Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Alessandro Bruzzi

Agente Immobiliare, nato mercoledì 2 luglio 1975 a Carrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: BrutalBruzzi

Anima e Corpo

L'Anima prese per mano il corpo
In un lontano giorno della Storia.
Si sarebbero sposati.
Avevano così deciso,
di camminare insieme sul lungo
selciato della Vita.
Poi venne la Morte,
gelosa e perversa,
che per dispetto strappò
il corpo all'Anima e lo portò via
con sé.
Spiegaci o Morte:
Noi siamo l'Anima che sale
Al cielo?
O siamo forse il Corpo
Che subito imputridisce?
Alessandro Bruzzi
Composta giovedì 10 agosto 1995
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BrutalBruzzi

    Tu sei la mia tentazione...

    Come onde del mare,
    i tuoi capelli s'increspano in una cascata dorata,
    mentre i tuoi occhi penetrano nei miei,
    ti guardo come in estasi e mi perdo nei miei pensieri dove la tua immagine si riflette,
    i contorni del tuo volto fanno da cornice alla tua bocca e nella mia io chiamo i tuoi baci,
    tu sei la mia sirena,
    la mia musa, la mia amata tentazione...
    Alessandro Bruzzi
    Composta giovedì 3 aprile 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BrutalBruzzi

      Estasi dopo il sogno...

      Il tintinnio del ghiaccio contro il
      Vetro del bicchiere,
      il Jack Daniel's è scivolato sulla lingua
      giù  nella gola che adesso brucia,
      Lei che si è rivestita nella penombra della camera da letto.
      Ora lei è andata via,
      e i nostri corpi dopo un abbraccio vorticoso
      con la pelle contro pelle
      sudano stanchi di un orgasmo sublime.
      Nella penombra della camera da letto,
      di nuovo il tintinnio del ghiaccio contro il vetro del bicchiere...
      Dopo l'Estasi!
      Alessandro Bruzzi
      Composta lunedì 8 agosto 2005
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: BrutalBruzzi

        Drakulia...

        Guardo la tua bocca
        che vorrebbe baciare le mie labbra
        mi abbandono alla tua lingua sul mio collo
        il tuo sguardo sensuale mi rapisce
        sento le tue mani che accarezzano il mio petto
        mentre le tue cosce di seta
        stringono i miei fianchi...
        Ti abbraccio stretta
        non vorrei più separarmi  dal profumo della tua pelle,
        i tuoi capelli sono di raso
        come fruste nere di cuoio corrono lungo la tua schiena
        ma è come un bel sogno che finisce
        i tuoi canini sprofondano nelle mie vene
        il tuo seno o donna mortale è così bello
        lo guardo mentre ti nutri della mia essenza
        i tuoi seni sono due calici d'argento
        e i rivoli di sangue scivolano sulla bianca epidermide
        mi lasci riverso sul mio letto
        diventi crudele
        quando sei sazia...
        Tu sei una Seduzione Letale!
        Alessandro Bruzzi
        Composta lunedì 11 marzo 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: BrutalBruzzi

          Guardami...

          Guardami... io sono rapito da te!
          Alza il tuo sguardo verso i miei occhi,
          e vedrai te stessa specchiarsi nella pupilla scura,
          di un'anima in preda a spasmi di passione!
          E tu stai lì,
          seduta,
          con lo sguardo a terra,
          prendendoti beffa del tempo,
          immobile come la statua di una Dea immortale,
          bella e implacabile!
          Alessandro Bruzzi
          Composta mercoledì 2 aprile 2008
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: BrutalBruzzi

            Amare e sparire...

            Se il tuo Cuore sofferente
            Non aprirà la sua porta al mio Amore
            Mai più i tuoi occhi vedranno il mio volto
            Mai più le tue orecchie sentiranno la mia voce
            Mai più le tue mani toccheranno la mia pelle
            Mai più le mie labbra baceranno la tua bocca
            Mai più il mio sorriso accoglierà le tue giornate tristi
            Perché nella solitudine è destinato a rimanere
            Chi non accoglie il mio modo di amare
            e il mio modo di sparire
            Dinanzi all'anima insensibile che lascia seccare il fiore
            Senza annaffiarlo con le gocce dei sentimenti
            Che lascia nell'oblio il pensiero dell'ardore
            Ed io amo sì
            e sparisco nel silenzio e nell'apatia
            Da quella vita che della mia né vuole ignorare l'esistenza...
            Amare, sparire
            e annebbiare il mio aspetto per il nessuno.
            Alessandro Bruzzi
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: BrutalBruzzi

