Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alessandro Bruzzi

Agente Immobiliare, nato mercoledì 2 luglio 1975 a Carrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: BrutalBruzzi

Mi perdo

Mi perdo negli abissi,
di un'anima che
non è più capace di amare;
il cuore non batte,
è vivo,
cristallizzato in un'apatica assuefazione;
i sensi non tremano,
non desiderano,
non percepiscono più nulla,
lo sguardo si ferma dentro una nebbia
di indifferenza e la mente,
ferma, non pensa,
sopravvive alla vita.
Non posso sorridere,
non posso amare fin quando non risalirò
dai meandri oscuri del mio
perdermi nell'anima.
Alessandro Bruzzi
Composta giovedì 12 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BrutalBruzzi

    Riflessi di azzurro

    I tuoi occhi,
    come un oceano infinito
    dove i pensieri si disperdono,
    dove i sogni affondano,
    dove l'amore si colora
    di un azzurro intenso,
    più azzurro del cielo.
    La tua bocca,
    come una pesca dolce e succosa,
    una pesca che non appassisce mai
    e stilla miele dorato
    con un sorriso delicato,
    radioso come un diamante.
    La tua voce,
    è un canto celestiale che attira a te,
    inevitabilmente,
    come un canto di sirena.
    Sei tu una dea?
    O sei tu un'illusione
    dei miei desideri?
    Poco importa,
    perché alla mia vista,
    ai miei gusti,
    ai miei sensi,
    tu mi basti!
    E il cielo e il mare,
    ancora si colorano di azzurro!
    Alessandro Bruzzi
    Composta lunedì 28 febbraio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BrutalBruzzi

      Helmassira...

      Il piede straniero
      Non calpesta più la sabbia del deserto,
      la terra torna
      nel seno della Patria
      Madre buona e severa.
      E nel vento caldo
      e nella pioggia di fuoco
      Allah chiama Re Hassan ii°
      a guidare il suo popolo
      Nella Marcia Verde
      della riconquista e della festa!
      Marakech applaude trecentocinquantamila figli del Sahara
      Il Corano e la Bandiera
      Sono le armi
      a Semar le donne
      Partoriscono la Libertà
      Edakhla e Laayoune
      Cantano l'Unità
      Come l'Oceano che
      Scaglia le sue onde impetuose sugli scogli
      e sulla spiaggia
      Gridando alla sua gente:
      "Nessuno mai potrà dividerci!"
      Guerat festeggia il trionfo
      Della Nazione e del suo Condottiero
      i datteri al sole brillano come diamanti
      e le stelle nella notte
      Formano un tappeto argentato
      Dono al suo popolo di Dio.
      Re Hassan adesso è un fiore
      Affonda le sue radici nel cuore della sua Terra
      e il suo nome è ricordato nella Storia
      Il suo pensiero vive
      Con Re Mohamed iv°
      Ancora una volta
      Il vento chiama
      i figli del deserto!
      Alessandro Bruzzi
      Composta sabato 30 giugno 2001
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: BrutalBruzzi

        Eternamente Vanessa (Trilogia-Terza Parte-Epilogo)

        La Tua bellezza pare eterna,
        non cambia mai la perfezione del Tuo corpo.
        Ogni tuo lineamento,
        ogni Tua curva è come disegnata ogni giorno
        come dal tratto di un pennello Divino ed invisibile.
        Il colore dorato dei Tuoi capelli s'intona come per magia,
        al colore della Tua pelle d'inverno bianco perla,
        l'estate nel colore del sole.
        Ed i Tuoi occhi riflettono il colore celestiale di un oceano infinito,
        in cui i nostri pensieri s'immergono attratti dal Tuo fascino cromatico.
        Resterai eternamente Vanessa,
        il Tuo nome verrà inciso nell'anima di ogni essere vivente,
        come un tatuaggio indelebile.
        Il Tuo nome verrà scolpito come su una roccia immortale,
        sulla parete del Destino e l'umanità non potrà più dimenticarti,
        Tu sarai eternamente Vanessa.

