Poesie inserite da Antonino Gatto

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

L'Amore è

L'Amore è
come il volo di un gabbiano sulla sabbia salata,
come la mano di un artista, sulla tela macchiata,
come la tormenta, alla fine di un estate,
come i brividi alla mia pelle, dalle tue labbra baciate.
L'Amore è l'eterna sensazione
di averti dentro l'anima
ovunque tu sia!
Composta domenica 28 agosto 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Una fiamma nel cuore

    Sorriso beato quanto ti ho amato!
    Vissuto, abbracciato, pianto e cercato.
    Quanto mi mancano i tuoi gesti passati
    di giorni lontani non ancora sfumati.
    Mi sono rimaste emozioni nel petto,
    tutte parole che non ti ho mai detto,
    e le ho conservate sempre al mio lato,
    insieme ai ricordi che tu mi hai lasciato.
    Oggi una fiamma mi arde nel cuore,
    prova vivente di tutto il tuo amore,
    di quel esile fuoco che si è spento nel vento,
    per riaccendersi in me, restandoci dentro!
    Composta domenica 3 luglio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      Mare antico

      Mare,
      ogni mio desiderio di pace,
      si placa restandovi accanto.
      Bianche spiagge assolate,
      letti di vacanze sognate,
      vissuti da vite di stagioni passate.
      Vecchia orchestra antica,
      musica d'altri tempi,
      ritmata dalle vostre correnti.
      Fresche baciate carezze dal vento,
      saporite di sale, colorite d'argento.
      piangetemi addosso, dall'alba al tramonto,
      devastate i miei sensi,
      cancellate il mio pianto!
      Composta lunedì 4 luglio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto

        Il fuoco dell'amore

        Assalito come sempre dalla corsa,
        di ultimare con costante frenesia,
        la giornata che finisce sempre storta,
        nel cercare scappatoie ad ogni via.

        Mi rifugio tardi e stanco, nel silente,
        di un computer che ormai angusto m'abbandona,
        e mi chiedo se è più vecchia la mia mente,
        o il mio corpo per questa vita da maratona.

        Quindi chiudo anche l'ultima applicazione,
        spengo tutto, per raggiungere il cuscino,
        ma prima di sfumar nel sonno ogni emozione,
        devo baciare un solo istante il mio bambino.

        Come d'incanto, la mia mente si riaccende,
        alimentata da un calore che m'assale,
        mentre guardo la mia creatura tanto assorta,
        nel suo sogno sorridendo come un giullare.

        Ogni dolore che mi affligge, vola via,
        ed un brivido mi sfiora piano piano,
        mentre anch'io d'esser bimbo ho nostalgia,
        ed accarezzo il suo bel viso con la mia mano.

        Rimbocco la coperta, e nuovamente mi lascio andare,
        senza badare all'ora tarda che mi vorrebbe consumare,
        perché potrei restare in piedi altre tre ore solo a pensare,
        cosa sognava il mio angioletto, mentre papà stava a guardare.

        Ci sono giorni senza colore,
        ci sono attimi, che sembrano ore,
        ma basta un istante a scaldare un cuore,
        se accendi il fuoco, chiamato amore!
        Composta lunedì 13 giugno 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonino Gatto

          Profumo di mamma

          Cara mamma quanto tempo che è passato,
          ma il tuo sguardo non l'ho mai dimenticato,
          le tue braccia, il tuo sorriso, le tue carezze,
          sono oggi il miele che mi consola dalle amarezze.

          Con noi il destino è forse stato troppo crudele,
          e ti ha lasciato, solo una foto e due candele,
          ma non temere di stare sola mia cara mamma,
          perché tuo figlio palpita ancora in quella fiamma.

          Quel nodo in gola che adesso provi, e ti fa male,
          è la conferma che questo amore, non può finire,
          e se anche il tempo, avrà sbiadito l'ultima foto,
          noi due saremo per sempre insieme nel terremoto.

          Così è la vita, con le sue spine, come le rose,
          sei stata punta dalle emozioni più dolorose,
          ma il mio profumo che ancora senti mia cara mamma,
          non si può spegnere come si è spenta la nostra fiamma.
          Composta venerdì 20 maggio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonino Gatto

            Schiava per lavoro ma libera di pensiero!

            Presto la sveglia, per timbrare puntuale,
            onde evitare di farti multare,
            da un titolare che vanta alla figlia,
            d'esser lui a mantenere la tua intera famiglia.

            Sei vittima silente nel tuo animo buono,
            di donna solare, circondata da squali,
            che sogna di vivere, e ricevere in dono,
            un lavoro in carriera, e due splendide ali.

            Bocconi un po' amari, che tu devi ingoiare,
            perché ne hai bisogno, e non puoi certo scappare,
            ma da oggi ogni lacrima che ti ha fatto star male,
            sarà la tua isola circondata dal mare.

            Da questo momento sei tu la padrona,
            dei tuoi pensieri, che nessuno imprigiona,
            e mentre lavori col fiato sul collo,
            porti a fare pipì il tuo capo al guinzaglio!
            Composta lunedì 16 maggio 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Antonino Gatto

              La carezza di una brezza

              Le nostre stagioni sono trascorse troppo in fretta,
              ma le abbiamo vissute, ad una ad una.
              Abbiamo vissuto la primavera
              nei colori della nostra madre terra,
              l'estate della nostra vita insieme,
              dei nostri figli, ed uniti come pochi
              abbiamo continuato a sognare nuovi progetti.
              Abbiamo vissuto gli autunni un po' amari,
              colorandoli con la nostra forza,
              che non ci ha mai abbandonato,
              e che ci ha aiutato a superare mille battaglie.
              E così oggi, troppo in fretta,
              ci troviamo a vivere questo nostro inverno,
              che si consumerà molto lentamente,
              e non ci darà tregua.
              Così quando il freddo sfiorerà la tua pelle,
              sappi che dentro ogni suo brivido,
              mi troverai, presente, nel vento,
              ad accarezzare la tua pelle,
              come allora, sempre silente,
              ma sempre al tuo fianco.
              Ogni volta che il tuo cuore mi cercherà
              io gli volerò dentro, per non fargli sentire
              neppure per un attimo, la mia assenza.
              Ogni volta che guarderai il cielo,
              mi troverai fra le nuvole,
              e sarò lì per rivedere i tuoi occhi,
              asciugando con una lieve brezza, ogni tua lacrima,
              per nutrirmi come sempre di ogni tuo sorriso.
              Composta martedì 26 aprile 2011
              Vota la poesia: Commenta