Poesie inserite da Antonino Gatto

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

Saldi d' amore

Tu così forte,
ma perplesso di natura,
per aver amato troppe volte
nel cammino della tua avventura.
Hai sempre confidato
in un Signore troppo assente,
che spesso ti è mancato,
quando sei rimasto senza niente.
Tu che non hai mai creduto,
nel conforto di una poesia,
restando sordomuto
mentre lei sfumava via.
Ed ora ti domandi,
se c'è mai stata, un emozione,
che abbia bagnato i tuoi occhi grandi,
come un prato verde, in un ciclone.
Non saranno poche parole
ne le frasi di un autore,
ad accendere il tuo amore,
e far breccia nel tuo cuore,
ma se pensi un solo istante
per chi daresti la tua vita,
capiresti quanto è importante
potergli stringere le dita.
Quindi ricorda che non è mai tardi
dire ti amo, a chi vuoi bene tu,
e non rimandare aspettando i saldi,
perché in amore, se si risparmia...
si compra solo il vuoto, di chi non c'è più!
Composta mercoledì 3 marzo 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Caro amico Leone

    Ogni tanto ti penso,
    e ti vedo seduto sullo scoglio
    a fissare un tramonto,
    e di fronte ai tuoi occhi
    solo l'orizzonte,
    un mare calmo,
    ed il tramonto.
    Se vuoi farmi un regalo,
    questa sera,
    mentre il tuo corpo contemplerà
    attonito i colori del cielo,
    tu cattura con la mente quelle sensazioni;
    ed io, nel sogno della notte, verrò a trovarti,
    per prendermi le emozioni che hai conservato per me.
    Ti lascerò un fiore, col mio profumo,
    che coglierai con un sorriso
    al tuo risveglio,
    quando ti ricorderai,
    per un solo istante,
    di avermi incontrato...
    Composta lunedì 8 febbraio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      Oro, diamanti, e poesia

      Così preziosa pare,
      la pietra che hai comprato,
      con tutto il suo brillare,
      da lasciarti senza fiato;
      per non parlar del sole
      che splende in quel metallo,
      e porta seco gli anni
      di un passato millenario.
      Splendidi tesori,
      padroni della storia,
      ma frutto della terra,
      e della sua memoria.
      Vissuti nelle tenebre,
      la dove sono nati,
      e portati allo splendore,
      dal sudore di antenati.
      Immortali resteranno,
      amati e poi lasciati,
      alla loro madre terra,
      da dove sono nati.
      Per questo ho scelto te,
      mia splendida poesia,
      per non lasciarti mai,
      anche il giorno in cui andrò via.
      Composta domenica 10 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto

        Il gran galà della natura

        Un giorno come tanti,
        all'imbrunire della sera,
        quando ancora qualche spiraglio di sole,
        tinge di mille colori il cielo,
        al di là della collina,
        mi ritrovo seduto a meditare,
        circondato solo
        da un melodico canto di cicale.
        L'autunno è alle porte,
        e i colori lasciati sul suolo,
        mostrano lo splendore della natura,
        che pare variopinta,
        come a far gola,
        al desiderio più segreto di un pittore.
        Così il cielo con la sua vanità,
        pare non esserne meno,
        e fra giochi di nubi che vacillano di forme e colori,
        sfila col suo vestito migliore,
        per donare emozioni,
        a chi con l'animo in gola,
        affronta la gravità, con lo sguardo rivolto all'in su.
        Cosa può desiderare di più,
        il cuore di un artista,
        che vive di piccole cose?
        Composta venerdì 1 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonino Gatto

