Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Nel tempio della cultura (Il Vittoriale)

Ho camminato a piedi nudi
tra i cunicoli del Tempio.
I passi avevano paura di svegliarti...

Titubante ho bussato alla porta.
Mi seguivi silenzioso,
ne avvertivo la presenza...

Ti sei accostato al mio fianco
con espressione serena,
amichevole.

Ridiscendo lentamente
il fiume di emozioni.

Silenziosamente...

Senza far rumore...
Giorgio De Luca
Composta domenica 21 aprile 2002
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Libera

    Lascia il nido,
    libera da catene l'anima,
    cerca orizzonti di luce,
    ritrova il sorriso.

    Ama,
    riscopri il sapore di un bacio,
    la gioia di una carezza.

    Ascolta la musica dell'aria,
    lo stormir di fronde,
    l'allegro canto del giorno.

    Vola...

    Apri gli occhi...

    Non aver paura di svegliarti.
    Giorgio De Luca
    Composta venerdì 25 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Tempo inafferrabile

      Tempo inafferrabile...

      Invisibili alme traghetta
      spargendo gelo nel mare d'Estate.

      Negli Autunni di turbati silenzi
      garruli fischi riecheggiano sulle colline
      abitate dal vento.

      Bussa alle porte dell'Inverno,
      chiude finestre alla Giovinezza.

      Nella solitudine della vita
      vaghi ricordi di un tempo senza tempo,

      come il sole offuscato dalla nebbia...
      Giorgio De Luca
      Composta martedì 16 dicembre 2003
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Oh ninfa dall'auree trecce

        Or ch'ella è muta,
        la cetra ch'Amor sonava
        sotterra giace.

        Oh ninfa dall'auree trecce,
        dentro al cor ch'a gran pena,
        la cieca stagione bussa.

        Nei sogni appar più bella.

        Sospirando a' piè de l'alveo fiume,
        al cammin rinuncio lagrimando.

        Arde ancor la fiamma che 'l vento,
        nel tempo,
        l'alma non ha spento.
        Giorgio De Luca
        Composta sabato 24 agosto 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giorgio De Luca

          Donne

          Donne con il lutto al cuore,
          Donne stuprate nei tunnel dei metro,
          Donne rimaste senza voce.

          Donne ferite dallo sguardo indifferente della gente,
          Donne che non sanno più sorridere,
          Donne che combattono la strisciante ipocrisia.

          Donne che respirano l'odore acre del dolore,
          Donne disperate che invocano speranza,
          Donne violentate che hanno sete di giustizia.

          Donne deluse rimaste senza affetto,
          Donne stanche di indossare finte maschere,
          Donne che vedono morire lentamente i giorni.

          Donne che non hanno forza per lottare,
          Donne smarrite nella solitudine della vita,
          Donne tormentate da invisibili ombre.

          Donne che non hanno fiori sul davanzale della finestra,
          Donne che non sanno costruire strade del domani...
          Giorgio De Luca
          Composta giovedì 10 settembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Giorgio De Luca

            Un attimo per capire

            Ho camminato sopra
            una crosta di terra
            senza trovare
            quel che cercavo.

            Ho chiesto a un bambino
            se sapeva di un posto
            nascosto nel cielo,
            è bastato un attimo
            per capire.

            Ha scritto una lettera
            di ghiaccio,
            si è sciolta sotto
            un tiepido raggio.

            Una luce mi fa strada
            nell'immensa valle del sole.

            Mi sono fermato:

            finalmente ho trovato
            quello che cercavo.
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Giorgio De Luca

              Va', non aspettarmi

              A volte la mente vaga
              dentro un labirinto
              di vie intrecciate.

              Ti assale il desiderio
              di sfidare te stesso,
              combattere il nemico
              che si annida nel tuo "io".

              La tua immagine si sdoppia,
              la parte migliore di te
              viene calpestata
              dalla prepotenza del male.

              Vuoi farti ergere ad eroe,
              passare per colui che era forte,
              invece troverai solo biasimo
              per un gesto inutile.

              Ci sarà pietà
              solo per quella mente
              corrosa dal dubbio
              per una scelta.

              Hai deciso di andare via:

              "Va', non aspettarmi".
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Giorgio De Luca

                Innamorarsi all'alba

                È già mattino.

                Attraccata al molo,
                la sirena della nave
                saluta il nuovo giorno.

                Un gabbiano
                si specchia nel mare.

                Il guardiano del faro
                spegne la luce,
                saluta e scappa via.

                La luna si addormenta.

                Innamorarsi all'alba
                di un giorno di mezza estate
                è come ascoltare la serenata
                del mare che naviga
                fino a toccarti l'anima.

                La sete d'amore
                si spegne al tramonto,
                quando il sole si nasconde.
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Giorgio De Luca

                  La mia vita, la vostra storia

                  Monotone ore che m'accompagnate
                  lungo la vita, scandite il vostro tempo
                  in silenzio, come foste il mio spirito!

                  La storia della mia vita,
                  una tra le tante,
                  è custodita nello spazio infinito.

                  La mia infanzia fu rapita,
                  smarrii l'isola felice e non restò
                  che il solo pensiero.

                  Ogni mio respiro soffoca nel nulla,
                  in quel nulla dove ho vissuto
                  senza conoscere il mondo.

                  Ascoltate, quand'è sera,
                  la natura che sospira!

                  Accarezzate i vostri sogni,
                  i momenti felici dell'infanzia!

                  La vostra è vita condita
                  da teneri ricordi!

                  Amate questa vita dove è racchiusa
                  la vostra storia, amatela anche
                  per quelli che, come me,
                  si ritrovano soli e nudi a calpestare
                  in silenzio i sogni del passato.
                  Vota la poesia: Commenta