Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Tristezza

Quanta tristezza, dove è passione
senza sentimento
dove fanciulli soffrono
la fame! Quale giustizia è nelle nostre
mani, noi che indugiamo
nel porgere al viandante, a lui
la mano che ci tende invano?

Aria nel vuoto
immenso della sfera
e, se la vita è certa
all'infinito, sospesi noi
danzanti in mezzo al cielo
come pupille nella notte nera.
Flavia Ricucci
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Violina Sirola

    Fa juorno (Fa giorno)

    Fa juorno, stut o' ffuoco
    nun 'u' nzurfà
    s'appiccia, nun 'u scioscià
    a' cenisa t'abbruscia

    Io te vurria dì
    ca mo' fa juorno, e chiara
    chiara, chiara 'e l'aria
    attuòrno.
    Io te vurria dì,
    sott' 'a 'stu ciel ' stelle
    lucente sò' carute a mmare
    cussì, si nun ci stann' e' llampare

    ch 'e stelle 'a pò verè, 'e acqua
    chiara. E, comm'è bella 'n cielo 'a luna
    chiéna, 'o vient
    frisc' vola 'e fronne
    'e rrose, arape 'a fenesta
    ch 'e stelle 'n' ciel
    'a luna trase ed accussì
    arrepuse

    Stuta 'o ffuoco,
    vurria afferrà ' suonno,
    sulo pe' 'nu mument
    primma ca' fa
    juorno

    Fa giorno, spegni il fuoco, non alimentarlo
    non soffiarci, la cenere ti brucia
    Io vorrei dirti che
    farà giorno e chiara – chiara-
    chiara è l'aria intorno.

    Io vorrei dirti, sotto questo cielo, stelle
    lucenti sono cadute a mare.
    Così, se non ci sono più lampare
    con le stelle puoi vedere
    l'acqua chiara.
    E, come è bella - in cielo - la luna
    piena, il vento fresco vola le foglie
    di rosa. Apri la finestra, con le stelle
    in cielo, la luna entra e così
    - riposi.

    Spegni il fuoco, vorrei addormentarmi
    solo per un momento, prima
    - ch'è giorno.
    Flavia Ricucci
    Composta nel ottobre 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Violina Sirola

      Morale & morte

      Sulla collina della fantasia
      ho visto l'erba crescere, germoglio
      tenero tra il canto degli uccelli.
      Nella valle riarsa, tra le pietre
      spaccate, il desolato pianto di chi vede
      l'osceno; impietoso il canto
      degli uccelli - nel garrire
      festoso dissonanza di cuori.

      Un cacciatore, in nome
      dell'onore - sotto un cielo d'arabeschi
      dorato - una cappa di piombo decreta.
      Non nasconde in pudore
      adesca e disorienta
      -morale e morte –

      Passerotti di un giorno, un cacciatore
      stringe forte un fucile!
      Flavia Ricucci
      Composta nel 1985
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Violina Sirola

        Semplicemente umano

        Desiderio
        d'eterno "Non si versi il sangue
        degli eretici".
        Si è squarciata la tela
        Comunista – Nazista
        Semplicemente - Umano - Sospeso
        tra le nuvole, a svelare
        la sublime ingordigia.
        - Ci si nutre della carne del figlio.
        Dal regno delle tenebre, alla luce
        del sole
        - Meraviglioso giorno!
        Flavia Ricucci
        Composta nel settembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Violina Sirola

          Osso ideale

          Si esorcizza la morte
          combattendo
          in nome di un "credo".
          Maddalena è redenta!
          La vergine madre
          è trafitta nel cuore
          dal figlio, trasformato
          in farfalla
          combattente nell'aria.

          Fa voli stupendi! Sono fili
          tessuti e annodati; un involucro
          mortale soffoca la Terra.
          Cupo è il cielo, cade la pioggia
          va su
          il vento
          sono lampi, poi tuoni, è tempesta:
          di Ragione
          d'Idea
          di Coscienza di Classe
          - di Osso Ideale -.
          Flavia Ricucci
          Composta nel 1982
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Violina Sirola

            Siamo fiori di prato

            Si coltivano fiori
            con diritto alla vita, ma un'illogica
            aurora gira sempre il cartello
            "Sono fiori
            di serra, con diritto privato".

            Quanti fiori, distrutti!

            Com'è dolce l'aurora sopra un prato
            fiorito, senza falsi
            cartelli, senza illustri
            passati. Non profumi di serra, ma il diritto
            alla vita.
            "Siamo fiori di prato".
            Flavia Ricucci
            Composta nel 1985
            Vota la poesia: Commenta