          100 e 1000 consigli

          Cosa è giusto e cosa no,
          chi può dare una sentenza?
          Forse il Papa, o un magistrato,
          oppure un monaco, o un avvocato?
          Molto spesso la giustizia,
          s'intravede nella legge,
          ma la cosa che ci sfugge,
          e ci crea un gran tormento,
          è sapere come estrarla,
          dal più antico testamento?
          Forse è invano ricercare,
          cosa è bene o cosa è male,
          ma la mia filosofia
          che mi guida nella via,
          sta nel prendere decisioni
          che mi diano frutti buoni.
          Ogni cosa che facciamo,
          di per se, la seminiamo,
          e la vita che viviamo,
          è solo il frutto che mangiamo!
          Quindi se non vuoi sbagliare,
          pensa bene a cosa fare,
          e non essere imparziale,
          scegli il bene e non il male.
          Non serviranno gli avvocati,
          e lo vedremo dai risultati,
          che daranno ai nostri figli
          100 e 1000 più consigli!
          Composta mercoledì 16 dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonino Gatto

            Paura di non farcela

            Nel buio della vita,
            nascosti fra le mura,
            esistono talenti,
            d'inestimabile bravura.

            Li confondi facilmente,
            impegnati come tanti,
            a lavorare intensamente,
            senza smoking e senza guanti.

            Grandi per coraggio,
            non certo per statura,
            rincorrono un miraggio,
            sfuggendo alla sventura.

            La forza per combattere,
            non la trovano nei consigli,
            ma solo nel riflettere,
            sulle pupille dei loro figli.

            Artisti senza ergere,
            in un mondo in cui lottare,
            pochi soldi per emergere,
            la famiglia da sfamare.

            Il talento è il loro dono,
            solo tu li puoi aiutare,
            se li incontri nel cammino,
            non restare li a guardare.
            Composta domenica 13 dicembre 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Antonino Gatto

              Ti regalo una Poesia

              Troppo spesso mi viene voglia di parlarti,
              ma finisco poi sempre a guardarti,
              assetato nel trovar le parole,
              che possano descriverti tutto il mio amore.

              Molte volte mi fermo a pensare,
              se esiste un regalo che ti posso donare,
              per ricambiare ciò che hai fatto per me,
              che non ho mai avuto abbastanza cura di te.

              Forse il tuo cuore mi ha ascoltato più volte,
              quando ero lì per stringerti forte,
              ma la ragione mi ha più volte frenato,
              soffocando l'emozione che mi avrebbe ubriacato.

              Ma oggi ho deciso, e con un po' di coraggio,
              ti dono il mio cuore, con questo messaggio,
              mentre brillano i tuoi occhi, leggendo pian piano,
              le parole che ho scelto per dirti ti amo.
              Composta mercoledì 9 dicembre 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Antonino Gatto

                L'anno che verrà

                Figlio mio, che guardi col nasino in su,
                e sorridi verso il cielo, dal cuore rosso e blù,
                ammirando ad occhi aperti, la tua seconda neve,
                che sfumerà sul viso, il suo percorso breve.

                Così dovremmo sciogliere, il gelo della vita,
                fermando le tempeste, con la forza delle dita,
                seminando l'armonia, sognando un nuovo anno,
                e con questo atteggiamento, sconfiggere ogni affanno.

                L'amore quello vero, che abbiam desiderato,
                sarà, la nostra meta, che abbiam dimenticato,
                verranno altri problemi e noi li affronteremo,
                uniti per la mano, come i vagoni e il loro treno.

                Una famiglia unita, da vivere cent'anni,
                allegra e spensierata, che il fato non condanni,
                per godermi il tuo sorriso, il resto dei miei giorni,
                baciandoti il mattino, e di nuovo quando torni.

                Vivere di gioia, non sarà un illusione,
                basteranno poche regole, e averne suggestione,
                amare per la vita, usando poco il metro,
                seguire il proprio credo, senza mai voltarsi indietro.

                Ecco la mia speranza, per questo nuovo anno,
                amarti ad occhi aperti, con le tempeste che verranno,
                crescendo i nostri bimbi, uniti nel cammino,
                lottando contro il mondo, per tenerti a me vicino.
                Composta venerdì 4 dicembre 2009
                Vota la poesia: Commenta