Da troppi a uno

il mio nome non importa,
ciò che provo,
ciò che vorrei.
È il mio voto che vi serve,
il mio sì senza riserve.
Non importa il mio sentire
non importa il mio capire,
è importante l'ubbidire.
Finché anche uno soltanto
per errore o convinzione,
per qualcuno o contro un'altro
per compenso o promozione
firmerà con una croce
messa un poco di traverso
il consenso ad affidare
il suo tempo
la sua vita,
il presente ed il futuro
a chi spesso ha come dote
non saggezza e competenza
ma soltanto il gran parlare,
l'ambizione e l'arroganza
torneremo sempre indietro,
scenderemo sempre in basso,
fino a quando una mattina
parlerà una sola voce,
non per dirci chi votare
ma per dire di ubbidire.
Fra chi è intento a governare
e chi è sempre a criticare
spunterà quell'uomo solo
messo lì per comandare.
Alexandre Cuissardes
Composta lunedì 17 giugno 2013
Vota la poesia: Commenta

    Strada d'attesa

    Aspettami lì,
    dove l'ultima volta
    ti voltai le spalle.
    Aspettami lì
    dove ti trovo ogni volta che sogno,
    e sento quel coltello alla mia schiena.
    Aspettami lì
    al posto di sempre.
    Mi sentirai arrivare,
    anche quando sarò ancora lontano,
    schiocchi di frusta a cavalli sognati
    e tempesta di rabbia ad annunciarmi.
    Prepara un sorriso,
    va bene anche falso,
    come quel dente che hai di traverso,
    coperto d'oro e di falsità.
    Tieni in mano la tua lanterna
    perché ti possa vedere bene.
    Non impaurirti se ti accorgerai
    che sei bloccato,
    non ti puoi scansare,
    sarò veloce nel passare,
    sarà un niente.
    Ti troverai sdraiato
    con la lanterna accesa
    accanto a te
    a vegliare
    sul tuo corpo morto
    da lasciar marcire.
    Alexandre Cuissardes
    Composta martedì 4 giugno 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Il rito

      Mi piaci da morire,
      e ti vorrei spogliare,
      cerchiamoci una chiesa
      un prete ed un altare,
      o un salone comunale
      per regolarizzare.
      Mettiamoci l'anello
      facciamo come tutti
      tu prendi il mio cognome
      io prendo ciò che sei.
      Scambiamoci promesse
      che di rado manteniamo
      ma ciò che conta adesso
      è tornare a casa in fretta
      e poter fare sesso.
      Alexandre Cuissardes
      Composta lunedì 3 giugno 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Dodici ore

        Sono la lancetta di un orologio che funziona male.
        Per tutta la notte segno le dodici,
        in piedi
        sveglio.
        Dal mattino segno le tre,
        disteso
        ma ancora sveglio.
        Ho il crollo alle sei,
        testa in giù.
        Mi rialzo piano,
        ma pur segnando le nove
        mi sento come ero alle tre.
        Disteso,
        stanco ma sveglio
        e mi preparo alle dodici,
        di nuovo in piedi,
        sempre sveglio.
        Alexandre Cuissardes
        Composta venerdì 10 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di