        (Trilogia – Epilogo)

        Il bocciolo del Successo,
        delle Vanità e delle Stelle sta per sbocciare.
        Un bellissimo e profumato fiore immortale sta per nascere,
        una farfalla è pronta per spiccare il suo infinito volo.
        L'Universo del genio e dei talenti,
        sta per accogliere questa Regale farfalla.
        Un sogno fatato che non avrà mai fine.
        Alessandro Bruzzi
        Composta giovedì 28 maggio 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: BrutalBruzzi

          Seguendo Vanessa (Trilogia-Seconda Parte)

          I Tuoi passi sono decisi e sicuri,
          la Tua strada è stata tracciata.
          Tu cammini e non ti fermi,
          nessuno riesce a seguire le tue orme,
          uniche come lo sono le stelle del cielo.
          E il Tuo passo è veloce,
          come un fulmine sfreccia la tua luce.
          Una stella cometa che non si spenge mai,
          ecco la Tua vita che sale ancora più in alto.
          I Tuoi successi sono una collezione di collane,
          collane sempre più lunghe ed intricate,
          sempre più preziose e fluorescenti.
          Oro giallo ed oro bianco,
          diamanti, perle e argento,
          sono i colori della tua fiamma che si è accesa,
          e brucia divampando un'unica luce cromatica,
          accecante,
          irresistibilmente magnetica.
          Seguire Te è come un viaggio sensazionale,
          una corsa che lascia senza fiato.
          I tuoi secondi cadono frenetici sul Viale delle Stelle,
          il tuo Destino è unico.
          A Noi non resta che seguire Vanessa!
          Alessandro Bruzzi
          Composta lunedì 18 maggio 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: BrutalBruzzi

            Seguendo Vanessa (Trilogia-Seconda Parte)

            I Tuoi passi sono decisi e sicuri,
            la Tua strada è stata tracciata.
            Tu cammini e non ti fermi,
            nessuno riesce a seguire le tue orme,
            uniche come lo sono le stelle del cielo.
            E il Tuo passo è veloce,
            come un fulmine sfreccia la tua luce.
            Una stella cometa che non si spenge mai,
            ecco la Tua vita che sale ancora più in alto.
            I Tuoi successi sono una collezione di collane,
            collane sempre più lunghe ed intricate,
            sempre più preziose e fluorescenti.
            Oro giallo ed oro bianco,
            diamanti, perle e argento,
            sono i colori della tua fiamma che si è accesa,
            e brucia divampando un'unica luce cromatica,
            accecante,
            irresistibilmente magnetica.
            Seguire Te è come un viaggio sensazionale,
            una corsa che lascia senza fiato.
            I tuoi secondi cadono frenetici sul Viale delle Stelle,
            il tuo Destino è unico.
            A Noi non resta che seguire Vanessa!
            Alessandro Bruzzi
            Composta lunedì 18 maggio 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: BrutalBruzzi

              Semplicemente Vanessa (Trilogia-Prima Parte)

              Come da una roccia d'alta montagna sgorga la sorgente fresca e pura,
              così la Tua bellezza si è plasmata nel tempo,
              così è nata,
              impetuosa come la cascata di un affluente,
              è comparsa nel mondo la Tua maestosa e monumentale
              perfezione carnale.
              Le Tue forme sono scolpite nel Tuo corpo,
              come gli antichi maestri scolpivano lo splendore
              della donna sulla pietra.
              Sei lo specchio vivente di una Venere,
              hai il fascino sublime ed eterno di una Dea,
              e chiunque può essere fatto prigioniero dal Tuo sguardo,
              perché Tu come un'Arpia hai l'oscuro ed irresistibile
              potere di attrarre a Te qualsiasi cuore pulsante,
              ed il tutto, il quando ed il dove, l'essere e l'intelletto deve essere Tuo!
              I Tuoi occhi sono due perle rare,
              la Tua bocca è un'oasi esotica,
              la Tua voce è un suono Divino,
              la Tua mente è il Valalla degli Dei,
              i Tuoi capelli sono seta d'oro,
              la Tua pelle è velluto pregiato,
              il Tuo corpo è il Paradiso del Piacere,
              perché Tu sei semplicemente Vanessa!
              Alessandro Bruzzi
              Composta martedì 12 maggio 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: BrutalBruzzi

