che non conosco,
io ti guardo e mi confondo.
Sono un bimbo e certe cose ancora non le so
ho ancora sulle guance i baci di mia madre,
il calore e la forza delle braccia di mio padre.
Perché per il tuo Dio combatti e uccidi?
Ora sono sulla strada impolverata,
pieno di paura guardo gli orrori delle armi,
e tu riverso a terra
ti sei tolto la vita riempiendo il tuo corpo di dinamite.
Io di colpo ho perso la mia infanzia.
Ho ancora strette le braccia calde di mio padre,
che proteggendo il mio corpo,
è qui immobile e non potrà più spiegarmi il perché.
Composta sabato 24 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Sì o no

    O è sì, o è no, cos'è giusto non lo so.
    Questo mondo va in rovina.
    Degli uomini c'è poca stima.
    Tutti quanti con un gran da fare.
    Tutti dicono di ripristinare.
    Tutti vogliono prendere un accordo, tra loro nessuno è d'accordo.
    Io italiano mi sento di affogare.
    Non so proprio cosa votare.
    Il sondaggio porta la parità, alla fine chi ha più voti vincerà.
    Oh è si, oh è no una x metterò.
    Qualcosa cambierà, brutta o bella non si sa.
    Si spera nel cambiamento aspetteremo qualche decennio!
    Tasse, spese, iva, costi di gestione.
    A farne le spese siamo milioni.
    Composta giovedì 24 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta

      La mano

      La punta del naso sulla bocca di un fiore
      a valle di colli, il dito in fiume
      che scivola, scivola.
      Si arresta di netto!
      Sembra che in un momento prema il grilletto.
      L'attesa è lunga, ma tu...?
      ti paralizzi, non hai scampo
      e aspetti che scoppi l'inferno.
      Fallo!

      Il primo colpo è quello più caldo,
      ti senti il sangue scorrere, sei vivo.
      Il secondo realizza,
      cede il tuo corpo
      e le ali si spezzano.
      Il terzo, abiura, l'inferno si apre
      e il fuoco ti entra,
      per sembrarti eterno
      e vorresti bruciare nella dannazione
      come nessuno.
      Composta martedì 29 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta