Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Paolo Tacconi

Facchino, nato domenica 20 agosto 1972 a Bologna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Tap72

Hans Trapp

La luna annaspa per emergere dalla fitta coltre bianca e quasi gelatinosa che avvolge cielo e terra. Abraham dal balconcino della sua stanza la osserva. È la notte più fredda da quando si è trasferito in paese. Si stringe nelle braccia e corre in casa. Suo padre sta sistemando un tizzone nel... [continua a leggere »]
Paolo Tacconi
Composto mercoledì 2 dicembre 2015
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Tap72

    Il banchetto

    Che grottesco spettacolo. Un tavolone alleggerito da un telo fantasia a fiori, guarnito con chiazze di olio, miste a briciole di formaggio e condimenti vari. Alcuni, combinavano sapori ottenendo cocktail di dubbio godimento, mentre altri custodivano con i gomiti larghi le vie di accesso agli... [continua a leggere »]
    Paolo Tacconi
    Composto sabato 2 maggio 2020
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Tap72

      Il manuale per la corretta pulizia nasale

      Queste righe fanno parte di un vecchio manuale pratico. Lo scrissi alla tenera età di sei anni quando frequentavo la prima elementare. Fu un compagno ad ispirarmi.
      Esistono molti termini per descrivere l'azione di pulirsi il naso con le dita e variano a seconda del luogo dove vi trovate. Fatto... [continua a leggere »]
      Paolo Tacconi
      Composto martedì 1 maggio 2012
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Tap72

        Il pendente

        Il mio tempo è giunto alla fine e non avendo più neppure la forza di stringere una biro tra le dita, ho chiesto di scrivere a un'altra persona sotto mia dettatura, questa confessione. Poiché una cosa è scrivere e correggere mentre lo si fa, mentre un'altra è dettare senza la possibilità di porre... [continua a leggere »]
        Paolo Tacconi
        Composto sabato 1 novembre 2014
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Tap72

          La confraternita

          Lettera del 25 ottobre ore 7.45 p. M.

          Di tutti i posti dove mi hanno condotto le mie indagini questo, è di sicuro il peggiore.
          Mia cara sono a tre soli giorni di distanza ma tra la nostra bella cittadina e questo sperduto paesino di campagna, sembra esserci almeno un secolo.
          Non dico questo... [continua a leggere »]
          Paolo Tacconi
          Composto lunedì 28 ottobre 2013
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Tap72

            Stato sonnambolico

            Il caldo afoso e improvviso di questi giorni, non fa altro che accrescere i sintomi degli individui sofferenti di certe infermità. Causa l'alta temperatura del primo pomeriggio, un uomo arranca a fatica sul selciato dei marciapiedi cittadini. Finalmente come una sorgente nel deserto, intravede... [continua a leggere »]
            Paolo Tacconi
            Composto martedì 31 marzo 2015
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Tap72

              Trapasso

              È sera tarda In uno dei tanti appartamenti di un qualsiasi quartiere in una qualunque città. Uno scrittore è seduto immobile e fissa lo schermo vuoto del suo computer. Mancano pochi giorni al termine posto dall'editore per la consegna dell'opera e non ha ancora digitato una parola. La cosa non... [continua a leggere »]
              Paolo Tacconi
              Composto sabato 26 ottobre 2013
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Tap72

                Venne notte

                Le ombre dei sassi e degli alberi si erano allungate all'improvviso a formare un fitto reticolo disuniforme. Alzai gli occhi e una luna furbastra strisciava sui picchi. Udii il richiamo di una civetta e poi un gufo. A terra impronte di scarponi da montagna procedevano nella mia stessa direzione... [continua a leggere »]
                Paolo Tacconi
                Composto venerdì 1 maggio 2020
                Vota il racconto: Commenta