Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Mariella Buscemi
Presa dalla stessa fame e condannata ai medesimi digiuni.
Ieri, sapevo amare di più e più forte, oggi, ho le rughe.
Sono io che uccido i miei slanci e, piano, ammazzo il gusto, l'olfatto, la memoria.
Sono vittima di un narcisismo che non si riflette più in nessuna immagine e muore del riverbero deformato della propria.
Un unico Amore che mi attraversa le vite e gli umori.
Solo sagome di sesso che cadono, una ad una, col mirino sul petto:
io, Killer sul tetto.
Ripetizione.
Ecolalia.
Stereotipie.
Impotenza sentimentale.
Chè nulla scorderò della tua bocca e delle tue mani,
ché non ho mai amato la mia carne quanto la tua,
ché ciò che è stato dopo ed è oggi è drappo sbiadito e stinto da acidi e veleni corrosivi che vomitano l'amaro che mi hai lasciato in bocca.
Mille soldatini di piombo a far milizia e rappresaglia attorno al cuore, reduce di guerra.
Mariella Buscemi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Curvati sui miei seni
    a cercare abbondanza
    e radici di sostegno.
    Tra le mie braccia,
    nell'abbraccio,
    sarò la tua altalena lenta,
    con i motti sentimentali
    e le cure per la pelle dove bruciano i timori.

    E, stanotte, non invecchierai.
    E t'invado il terrore.

    Ti tolgo il pianto nascosto
    dal cuore screpolato.
    Ti tolgo il lutto
    di una tua vita fa.

    Sarò il tuo sonno.
    Sarai la mia somma.

    Senza pudore per la nostra nudità,
    ti mostrerai s-coperto dei segni crudi,
    e raccoglierò la tua carne tremula,
    in un giro immortale, con le mie mani.

    Raccolto

    Ascolto ciò che il tuo sangue m'insegna,
    ché gridare dentro non è gridar per tutti.

    Ti prometto il non buio,
    mentre assaporiamo la penombra.

    Chìnati sulla mia schiena,
    curva di cuoio rosato
    che si fa letto,
    ché indosso te ed il tuo peso.

    Immutabile.
    Mutevole.
    Divario di luci, ombre e buio.
    Indubitabile.
    Ti salverò dalla notte.

