Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Cuomo

Commerciante, nato venerdì 4 febbraio 1966 a Salerno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi, in Diario e in Preghiere.

Scritta da: Antonio Cuomo
Ci sarà sempre un nuovo inizio dopo una fine.
Tornerà di nuovo il sole dopo la tempesta.
Il pianto è passeggero, tu ritornerai a sorridere.
La notte aspetta il giorno.
L'inverno di oggi sarà la primavera domani.
Il tramonto è solo il palcoscenico della notte.
L'emozione più bella è quella che nasce da un'attenzione.
Qualcuno se ne va perché qualcosa di più bello deve arrivare.
Il prepotente è solo qualcuno che ha bisogno di verità.
L'ascolto aspetta una parola.
Mostrando i tuoi difetti accresci le tue sicurezze.
Quello che arriverà non sarà mai uguale a quello che è partito.
Nei tuoi occhi non tutti ci sapranno guardare, di quel piccolo cuore pochi avranno cura, delle tue fragilità pochi saranno la forza.
Ci sarà qualcuno che ti aspetta, ma tu non arriverai.
Ecco perché ti aspetterò, sulla panchina dell'eternità, dove un giorno tu ti riposerai.
Antonio Cuomo
Composta venerdì 5 marzo 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Cuomo
    Un vero amore è molto più di un semplice pensiero.
    Pretende e vuole tutto il tempo.
    Non puoi svenderlo, ma puoi renderlo unico.
    Ci vuole poco, basta essere sinceri e veri.
    Scegliendolo ogni giorno,
    Tenendolo forte, ma senza soffocarlo.
    Saperne ascoltare anche i silenzi,
    Basterebbe sorprenderlo,
    anche quando sembra distratto.
    E viverlo per sempre,
    così come si fa con la vita.
    Antonio Cuomo
    Composta giovedì 21 gennaio 2021
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Cuomo
      Per tutte le violenze che distruggono la tua allegria.
      Mortificazioni che silenziosamente subisci.
      Un corpo usato e poi buttato via.
      La tua dignità che ogni giorno viene screditata.
      L'ignoranza che sa solo umiliarti.
      Colpe mai commesse che però paghi caro.
      Libertà detenuta in una prigione infernale.
      La bocca che non ha più voci da dare.
      Sogni che ti hanno spaccato.
      Amore che ha saputo solo ingannarti.
      Promesse fatte e mai mantenute.
      Spogliata da ogni certezza, vestita di nullità.
      Nuda e infreddolita da un inverno rigido.
      Donna, sei quella Madonna, che ai piedi della croce,
      piangeva disperata il Figlio morente.
      Sei la vita che metti al mondo, l'amore che continua ad essere meravigliosamente in te.
      Antonio Cuomo
      Composta mercoledì 25 novembre 2020
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Cuomo
        Piedi stanchi di un cammino prepotente
        Mani consumate dal tempo
        Viso invecchiato dai dispiaceri
        Occhi che hanno smesso di guardare
        Bocca che non sa più urlare
        Lividi neri che sulla pelle marcano
        Il dolore unico fedele compagno
        Notti in bianco a cercare speranze vane
        Un drappo nero per coprire le umiliazioni
        Schiaffi insulti calci pieni di avvilimento
        Un amore che ti sta ammazzando di illusioni
        Una bestia infame senza niente di umano
        Ti sta trascinando via dalla vita
        Un capo chino davanti a Dio
        In ginocchio dinanzi ad un altare
        Una preghiera senza nessuna risposta
        Passerà se solo lo vorrai
        Basta trovare il coraggio
        Vattene via, scappa da tutto
        Trova in te la forza che ti porti lontano
        Dove quel tempo che sarà
        Ti farà sentire finalmente
        Semplicemente Donna.
        Antonio Cuomo
        Composta mercoledì 25 novembre 2020
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Cuomo
          Mi sento leggero come foglia portata via dal vento
          fragile in balia di quella corrente
          malinconico perché consapevole che prima o poi finirà
          lascerà cadere il mio essere
          lasciandomi a terra in un vuoto tetro.
          L'anima distante
          occhi senza pace
          cuore senza alcuna speranza.
          Solo in una periferia di ricordi
          su un sentiero camminato dalla solitudine.
          Tutto intorno scolora e delude.
          Assaggio il dolore di una fine certa.
          Il tempo scorre senza emozioni
          chi mi aspettava non è più là.
          Vago in un mondo estraneo.
          Sconosciuto il mio destino
          più niente mi appartiene
          se non sono i suoi occhi
          a guardarmi nessuno potrà vedermi
          l'ho gettata via come si lanciano i sassi nel mare
          e adesso quell'azzurro increspato
          non è più il mio mare.
          Antonio Cuomo
          Composta mercoledì 21 ottobre 2020
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonio Cuomo
            Sarò la mano che ti porterà al mare.
            Il pensiero che ti camminerà nel cuore.
            Gli occhi che ti ruberanno dal mondo.
            Il respiro che ti farà gemere di passione.
            Il sorriso che nasce all'improvviso.
            L'assenza che bagnerà il tuo viso.
            Il silenzio che fermerà nella tua mente un sogno,
            che anche senza la notte, vivrà per sempre.
            Antonio Cuomo
            Composta martedì 7 luglio 2020
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Antonio Cuomo
              Amore mio che sei lontana,
              manca il tuo cammino che mai
              calpestò la mia strada
              il tuo sguardo fugace
              sta perdendo i colori
              di queste mute emozioni.
              Quando attraversi
              il mio petto non lasci orme
              fai dei tuoi passi voli di farfalla
              che donano all'anima fiori
              dove riposare le tue ali stanche
              i miei aspiri ardenti
              divampano, incenerendo
              quel ceppo bagnato
              dagli occhi lucenti.
              Antonio Cuomo
              Composta venerdì 3 luglio 2020
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Antonio Cuomo
                Sei la patria di musica e canzoni,
                di inventori e artisti.
                Sei la mamma che ci ha tenuta in grembo,
                adesso stanca e afflitta.
                Tradita e ingannata,
                chiusa dentro i tuoi confini,
                ma il tuo volto è ancora bello,
                ogni spigolo racchiude una bellezza senza eguali.
                Sei terra di conquista, luogo di culto e di passioni.
                Oh, Italia mia! La tua storia ha incantato il mondo, rappresentando
                il luogo più alto della parola di Cristo.
                Ahimè, oggi ti sei addormentata, sei diventata un'anima silenziosa,
                dinnanzi ad un nemico spaventoso.
                Riposati e sana le tue ferite, per rialzarti domani più forte, oh mia Regina, con la corona più bella che ti distingue dalla massa: l'Amore.
                Antonio Cuomo
                Composta giovedì 16 aprile 2020
                Vota la poesia: Commenta