              Seguendo Vanessa (Trilogia-Seconda Parte)

              I Tuoi passi sono decisi e sicuri,
              la Tua strada è stata tracciata.
              Tu cammini e non ti fermi,
              nessuno riesce a seguire le tue orme,
              uniche come lo sono le stelle del cielo.
              E il Tuo passo è veloce,
              come un fulmine sfreccia la tua luce.
              Una stella cometa che non si spenge mai,
              ecco la Tua vita che sale ancora più in alto.
              I Tuoi successi sono una collezione di collane,
              collane sempre più lunghe ed intricate,
              sempre più preziose e fluorescenti.
              Oro giallo ed oro bianco,
              diamanti, perle e argento,
              sono i colori della tua fiamma che si è accesa,
              e brucia divampando un'unica luce cromatica,
              accecante,
              irresistibilmente magnetica.
              Seguire Te è come un viaggio sensazionale,
              una corsa che lascia senza fiato.
              I tuoi secondi cadono frenetici sul Viale delle Stelle,
              il tuo Destino è unico.
              A Noi non resta che seguire Vanessa!
              Alessandro Bruzzi
              Composta lunedì 18 maggio 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: BrutalBruzzi

                Seguendo Vanessa (Trilogia-Seconda Parte)

                I Tuoi passi sono decisi e sicuri,
                la Tua strada è stata tracciata.
                Tu cammini e non ti fermi,
                nessuno riesce a seguire le tue orme,
                uniche come lo sono le stelle del cielo.
                E il Tuo passo è veloce,
                come un fulmine sfreccia la tua luce.
                Una stella cometa che non si spenge mai,
                ecco la Tua vita che sale ancora più in alto.
                I Tuoi successi sono una collezione di collane,
                collane sempre più lunghe ed intricate,
                sempre più preziose e fluorescenti.
                Oro giallo ed oro bianco,
                diamanti, perle e argento,
                sono i colori della tua fiamma che si è accesa,
                e brucia divampando un'unica luce cromatica,
                accecante,
                irresistibilmente magnetica.
                Seguire Te è come un viaggio sensazionale,
                una corsa che lascia senza fiato.
                I tuoi secondi cadono frenetici sul Viale delle Stelle,
                il tuo Destino è unico.
                A Noi non resta che seguire Vanessa!
                Alessandro Bruzzi
                Composta lunedì 18 maggio 2009
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: BrutalBruzzi

                  Helmassira...

                  Il piede straniero
                  Non calpesta più la sabbia del deserto,
                  la terra torna
                  nel seno della Patria
                  Madre buona e severa.
                  E nel vento caldo
                  e nella pioggia di fuoco
                  Allah chiama Re Hassan ii°
                  a guidare il suo popolo
                  Nella Marcia Verde
                  della riconquista e della festa!
                  Marakech applaude trecentocinquantamila figli del Sahara
                  Il Corano e la Bandiera
                  Sono le armi
                  a Semar le donne
                  Partoriscono la Libertà
                  Edakhla e Laayoune
                  Cantano l'Unità
                  Come l'Oceano che
                  Scaglia le sue onde impetuose sugli scogli
                  e sulla spiaggia
                  Gridando alla sua gente:
                  "Nessuno mai potrà dividerci!"
                  Guerat festeggia il trionfo
                  Della Nazione e del suo Condottiero
                  i datteri al sole brillano come diamanti
                  e le stelle nella notte
                  Formano un tappeto argentato
                  Dono al suo popolo di Dio.
                  Re Hassan adesso è un fiore
                  Affonda le sue radici nel cuore della sua Terra
                  e il suo nome è ricordato nella Storia
                  Il suo pensiero vive
                  Con Re Mohamed iv°
                  Ancora una volta
                  Il vento chiama
                  i figli del deserto!
                  Alessandro Bruzzi
                  Composta sabato 30 giugno 2001
                  Vota la poesia: Commenta