                Vanessa G. (Prologo)

                Il Tuo sguardo corre dritto e forte nel cielo,
                è come un raggio di sole potente che illumina l'oscurità,
                è come un flash che stordisce improvviso,
                è come un diamante immenso che brilla in eterno di luce accecante.
                Tu sei l'opera d'arte più bella,
                la forma scolpita nella carne,
                e la bellezza è stata plasmata nel Tuo corpo...
                La Tua carne, bianca pelle, è morbida come seta.
                Nero pizzo, bianco pizzo nel sudore profumato delle tue cosce.
                I Tuoi seni bianchi e candidi come il marmo, la tua seduzione fatale.
                La luce chiara è riflessa dai tuoi occhi, come due perle incastonate,
                e quei Tuoi riflessi ubriacano di Te e di Te non si può fare a meno,
                bellissima visione che incanta, che inebria, che riempie i Cuori.
                Le Tue pupille che rispecchiano il colore ora del mare,
                ora del cielo, ora di entrambi gli elementi,
                attraggono gli sguardi che si incontrano col Tuo,
                come i satelliti che attraggono le meteore a sé...
                i Tuoi capelli dorati fanno da cornice al Tuo volto
                che come un dipinto prezioso è superbamente disegnato,
                rifinito da un tratto divino che ha firmato la perfezione,
                la proporzione dell'essere stupendo che vive in Te.
                La Tua bocca invitante, le Tue labbra in carne, chiamano i baci;
                rapiscono i baci come il Tuo corpo di Venere rapisce gli sguardi.
                La Tua voce è un canto sublime pari a quello delle Sirene di Ulisse,
                Tu sei l'Odissea di un fascino che non avrà mai fine.
                Tutto è armonia in Te,
                l'anima è conforme al corpo,
                la mente è conforme al Cuore,
                niente è distorto e tutto è in equilibrio perfetto.
                La Tua bellezza Giunonica si impone nell'Universo,
                e Femminilità non può avere solo che un nome,
                un nome soltanto: Vanessa Grappa!
                Alessandro Bruzzi
                Composta mercoledì 29 aprile 2009
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: BrutalBruzzi

                  Voce...

                  Sei voce
                  Che sussurra alla mia mente
                  e imprime la tua immagine
                  Nei miei pensieri...
                  Sei voce
                  Che mi parla da lontano
                  Sei voce
                  Come una canzone delicata
                  Mi trascina in un ritmo senza fine
                  Che vorrebbe portarmi a te
                  e mi incanta
                  Come la tua voce
                  Specchio della tua essenza
                  Ed io
                  Rimarrò in silenzio
                  Per
                  Ascoltare la tua
                  Voce.
                  Alessandro Bruzzi
                  Composta lunedì 28 maggio 2001
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: BrutalBruzzi

                    Sul filo del rasoio...

                    Avevamo deciso
                    Di camminare insieme.
                    Sul filo del rasoio.
                    Forse avevo deciso solo io,
                    ti seguivo in
                    una folle corsa contro il tempo.
                    Il tempo inganna,
                    il tradimento è come una spada,
                    la "Spada di Damocle" che pende sui
                    nostri pensieri.
                    Il cuore si squaglia,
                    la mente s'annebbia e lo sguardo si acceca.
                    Ti vedo per un attimo, poi
                    Non ti vedo e non ti sento più.
                    Sparisci,
                    voli via e l'amore non esiste;
                    avevamo deciso di camminare insieme,
                    ma la lama del rasoio è tagliente.
                    Avevo deciso che la mia vita eri Tu,
                    sul filo del rasoio che ha tagliato il nostro cammino.
                    Ora sono rimasto solo,
                    con la mia vita spezzata a metà.
                    Tu sei lontana,
                    così lontana che quasi non esisti più.
                    Alessandro Bruzzi
                    Composta venerdì 29 maggio 1998
                    Vota la poesia: Commenta