    Anche domani notte.
    Mariella Buscemi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      Ti vedo con gli occhi chiusi,
      ché la pelle li ha sempre aperti.
      Con gli orecchi sulle vertebre
      a sentir il tuo cuore
      quando,
      ritmicamente,
      ti avvicini.
      _Ti allontani
      per entrare dentro al nero,
      bianco della carne, attorno,
      eredità di generazioni
      di donne diafane
      e le tengo tutte in me
      - perfette, perfetta -
      L'odore di mandorle a lisciare i corpi,
      guizzare,
      sgusciare,
      scivolare,
      aderire.
      Sfiora ciò che è sfiorabile
      e tarda e trattieniti.
      Si attacchino i secondi agli attimi
      e si cuciano lembi di pelle,
      di noi,
      amanti siamesi.
      Arpionato ai capelli, corde,
      come se il vacante, sotto, ti aspirasse,
      a stringermi il collo come ad uccidermi,
      invece,
      vivendo.
      Dimentichi di mortalità,
      eterni dei.
      Tu,
      mia Nemesi.
      Mariella Buscemi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        Esco - da me - come magma.
        Incandescente,
        con la scintilla distorta
        e la fiamma tremula.
        Fluisco su pietra lavica,
        lì,
        dove pulso più forte,
        ritmicamente,
        aritmia.
        Come l'Etna che parla di notte,
        inquieta.
        Scosse scuotono.
        Ti ho negli occhi,
        fuoco,
        quando bruci l'acqua
        e spira vento per ingrandirti,
        che è forza, ira ed altri mali
        che mi pervadono,
        mi montano dentro
        con le eruzioni
        a modificarmi di continuo
        zolle e placche umorali.
        Inginòcchiati alle mie pendici
        a sentirmi tremare prima del boato,
        ché esplodo,
        scoppio,
        incenerisco.
        Fucina d'Efesto
        a domare il mio stesso demone.
        Mariella Buscemi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Buscemi
          Più mi attecchisci al cuoio e più mi struggi.
          Distrugge l'artiglio di quest'odore nascosto,
          immaginifico,
          futuro.
          Impensato,
          pensabile.
          Deja-vu remoto, ma con valore oracolare
          che si stende come presagio sulla voglia,
          la mia malinconia.
          Come la ferita inferta
          per mano d'una spada sconosciuta,
          in nome di una qualche guerra,
          a difesa di una qualsiasi patria.
          E mi abito, spoglia,
          desiderio partoriente desiderio,
          mi son scoperta gravida,
          col ventre gonfio,
          d'un nascituro bisogno
          che spazzola i capelli alla mancanza
          che aggiusta la veste al vuoto.
          Che consuma ed incenerisce.
          - Fiammella -
          Attingo acqua da pozzi prosciugati.
          Senza origine.
          Senza meta.
          Seguo la direzione
          che giunge all'equatore.
          Allo zenit.
          Freccia d'Eros, sospinta da Zefiro,
          sulla spalla di Pothos.
          Mariella Buscemi
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Mariella Buscemi
            Craving emozionale.
            Urgenza che mi s-corre sulla tensione del piacere.
            Esasperante prurito che pizzica le pareti dei miei vuoti.
            Io sono un "dipende".
            Assuefatta dal poco, dai limiti, dalla decenza, dal conosciuto, dal consueto, dal desueto.
            Tocca le mie leve interiori.
            Ancora una volta.
            In piena astinenza, ad intervalli regolari,
            percorsa dai tremori freddi della mancanza,
            le tue dita come siringhe di sostanze umorali,
            benefiche-malefiche.
            Mi servono dosi d'istinti, maggiori,
            che mi scorrano tra i capillari come coito cerebrale.
            Mi sclerotizzi i grumi, ostruenti,
            come fossi un attacco ischemico al cranio,
            seppellisci le mie implosioni
            sotto un ictus paralizzante,
            col cuore infartuato
            dalle corse compulsive delle mie ossessioni.
            Sei il rituale che lenisce le mie ruminazioni mentali.
            Un rigurgito da emozioni sature.
            Miscela perfetta.
            Ti chiudo gli occhi in faccia.
            Chè ti sento, prima di vederti.
            Mariella Buscemi
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Mariella Buscemi
              Mi ritrovo nel pensiero, a sentirmi con la mente.
              - In utero -
              Parte di divino che si manifesta. Interno.
              Estremo miracolo.
              Virtuosismo della carne.
              Slancio di vita che mi scoppia dentro.
              Fusione.
              Simbiosi.
              Inarco la schiena e protendo i seni.
              Il liquido amniotico arcaico che mi contiene
              e lega le sensazioni
              dal respiro ai polpastrelli.
              Da gheriglio molle a guscio duro.
              Da bambina a donna.
              Riconquisto la percezione dentro alla mia ipnosi.
              Osmosi.
              Crasi che abbandona ogni antitesi.
              Sintesi evoluta in una spirale aperta.
              Chiasmo tra vita e morte.
              Parto parossistico che mi unisce al mondo
              con un peccato originale,
              ma senza colpe.
              Il mio bianco dentro al nero della vita.
              La mia luce che fende l'oscurità con il vagito primitivo.
              Mi riscopro partorita,
              venuta al mondo
              e mai mi ricordo più nuda,
              bianca.
              Tossisco.
              Chè dentro, annaspavo meno.
              Riconquista della mia essenza pura.
              Regressione.
              Mariella Buscemi
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Mariella Buscemi
                Descrivimi l'inverno dell'anima,
                i singhiozzi della nebbia,
                gli schiaffi del vento.
                Con questo silenzio di cui mi dipingo le labbra e che cola fuori lacrime, inumidendo le angosce ed i tormenti.
                Le tormente, fuori, le cime innevate dei polmoni, dentro.
                Ed il freddo sfida il Tempo che sa solo rubare
                come affetto da cleptomania.
                Cede il passo,
                cade sugli anni,
                la cera si scioglie,
                il cappio al collo,
                il ceppo tagliato.
                Non vedo angoli di paradiso
                e molti angeli sono spalle al muro
                con un'ala trafitta e ben piantata nell'intonaco,
                scegliere di strapparsi e fuggire, mutilati,
                in cerca di altri angeli con un'ala sola
                o rimanere lì, crocefissi,
                a preservare le piume che nessuno mai liscerà.
                In fondo al viale,
                tra i cancelli cigolanti,
                i rami spogli,
                il gelo e le ghiande,
                io, mutilata,
                ho incontrato te, mutilato.
                E se ti mancheranno le parole per descrivermelo,
                io te lo musicherò quest'inverno,
                con i violini e le cetre
                e le viole ed i gelsomini che, a dispetto,
                san di primavera,
                ad addolcire le tue amarene amare,
                a sentire il tuo cuore che fa più cuore col mio,
                trattenerci con la ricerca ossessiva dei baci,
                mentre ci sbilanciamo sui precipizi.
                E lasceremo le paure a far mucchio di niente,
                ché niente sono loro,
                se non per star lì, sullo sfondo,
                in bassorilievo.
                Anche le pietre hanno cambiato posto
                per lasciare più spazio alle nostre ombre,
                adesso, unite.
                - dita pudiche -
                - capricci osceni -
                Sei un uomo solo,
                ma sento dieci bocche e venti braccia.
                Stringimi più forte, ché l'inverno è freddo.
                Spiove.
                Mariella Buscemi
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Mariella Buscemi

                  Civetta

                  Sul fare del crepuscolo cremisi.
                  Regale.
                  Furtiva.
                  Fuggiasca.
                  Mitica saggezza notturna
                  sulla spalla di Atena,
                  con l'occhio vispo della conoscenza,
                  sacra e divina.
                  Luce che fende il buio
                  e segue i profili di luna,
                  demonizzando l'inspiegabile,
                  oracolo dell'incomprensibile.
                  Un'ala nella tenebra,
                  una nella morte
                  e sei vate d'ogni sorte.
                  - Vegliardo -
                  Sventoli le ali scure,
                  ipnotica.
                  Rivelazione.
                  Apocalisse.
                  Plani alla fine del sole,
                  tracci l'orizzonte
                  e ti tuffi nella tua notte.
                  Rapace, ti appropri della mia oscurità
                  e mi identifico in te,
                  nel buio osceno della mia anima,
                  sentinella del mio sonno,
                  mi artigli i sogni
                  e li porti sul ramo più antico.
                  Mi voli, felpata, sul cuore.
                  Udibile, nel richiamo sessuale
                  come quello di una bella donna
                  dallo sguardo diabolico ed affascinante.
                  Strega, invochi gli spiriti sciamani.
                  Mi orno delle tue piume,
                  ché sei totem
                  delle mie trascorse vite tribali.
                  Mariella Buscemi
                  Vota la poesia: Commenta